Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed10182017

Last update

Se avvicina la notte de Santa Lusia e sicuramente ì buteleti della provincia i pensa: da fogo ... caspita ariva i regai, bisonga nar el leto presto (perche se Santa Lusìa la te cata sveio iè cassi) ma prima misogna pareciar la taola per la Santa, el Musso e el Castaldo. Ma oltre a questo, per i meteo appassionati (en sto caso non solo Veronesi) vien en mente quel che sucesse el 13 Dicembre del 2001... squillino le trombe: "El Buran de Santa Lusìa". Oddio i l'ha ciamà "Buran" solo perchè fa figo... en Realtà da noialtri el vento che arivà l'era solo Bora, El Buran infatti l'è un vento gelido che però soffia solo nelle Pianure Sarmatiche della Russia e no sulla pianura Padana (ma questa l'è solo na nota da cagacassi). Come sto Dicembre, anche quel del 2001 el cominciò gran mal per i amanti del fredo... ma allora le robe le cambiò, no come st'ano che el periodo "de merda" el narà avanti ancora per un bel poco.

Comunque, anca alora i primi giorni de Dicembre i trascorse en compagnia dell'alta pression sub tropicale..."El camelasso maledetto" e quindi con temperature fora dalla norma in montagna e nebbioni e fresco in pianura, ma soprattutto senza gnanca na faliva en montagna. Questa “ingombrante presenza” l'è ben visibile nelle prossime immagini

L'immagine chi de sora la mostra el camelasso e quela chi sotto la mostra le temperature in quota e come possiamo vedere eravamo in “balia” de una +5° ai 1500 metri…si insomma, no fredo! A differensa de adesso però anche nelle zone nebbiose se arivava a 5/6 gradi de massima.

Per ci ama la meteo e ghe piase le robe "dinamiche", quella situasion l'era dal bon "noiosa" .., en gergo i addetti ai lavori i le ciama "du cojoni", si be insomma, dai non proprio tutti tutti i addetti ai lavori i le ciama così. Ma per fortuna, le robe le taca a cambiar zà verso l'immacolata (allora non ghera ancora ILMETEO.IT a prevedere disastri de neve con 20 giorni de anticipo portando quindi sfiga e mandando en vacca tutte le speranse dei freddofili) quando,  correnti più frede le taca a rivar fin sull'Italia. Prima le cala in quota e subito dopo le rinfresca anche en pianura. Affinchè arivasse ste correnti però ghe sta n'incastro de eventi "barici" che in meteorologia i se ciama "botta de cul". Vedemoli assieme (iè comunque nella prossima immagine):

1) Orso Russo da 1050

2) Balena Azzoriana che se taca con l'Orso formando el cosiddetto Ponte de Weikoff

3) Goccia fredda isolata sulla Russia Europea schiacciata tra l'orso, la balena e el ponte

Ora, zà l'è un casin far previsioni in situassioni normali, figurate quando ghe de mezzo tutto sto casin. De certo le robe en ste condisioni le pol esser molto interessanti.

Infatti, dopo qualche giorno le robe le cambia, el Ponte el fa a farse ciavar (vedi prossima immagine) e la situasion sull'Italia che, si fasea un po' più freddo, ma ghera sempre e solo nebioni, la cambia radicalmente:

  • la goccia fredda la taca a esser rifornia de altra aria gelida diventando parte integrante de una mega massa pression che dall'Artico la "ciuccia" dentro la gossa e quindi fin sull'Europa Orientale un "freddo bisso" (altro termine tecnico...).
  • sulla Scozia envesse, se forma un potente anticiclone de blocco de ben 1040hPa... insomma da li le perturbassioni atlantiche non le passa.
  • E sulla Russia Centrale ghè sempre l’Orso…quindi ancora l’alta pressione gelida
  • Questo vol dir che la bassa pression FREDDA ghe toca star encastrà tra dò alte pressioni… e da li el gà na sola via de uscita: l’Europa Centrale e il Mediterraneo.

Ma non l'è che en queste condissioni sia diventà facile far le previsioni, ansi. Semo al 12 de dicembre e nessun meteorologo serio el se sbilanciò nel preveder cosa l'avaria fatto l'aria fredda, certo nell'aria se sente "profumo" de evento "storico" ma siccome i meteorologi seri non i se sbilancia mai nel dir robe a caso, nessuno si azzardò di menzionare l'arrivo del "Buran" ... anca se ormai mancava poche ore.

Buran o non Buran? questo l'era el problema, l'unica roba certa l'era che avaria fatto MOLTO più freddo, la diression del freddo l'era abastansa ciara, quel che non se savea, l'è se saria stà un freddo "sterile" o se avaria fatto un po' de nevischio... figuremose a parlar de neve con accumulo. Zà allora i savea che soprattutto per el Nord Italia gli ingressi freddi da Est iè per la maggior parte "innocui".

Ma ecco che arriva el 13 Dicembre, fin che i buteleti i versea i regai, i meteo appassionati i osserva subito un cambiamento: Le nebbie non le ghè più, el ciel l'è azzurro, non se vede na nuvola ma ocio...le temperature iera ancora sora lo zero!!! e qua sono sicuro che partì na serie de improperi tra i freddofili che se dovessi scriverli me toca confessarme per un mese de fila! Ma casso!! solo na roba i avea dato per certo, ossia l'arrivo del Freddo e invesse non ià endovinà nemmeno quela. Ma quel che i freddofili/nevofili non i savea mia la mattina del 13 Dicembre, l'era che nella notte, se vede per far passa meio Santa Lusìa, el ponte de Weikoff el savea formà n'altra olta (vedi prossime due immagini), per la gocca fredda (sempre più fredda) non ghera scampo, la gavea per forsa da spostarse verso sud, prima sulla Alpi e da li sull'Italia

L’immagine precedente la "gossa", mentre la prossima immagine mostra come l’aria dentro la gossa, la sia molto più fredda rispetto a l'aria giunta sull’Italia fino a quel momento.

Bon, tutto sto casin "Russo" el taca a far cambiar le robe anca sull'Italia a partire dalle 13.30. Innanzitutto se alza el vento sulla provincia de Verona, si tratta di un Est “pieno” (BORA... no BURAN...ma come dito all'inissio fa figo ciamarlo BURAN) e no un “Nord-Est” e questo è un bene perchè vol dir che qualcosa sta entrando e non dovaria mia esser foehn in caduta dalla Lessinia. Ma le nuvole? Le nuvole dove ele?!?!??  Oddio a esser proprio pignoli, se podaria ciamar nuvole, quei 4 cirri spaisi che se vedea vardando verso est, ma l'era (per un nevofilo) tacarse a tutto sperando che non fusse solo freddo sterile. Tutto cambiò en 45 minuti…quei che ha trasformà una “Ciavada” nel “Buran di Santa Lucia” (ovviamente la ciavada la saria staà per el Nevofilo... ma visto quel che è successo la ciavada la arivà per i caldofili)

Infatti attorno alle 14.10-14.20 el cielo el se ennuvolò del tutto, la temperatura crollò. A Verona se passò dai 7° delle 13 ai 3° alle 14. E verso le 14.30 ecco che l'ariva. Primi fiocchi, prima sparsi e poi via via sempre più copiosi e fitti.

Sul Friuli e el Veneto orientale, l'era zà un'ora che fiocava. Bufere de vento e neve ierà segnalè da Trieste fin a Vicensa. La neve l'era arivà dappertutto, vuto che i freddofili veronesi ei le ciapesse en quel posto ancha staolta? Vuto che la proverbiale sfiga de Verona (perchè verona e la neve le va mia d'accordo) la gavesse reson anca stolta? Avaressemo visto solo quel 4 falive che savea visto finora?

NO Casso!  En un'altra ora la situasione la cambia radicalmente…sul Veronese arriva la bufera… VENTO (toccate punte in campo aperto di 80 Km/h) e NEVE e tutti i nevofili (anca quei che en mezzo ala bufera i ghera con la macchina, come mi) a urlar "LA TACA!!". Oh, la tacava dappertutto, fin sulle pareti verticali delle case, s-chissà dal vento e engiassà all'istante dalla temperatura che nel frattempo l'era finia sotto lo zero.  

El Vento e soffia sempre de più e attorno alle 17, alcune stazioni della zona di Verona le fa segnar i 98Km/h che con una temperatura esterna di -5°... vento a 100Km orari e -5° significa che la tempratura percepita in pianura l'era degna della siberia...grosso modo LA PERCEPITA RIPETO l'era de 20° sotto zero. Insomma na bufera, che durò comunque poco. Attorno alle 19 tutto se calmò…el vento el tacò a calar… i fiocchi i mu sempre più sparsi… e alle 20 en cielo tornò le stelle

Tirando le somme, alla fine, a Verona il Buran de Santa Lusìa non l'è che el portò a tutta sta neve. En media 3cm (ovviamente dove la neve fu portata dal vento se arrivò anca a 30cm) insomma è fiocà anca molto de più en città e soprattutto en provincia, ma probabilmente questa che v'ho appena contà la rimarrà (almeno fino alla prossima) la tempesta de neve più ricordata dai Veronesi… e non solo :)

Ciaoooooooooooo

 

Published in Editoriali

musso4OCIO ghe vol 5 minuti per leserla... dai forse meno... non son mia sta tanto longo ancò...

Per la settimana entrante, la solita analisi semi seria l'ho suddivisa in due diverse parti perchè in realtà vivremo due diverse situazioni nel giro de pochi giorni... Per i novi amici spero che se capissa ci l'è el musso e ci el camel... per la Balena...lassemo perder perchè per ora sarà "un'attrice non protagonista" ... ma se la pensa de vinser l'oscar per la so interpretassion la pol nar a farse ciavar ‪#‎stronsa‬...

Comunque la situazione degli ultimi due giorni è chiara più o meno a tutti... tempo stabile anche se il cielo non è mai di quel bell'azzurro che ci piace tanto... in montagna ghe sempre qualche nuvolotto, l'aria l'è piena de umidità che per respirar ben ghe volaria le branchie come acquaman e fa molto caldo (siamo a 2/4 gradi sopra le medie del periodo a seconda delle zone de pianura che consideremo)... quindi fasendo 2 + 2 = Camel.

Ocio però perchè st'ano i camei, innanzitutto non iè mai (per ora) arrivè forti come l'an passà (infatti questo luglio che si sta per chiuedere non è nemmeno paragonabile a quello del 2015) e poi non iè mai durè tanto (l'an passà i durava 10/15 giorni senza soluzione de continuita).
Questode sti giorni, l'è destinà a tirarse endrio a partire da doman pomeriggio quando da nord arrivarà la musa del musso i cui effett i se farà sentir de più en termini de "calo delle temperature" nella giornada de luni (en parte) e marti de più.
Ho messo "calo delle temperature" tra virgolette perchè non dobbiamo attenderci sti gran cali ... ma secondo me tra lunedì e mercoledì le massime difficilmente supereranno i 30° ma quello che conta è che arriverà PROBABILMENTE un po' de vento a cavar un po' de umido... L'arrivo de sto mussetto en pratica sa falo per el veronese?

1) da doman pomeriggio/sera fin a luni de sera cresse l'instabilità atmosferica che sul Veneto (poi da capire quanto sarà coivolto el veronese anche se par che el sia solo marginale per noialtri) darà luogo a temporali anche molto forti in quel lasso di tempo che ho scritto. Colpi di vento e locali grandinate non si possono escludere perchè il "carburante" di afa e caldo (necessari a far innescare i temporali più forti ) ghe nè en bisogno...ansi se se podesse venderlo la pianura veronese la saria na super potensa en campo energetico e saressimo tutti sceicchi...pecà che de caldo e umidità non se ne fassa gnente nessuno...
2) poterà come detto ad un modesto calo termico che però darà un po' di tregua
3) arriverà anca un po' de vento ma non come l'ultimo musso quindi si... calerà un po' l'afa almeno per qualche giorno

Ecco appunto, el dira per qualche giorno perchè, el musso che arriverà oltre a essere sgerlo, l'è anca orbo e envese de ciaparne noialtri el se enfila zò lungo l'adriatico fin a tirar el gambetto al sud Italia nelle giornata de Giovedì 4 Agosto (nella seconda immagine podì veder come ghe sia un musso che l'è oltà ia a sud della Puglia... ah ah ah ah )... EL Musso che l'olta ia proprio lì el ghe da forsa al camel, che si l'ha sbassà le reccie per due/tri giorni ma non l'è mia morto ansi... l'è pronto a tornar alla carica già da giovedì con temperature e afa destinate a crescere ancora.

E dopo? dopo ghe varie ipotesi...

1) Poco probabile - El musso gigante che se vede nella seconda immagine el ciapa coraio e el ne ciapa en pieno... mmm difficile che la se verifichi
2) Mediamente probabile - El musso gigante el va en portogallo e noialtri semo ciavè perchè el camel el ciapa ancora più forsa e el ne scaldarà per ben
3) Mediamente Probabile - El musso gigante el finisse moribondo en mezzo al mediterraneo isolandosi in "bogonela" che punterà il sud Italia...in questo modo el va a limarghe la goba al camel che el scapa... lassando el sud Italia en balia della bogonela... e noialtri? magari ciapa coraio la balena che stufa dei moijto azzoriani la vien a beerse un bicer de valpolicella (o bardolino, o valdadige, o soave... o metighe quel che volì che dopo no vegna fora che fo le preferesse tra i vini veronesi... a mi i me piase tutti :-P ) e la ne poarta si el caldo ma meno afoso...

Attualmente NON è possibile dire come evolverà la situazione, quindi come sempre vi chiedo di seguire i nostri agiornamenti quotidiani... sta di fatto che agosto inizia "movimentato" con scambi e capovolgimenti di fronte ... vedremo che la spunta..

bon ho finio e come sempre se vi va condividete!!
Ciaoooooooooooooooooo

Published in Editoriali

catullo

Per parlare del temporale di ieri ho scelto una sola foto... quella che un amico della pagina Facebook mi ha inviato dal Catullo.

Sembra de esser a Venessia quando ghe l'acqua alta. Poi per curiosità sono andato a prendere i dati della pioggia rilevati dalla Stazione Meteorologica dell'aeronautica situata proprio all'Aeroporto. Sinceramente mi aspettavo di vedere dati da "nubifragio" (occhio che sto parlando di una sola Zona in questo caso appunto l'aeroporto Catullo) ... I dati invece dicono che al Catullo, nel giro di DUE ore sono caduti 48.5mm di pioggia... si sono tanti... ma non così tanti da giustificare gli allagamenti che ci sono stati.


Se andiamo a vedere i dati rilevati sempre da Arpav a Verona (Zna Parco Adige Nord) i mm sono stati 23.4... in un'ora, a Quinto 26,5 mm sempre in un'ora. Purtroppo non ci sono altre stazioni nella zona a nord di Verona per capire se li si siano concentrate piogge "maggiori" ma quelli che si vedono, Non sono tanti millimetri, assolutamente no... (le alluvioni di Genova, o quelle dell'Est Veronese, registarono 150/200 mm di pioggia all'ora) Quindi, secondo me dobbiamo riflettere (anzi forse è qualcun'altro che deve riflettere...) sul fatto che se invece di 50 mm di pioggia ne fossere caduti di più, quanti altri problemi avrebbe avuto la nostra bella Verona?


Fortunatamente quella di ieri è stata un'eccezione (per Verona...) e temporali di quella entità sono rari e che quindi fra un mese non ci si ricorderà più del fatto che per le strade di Verona ieri sera c'erano i cassonetti che navigavano come se fossero stati i traghetti sul garda, o che molti sottopassi si sono allagati... ho letto varie ipotesi (il sistema fognario, gli scarichi intasati dalle foglie, etc) ... Il fatto che i tombini la mattina seguente stessero ancora "sputando" acqua e non solo a molte ore di distanza dalla fine delle piogge forse spiegano bene dove sia stato il problema... comunuque, qualunque sia quella vera speriamo che vengano presi i provvedimenti per risolvere il problema... e non ricordarsene al prossimo acquazzone.

Ah queste non vuole essere un'accusa a qualcuno... non sono nessuno per permettermi di farlo, ma è solo una riflessione sul fatto che Verona, anche se non accade quasi mai è anche essa una Città fragile se la natura decide di "scatenarsi". Un plauso va a tutte le persone che si sono fatte il culo nella notte e poi anche il giorno dopo per portare la situazione alla normalità in città e nelle zone maggiormente colpite dalle piogge... Grandi Ragazzi.

Published in Editoriali

Nebbie fitte alla mattina nella bassa, poi sole per tutti e temperature che sono salite ai soliti livelli assurdi per il periodo. Solo la nebbia mattutina ha dato una parvenza invernale ad alcune zone della pianura. La cosa piú interessante della giornata (per dirve el livel di monotonia raggiunto da un appassionato di meteo...) è che ho scoperto che ghè ci varda le previsioni per el prossimo inverno vardando i semi dei cachi... previsioni

Per domani nulla di nuovo quindi avremo un'altra giornata soleggiata soprattutto nelle zone settentrionali della provincia. Quelle meridionali faranno sicuramente i conti con qualche nebbia a tratti fitta al mattino e poi dopo il tramonto. Quindi su con le recie!! NON PIOVERA'.

Temperature minime in ulteriore leggero calo e possibili brumade en pianura e massime stazionarie. Forte escursione termica nel corso del giorno, e inversione termica tra montagna e pianura nelle prime ore del giorno. Venti deboli.

Riassumendo ... solita solfa

Per mercoledì e giovedì bel tempo con temperature massime molto miti. Minime fredde in pianura. Occhio sempre alle nebbie nelle ore più fredde del giorno. ATTENDIBILITÀ ALTA

Published in Previsioni giornaliere

CAMEL O BALENA... NO CAMBIA NIENTE... DE PIOVER E FAR FREDO NOL GA' MIA EN MENTE

Eccoci arrivati alla nostra spiegazione semiseria su come volverá il tempo nella prossima settimana... perchè la domanda che tutti si pongono è : ma durelo ancora 09112015primasto caldo?!?! Se lo chiedono sia i caldofili che i par tutti arzilli in sti giorni dopo che nel mese di ottobre aveva fatto "ottobre" normale senza eccessi ma i parea tutti drio morir dal fredo, ma soprattutto se lo chiedono i freddofili che, dopo un ottobre giusto in cui semo ste anca contenti per aver visto el Baldo Bianco, adesso ne toca scainar n'altra olta per el TROPPO caldo. sottolineo TROPPO perchè effettivamente, dati alla mano ai 1500 metri di quota nel week end raggiungeremo temperature che SUPERERANNO le medie trentennali dei primi giorni di novembre di oltre 8/9 gradi... eh chelavaca per trovare temperature al di sotto delle medie di così tanto bisogna nar nel fil l'era glaciale 1 altro che endrio de qualche anno... comunque la risposta alla domanda l'è : bisogna aspetar almeno fin al 15 anche se già dal 12/13 caleranno (soprattutto in montagna) di qualche grado.

Quindi in realtà gò poco da dirve su come evolverà el tempo perchè struca struca... no cambia un casso! La roba più interessante l'è forse rappresentà nell'immagine relativa alla situazione prevista per lunedì dove vedemo chiaramente che se el caldo anomalo el scominsia con en cameleto piccolo piccolo... en realtà dopo el diventa "colpa" dela balena...l'altapressione azzoriana... allora mi digo. "Eh Balena ma maria stuarda te fato tutta istà lontanta a farte i affari toi te n'è lassà en balia del camel che el n'à cotto come na misteca de carne salà per settimane e settimane, non te tè degnà de salvarne e adesso...che sinceramente te podeve anca startene a casa tua, te vegne a romper i coioni a novembre?!?!?" ... ma va en mona va lassa pure che te lo diga dal profondo del cuore!
Quindi a parte l'alleanza balena cammello non cambierà niente quindi dovremmo attenderci tendenzialmente una settimana (almeno fino a giovedì/vererdì MA SEGUITECI TUTTI I GIORNI) stabile e anticiclonica, che si traduce in:

1) No piove che sia ciaro che non piove en maniera seria...ma anche en maniera da torne par el culo secondo mi... no non che dopo no vegna fora che piove massa (ma dopo quando el se desgropa tuto de un colpo vedaremo...)
2) Farà caldo durante el giorno en tutte le zone en cui ghè el sol
3) Perchè ho scritto "le zone in cui ghe el sol" perchè pol esser che en pianura se formi anca dei bei banchi de nebbia quindi ocio (ma ve avviseremo giorno per giorno no stasì preocuparve)
4) ala mattin farà molto fresco en pianura e pù caldo en montagna per vie dell'inversione termica (che come promesso da qualche giorno ve spiegarò cosa l'è ... o meglio perchè la ghè)

Ma prima de finir la sbrodolada...verdemo la seconda immagine. Alla latitudini più alte ghe un MAESTOSO VORTICE POLARE che però el gà un difetto... l'è massa forte... fin quando el VP de pol "serarlo" dentro en cerchio quasi perfetto e gnanca tanto grande vol dir che non el gà nessuna intension de "lanciarne" balote frede verso el mediterraneo ... al più se sbasse le temperature (e come scritto succederà verso metà mese) ma el fredo quelo vero non se lo vede miga... quindi caro VORTICE... date na calmada...rilassate e ogni tanto mola zò en po' de fredo che veder le piante che fiorisse a novembre l'è fora dala grassia del Signor.

Ciaoooo

Published in Analisi

PERCHE' ALA MATTINA PRESTO EN PIANURA GHE' SBORO E SUL BALDO GHE ZA' CALDO?

L'è capità più de na olta nelle ultime settimane che dandove el buongiorno ho scritto "Brumade en pianura e temperature più calde en montagna per effetto dell'inversione termica" ... Questo el par strano perchè i n'à ensegnà che quando se va en montagna bisognaria cuertarse perchè ghè più fredo e spesso quando en inverno piove a Verona sul Baldo arriva la neve quindi se ala mattina me sveio e en pianura ghè zero gradi me emmagino che sul Baldo (o en Lessinia l'è stesso) ghe sia un fredo becco... envese arriva el selvadego de Meteo Caprino a dirve che se volì nar sul Telegrafo ve convien partir legerini...

En condizioni normali è vero quel che tutti i pensa ossia che man man che ne alsemo de quota le temperature le cala... e generalmente le temperature le cala de 6/7 gradi ogni 1000 metri...quindi en pratica se a Verona ghè 10 gradi a Bosco ghe ne saria 3/4. La temperatura la cala con l'altezza perchè... l'aria a contatto con el terreno, ghe grassie al sol l'è caldo, la tende a scaldarse. Scaldandose la tende a salire (lo savemo tutti che l'aria calda la tende a star en alto) .... man man che l'aria la va sempre più in alto diminusce la pressione atmosferica che le schissa... quindi sa succede, che l'aria la taca a "espanderse" ... e espandendose, la cede calor ... e di conseguenza ela la se rinfresca ... La prima immagine mostra questa situazione "normale" ....notare l'artista che è in me...

Ma ormai avemo capio che con el tempo ghe sempre qualcosa da imparar e quindi esistena anche el caso in cui l'aria man man che se va in alto invese de calar de temperatura, succede el contrario ossia che la se scalda (rispetto al terreno). Questo fenomeno el se ciama appunto INVERSIONE TERMICA.

Questo accade soprattutto in inverno per tre motivi:
1) El sol l'è basso all'orizzonte e quindi el fa fadiga a scaldar el terreno perchè i raggi i ariva de sbiego
2) I Giorni iè più curti quindi el sol el scalda meno...la notte l'è più longa e el terreno el se scalda meno
3) Pol capitar che a terra ghe sia la neve e che quindi per el cosiddeto effetto albedo el terreno el sia fredo engiassa

inversione

Tutti i motivi appena descritti i fa si che l'aria al contatto con el terreno la sia MOLTO più fredda del normale e che quindi la sia più fredda de quella ch

e ghè nei primi metri sora le nostre teste...

se poi ghe metemo che anche la montagne de notte la se raffredda e l'aria fredda al contatto con i pendii essendo più densa e pensante la se scrioltola verso valle "scansando" l'aria più calda che ghè a quote più basse... che quindi la sale de quota scaldando l'aria en montagna... ensomma l'è un bel casotto ma sta de fatto che succede quel che v'ho appena scritto.

Le cause dell'inversion termica iè che l'atmosfera l'è talmente stabile (l'è instabile quando l'aria fredda l'è in quota ...) che non ghè movimento de aria...e questo fa si che se possa formar dei bei nebbioni ma soprattutto che envesse de respirar aria sana, se finissa col respirar "merda" ... lo smog infatti ristagna nell'aria per la gioia dei nostri polmoni... La seconda immagine mostra cosa accade con l'inversione termica!

Condividete se vi va!! Emoticon smile
Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Published in Didattica Meteo

Mi me li immagino i omeni primitivi o comunque le prime civiltà quando le gavea a che far con i fenomeni meteorologici... per ogni roba che sucedeva sicuramente el motivo l'era che qualcuno dei "Dii" che i gavea alora per qualche motivo ghe girava i ovi e quindi i se sfogava con i poveri umani:

  • Cascava en spiansiso..."ecco gavemo fato qualcosa al dio del fogo e adesso el ne purga"
  • Arrivava el tramonto ... "ecco el papà de Pollon l'è stufo e el va a dormir" ... a no giusto, Pollon a quei tempi non i savea gnanca cosa el fusse...
  • Arrivava na botta de #caldomerda ... "ecco che quei de ilmerdeo.it i sa enventè n'altro nome del cavolo per el caldo" ... perchè quei de elmerdeo i ghera ancha alora...
  • Tacava a piover ... "ecco che i angioletti ghe scapa la pipì" ... a no quela la me le diseva me nona...
  • Ghera na fila de nuvole a righe nel ciel ... "ecco che gli illuminati i ne irrora con el Bario" ...

Comunque o per na roba o per n'altra ghera sempre de messo na divinità a portare il bello e il cattivo tempo...

I primi che ha provà a dir "Eh no caspita, non pol mia esserghe sempre de mezzo qualche Dio..." iè stè i Mesopotanici (se scrive cosità?!?!) ... si insomma quei che arivava dalla mesopotamia (adesso se pol dir che la saria formà da Israele, Libano, Siria, Iraq ... si insoma dove ghè casin...)...dopo i gà provà i Ebrei.. ma fin quando no sa fato avanti i Greci non ghè sta verso de veder qualcosa de serio... I Greci, nonostante i gavesse un Dio per qualsiasi cosa, ià scritto el primo "manuale de Meteorologia": la Meteorologica di Aristotele (che non l'è miga el personaggio principale de "l'allenatore nel Pallone"...quel el gavea una s in più ala fina...).

Sto manuale, scritto nel 340 a.C. el dimostra, come ci l'ha scritto, el fusse uno con "i contro cojoni" visto che su molte robe el gà embrocà dal bon... tanto più che iè valide anche ai giorni nostri... Sicuramente el ghe nè capiva più de Sanò visto che a quei tempi lù (Aristotele) l'avea descritto perfettamente come se formava la grandine. Per Aristotele infatti la Grandine non l'era miga un regalo del Dio dei Ghiaccioli o del ciclone "Poppea" (Thor, Odino o Sticazzi ... a cui siamo abituati ai giorni nostri) ma l'era un fenomeno che gavea la seguente spiegasion (voleva scriverlo en graco ma acententive de leserlo en Italiano...) :

"a quote elevate la temperatura dell'aria è tale da far ghiacciare l'acqua anche d'estate. Anzi, le grandinate si verificano più spesso in estate perchè il calore del suolo spinge le nubi più in alto facendo così ghiacciare elevate quantità di goccioline contenute nella nube che prima o poi a causa del peso cadono a terra"

... in effetti sucede più o meno sta roba...poi ovvio...Aristotele, considerando la Terra al centro dell'universo, el pensava che el Sole non servisse a n'ostrega ..ansi no dai..al Sol el dava el merito de provocar i Venti ... anche se per lu iera solo due .. Però tutto sommato pur avendo scritto anche na marea de vacade nel so trattato  (chiamiamole inesattezze dai..), podemo dir che Aristotele l'era l'Emilio Bellavite dei so tempi.. El grosso problema de Aristotele l'era che el fasea na fadiga bestia a avvisar i so concittadini che doman saria poduo piover visto che nol podea mia far na Pagina su Facebook o mandar un twitter ... quindi volenti o nolenti i greci ghe tocava ciapar quel che vegneva perchè nessuno ghe diseva se tor su l'ombrela o se ala matina ghe saria stà sboreto.

Comunque quel che ha scritto Aristotele (anca se de scientifico el gavea poco o niente) l'è sta ciapà per bon come la "bibbia" della Meteorologia e delle conoscenze atmosferiche, per almeno 2000 anni... Anca perchè quei che podeva meterghe un poco el becco iera I Romani e non ià zontà gnente de novo... i pensava solo ai Gladiatori, a espender l'impero e se pioveva o fasea el sol l'era stesso. Ma quindi, volio dirme che per 2000 anni avemo considerà valido che "quando il calore del Sole raggiunge la superficie terrestre esso si mescola con l'acqua dando origine ad una sostanza calda e umida simile all'acqua",Benedetto Castelli (1577 - 1643)la fusse la spiegasion scientifica per la formazione del vapore acqueo? A sto punto me domando: ma che casso ai fato en tutto sto tempo? nel Medioevo a parte coparse tra de lori...pensaveli ancora che la neve la fosse la forfora de Zeus???

Dai non l'è miga proprio così...ma purtroppo nel Medioevo l'era l'astrologia a farla da padrone e quindi se piovea l'era perchè "lo Scorpione è andato in trigone con la Vergine e Venere si è allineata con l'Orsa Maggiore per 10 lune..." insoma iera le stele a comandar ,oltre ala alla fortuna dele persone, anca le previsioni del tempo...un po' come ancò noialtri pensemo che le Seole le ne diga che tempo farà per tutto l'ano o che Frate indovino sia meglio de Meteo Caprino.. ah ah ah ah ho fatto la rima...

Comunque passè sti du mila ani in cui l'era Paolo Fox a far le previsioni vardano le stele, arriva el Rinascimento (che devo dir quando l'ho studià a scola el m'ha fatto abbastansa cagar...probabilmente perchè non i m'ha miga dito quel che ve conto fra n'atimo..) e se scominsia a pernsar che  preveder el tempo non fusse miga na cassada ma che ghe fusse delle leggi più "oscure" che la governavano... insomma, banalizar tutto con "le stelle" non bastava più. LE robe bisognava osservarle, misurarle e studiarle... per capirle ... e, soprattutto per misurarle, mancava tutto... quindi, ve pararà strano ma in quel periodo, proprio en Italia  Galileo Galileifu enventà i primi strumenti meteorologici (usati ancora oggi):

Evangelista TorricelliVacca can, ghe n'avemo ententè de robe ... e adesso semo qua a dover far i conti con la Merkel... a quei tempi ghe magnaene i gnochi en testa a tutti ... (bon fine dell'orgoglio italiano...).

Ma oltre a queste invenzioni, fu proprio alora che nacque "meteorologia sinottica" basata sulle prime rilevazioni dei dati raccolti dai strumenti che emo enventà noialtri. Nel 1654 il Granduca Ferdinando II istituì la prima rete meteorologica... el primo passo verso la meteorologia moderna. Adesso scusime ma me toca contarve qualcosa de palloso... Nel periodo compreso fra il 1654 e il 1667 Luigi Antinori coordinò infatti una rete osservativa comprendente stazioni di rilevamento italiane e straniere. Si trattava del primo tentativo di raccolta sistematica di dati osservativi descrittivi e strumentali provenienti da luoghi geografici diversi, tramite l'utilizzazione di strumenti omogenei e l'adozione di procedure di rilevamento il più possibile uniformi.

Quindi ragasse e ragassi giusto per capirse... el bello de quel che l'ha fatto Ferdinando II fu ennventar el metodo de osservazione basato su queste "stazioni meteo" sparse en giro per l'Europa...piuttosto che sulla bontà delle informazioni che arrivava ... disemoselo ciaro le informasioni che arivava da queste stassioni le fasea abbastansa cagar... iera valide come i termometri che al giorno de ancò se vede di fronte alle farmacie e che in istà i ariva a farne vedere 50..60...minchiaaaaa ccento gradi!! (vediamo chi coglie la citazione cinematografica :D). Comunque, nonostante sti "passi avanti", Branko, Paolo Fox e Otelma ierà sempre i mejo... per dir, che l'era sempre  "l'astrologica" ad avere la meglio e gli studi sul Meteo e l'Atmosfera... che iera considerè più robe da fighetti ... ci studiava ste robe iera come i paninari dei anni '80. I primi a entaiarse però che, si si ok la luna l'era en quela posision e la Vergine l'era de spiego con Giove... ma pioveva stesso, iera i Marinai ... innanzitutto i avea capito che i venti forse iera qualcuno de più de due e che se pioveva a buso... beh le stelle le gavea poco da spartir... pioveva, punto... ma mancava ancora da capir perchè.

Dovemo aspetar altri 150 ani grosso modo... arrivando al 1800. Fu in quel periodo che i scomensia a capir che se ancò pioveva a Torino...forse doman saria piovuo a Verona ... perchè, scoperta fondamentale... o meglio intuizione fondamentale, el meteo non lè miga na questione "Locale" ma na roba "più larga" .... quindi vardar el proprio ortesin l'era na cassada... bisognava enformarse...saver quel che succedeva en giro, anche a chilometri de distansa.

Ovvio però che  fino a quando le osservazioni meteorologiche de Torino (tanto per dir un nome...) le arivava a Verona per posta (che l'era l'unico modo per scambiarse le informasioni a quei tempi ... semo nel 1800 ricordivelo... ) ..ghe voleva almanco tri giorni... e quindi i veronesei i savea sicuramente che el giorno prima era piovuo senza che ghe le disesse le previsioni... Eh grassie al casso ... gavea da saverlo ieri che pioveva...così non me sarià mia ciapà l'acqua sula testa... Quindi tutto belo, viva la meteorologia sinottica ... ma sensa un modo rapido per scambiare le informazioni non le serviva proprio a niente! 

A darghe na man ai meteorologi, ghe pensa Samuel Morse ... si proprio quel del codice, che nel 1937 inventò il primo Telegrafo Elettrico e a sto punto anche per la meteorologia iniziò l'era dello sviluppo "moderno" ... Se sà che se se dà na mossa solo quando l'acqua la te toca el cul, e l'acqua la toccò el cul (ai francesi e inglesi) quando una furiosa tempesta sul Mar Nero la affondò quasi tutta la flotta Anglo-Francese nel corso della guerra di Crimea (ve ricordio el film 300 quando le navi persiane le fu sbalotè da na parte a l'altra dal vento e dal mar grosso? eco na roba del genere). A sto punto tutti i capì che forse un'osservazione più "scientifica" degli eventi atmosferici era necessaria (se iavesse savuo prima dell'arrivo de na tempesta con i attributi, probabilmente igli anglo francesi non i avaria miga ciapà na smusada del genere) e nel 1960 nacquero in Italia, Francia ed Inghilterra i primi servizi meteorologici.

Ma a quei tempi i pensava de aver capio tutto ... pensar che bastesse vardar el tempo de "Torino" per saver quel che sucedeva a Verona el giorno dopo ...l'era na putanada e quindi ...sbaglia pervision un giorno, sbaglia presion anche l'altro ...e el terso... e così via...beh fece si che nissuni credesse alla meteorologia che tornò ad essere roba da fighetti... fino a quando......(continua nella 2° Parte)... :-)

Published in Didattica Meteo

terremoto271915

E' stato "udito" da pochi ma effettivamente il giorno 27 Ottobre 2015 sull'alto Garda si è verifica una piccola scossa di terremoto. Ecco i dati ufficiali pubblicati dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia


Un terremoto di magnitudo ML 3.1 è avvenuto nella provincia/zona Trento il

27-10-2015 15:05:37 (UTC) 3 ore, 4 minuti fa
27-10-2015 16:05:37 (UTC +01:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 45.89, 10.8 ad una profondità di 10 km.

Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma.

Published in Terremoti e Vulcani

Anche la giornata odierna sta trascorrendo come ipotizzato quindi senza troppe sorprese rispetto a quello che potevamo attenderci. Abbiamo avuto delle foschie/nebbie in mattinata sulla pianura meridionale, le temperature si sono mantenute sui valori di ieri in pianura mentre in montagna sono leggermente calate e poi, a parte qualche nuvola di passaggio, il cielo si è mantenuto per lo più poco nuvoloso.

previsioniPer domani mi attendo un'altra giornata all'insegna del cielo poco nuvoloso almeno fino al tardo pomeriggio/sera quando il cielo a partire da sud-ovest inizierà ad annuvolarsi. Non credo che nel corso della giornata avremmo precipitazioni... quelle potrebbero apparire nella serata/tarda serata ... ma è più facile che arrivino nella notte successiva.
Ancora nebbie al mattino.

Temperature in leggero calo soprattutto in montagna. Venti deboli.

Riassumendo...verso sera el cambia.

Per Mercoledì piogge soprattutto nel corso della notte e prima mattinata un po' per tutti. più più sparse e deboli con nuovo riotrno di piogge più serie in serata. ATTENDIBILITA' BASSA

Per Giovedì piogge soprattutto nella prima parte della giornata. ATTENDIBILITA' BASSA

Published in Previsioni giornaliere

Doveva essere una domenica discreta ma più "grigia" dei giorni scorsi e per ora le cose stanno andando in questo modo. Infatti, dopo una mattinata che ha visto le prima nebbie nella pianura veronese, è uscito il sole che però con il passare delle ore si è fatto timido a causa nelle previsionivelature che avevamo ipotizzato nelle previsioni emesse ieri. Niente paura perché comunque risultano senza problemi.

Per domani sarà una giornata poco nuvolosa com il sole che sarà più presente rispetto ad oggi ma che comunque non avrà campo libero. Altre velature e nubi solcheranno infatti i nostri cieli. Ancora nebbie in mattinata nelle zone di pianura. Non sono previste piogge.

Temperature ancora governate dall'inversione termica al mattino ma meno marcata in quanto le temperature iniziano a calare in montagna. Massime in pianura stazionarie.
Venti deboli.

Riassumendo altra giornada discreta ma ocio alle nebbie.

Per martedì si parte discretamente con qualche nebbia ma dal pomeriggio si annuvola. Possibili piogge in serata/tarda serata. ATTENDIBILITÀ BASSA.

Per mercoledì giornata emmusonà con piogge sulla provincia. ATTENDIBILITÀ BASSA

Published in Previsioni giornaliere

Page 1 of 3