Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sun12172017

Last update

CIAO SON L'ACQUA... E VOLEA PRESENTARME

Ciao butei e butele, son l’acqua e volea contarve la me storia.
L'è na storia un po' longhetta, ma no, non stasì preocuparve non son mia qua su sta pagina per romperve i coioni, ghe mancaria altro, son qua solo per spiegarve come “el nostro rapporto”, quel tra mi e voialtri, l’è cambià nel corso dei anni.

Magari ve si desmeteghè ma l’è stà proprio nell’acqua che più de tri miliardi de anni fa, sà comincià a vedere le prime forme de vita… eh non stasì immaginarve che quelle forme de vita le fusse stà delle bestie grande e grosse… si valà…iera cellule così piccole che non le se vedea gnanca… ghe voluo altri 2.5 miliardi de anni prima che quelle robe invisibili le fosse così furbe da organisarse en robe un pel più grosse.
Ma solo 200 milioni de anni fa podemo dir che nell’acqua sa comincià a veder qualcosa che se moea: Meduse, Ricci e stelle marine (iè queste le speci più vecie che ghe in giro ancò).

Da quel momento li in poi le prime bestie marine ià comincià a evolversi diventando sempre più scaltre al punto da nar fora dall’acqua diventando prima delle bestiole piccole piccole, poi è arivà i dinosauri (morti per el meteorite) e circa 65 milioni de anni fa ha fatto la so comparsa i primi mammiferi e alla fine si arivè voialtri… i omeni che, ve lo digo sensa polemica, avì cambià completamente la me vita a seconda de come la ve girava.

Ghe sta dei momenti (e in parte l’è così anca adesso) che m’avì considerà come “na medisina” … gavee le fonti guaritrici, le fontane della giovinessa, i dei dell’acqua e tutte ste menade qua, pensando che podeva curarve solo bevendome o lavandove… Ecco magari lavandove ve cavava la spussa… ma esser da sola na medissina…beh no dai, son figa ma no così tanto 			  </div>
			  
			  <div class=

Published in Editoriali

Se avvicina la notte de Santa Lusia e sicuramente ì buteleti della provincia i pensa: da fogo ... caspita ariva i regai, bisonga nar el leto presto (perche se Santa Lusìa la te cata sveio iè cassi) ma prima misogna pareciar la taola per la Santa, el Musso e el Castaldo. Ma oltre a questo, per i meteo appassionati (en sto caso non solo Veronesi) vien en mente quel che sucesse el 13 Dicembre del 2001... squillino le trombe: "El Buran de Santa Lusìa". Oddio i l'ha ciamà "Buran" solo perchè fa figo... en Realtà da noialtri el vento che arivà l'era solo Bora, El Buran infatti l'è un vento gelido che però soffia solo nelle Pianure Sarmatiche della Russia e no sulla pianura Padana (ma questa l'è solo na nota da cagacassi). Come sto Dicembre, anche quel del 2001 el cominciò gran mal per i amanti del fredo... ma allora le robe le cambiò, no come st'ano che el periodo "de merda" el narà avanti ancora per un bel poco.

Comunque, anca alora i primi giorni de Dicembre i trascorse en compagnia dell'alta pression sub tropicale..."El camelasso maledetto" e quindi con temperature fora dalla norma in montagna e nebbioni e fresco in pianura, ma soprattutto senza gnanca na faliva en montagna. Questa “ingombrante presenza” l'è ben visibile nelle prossime immagini

L'immagine chi de sora la mostra el camelasso e quela chi sotto la mostra le temperature in quota e come possiamo vedere eravamo in “balia” de una +5° ai 1500 metri…si insomma, no fredo! A differensa de adesso però anche nelle zone nebbiose se arivava a 5/6 gradi de massima.

Per ci ama la meteo e ghe piase le robe "dinamiche", quella situasion l'era dal bon "noiosa" .., en gergo i addetti ai lavori i le ciama "du cojoni", si be insomma, dai non proprio tutti tutti i addetti ai lavori i le ciama così. Ma per fortuna, le robe le taca a cambiar zà verso l'immacolata (allora non ghera ancora ILMETEO.IT a prevedere disastri de neve con 20 giorni de anticipo portando quindi sfiga e mandando en vacca tutte le speranse dei freddofili) quando,  correnti più frede le taca a rivar fin sull'Italia. Prima le cala in quota e subito dopo le rinfresca anche en pianura. Affinchè arivasse ste correnti però ghe sta n'incastro de eventi "barici" che in meteorologia i se ciama "botta de cul". Vedemoli assieme (iè comunque nella prossima immagine):

1) Orso Russo da 1050

2) Balena Azzoriana che se taca con l'Orso formando el cosiddetto Ponte de Weikoff

3) Goccia fredda isolata sulla Russia Europea schiacciata tra l'orso, la balena e el ponte

Ora, zà l'è un casin far previsioni in situassioni normali, figurate quando ghe de mezzo tutto sto casin. De certo le robe en ste condisioni le pol esser molto interessanti.

Infatti, dopo qualche giorno le robe le cambia, el Ponte el fa a farse ciavar (vedi prossima immagine) e la situasion sull'Italia che, si fasea un po' più freddo, ma ghera sempre e solo nebioni, la cambia radicalmente:

  • la goccia fredda la taca a esser rifornia de altra aria gelida diventando parte integrante de una mega massa pression che dall'Artico la "ciuccia" dentro la gossa e quindi fin sull'Europa Orientale un "freddo bisso" (altro termine tecnico...).
  • sulla Scozia envesse, se forma un potente anticiclone de blocco de ben 1040hPa... insomma da li le perturbassioni atlantiche non le passa.
  • E sulla Russia Centrale ghè sempre l’Orso…quindi ancora l’alta pressione gelida
  • Questo vol dir che la bassa pression FREDDA ghe toca star encastrà tra dò alte pressioni… e da li el gà na sola via de uscita: l’Europa Centrale e il Mediterraneo.

Ma non l'è che en queste condissioni sia diventà facile far le previsioni, ansi. Semo al 12 de dicembre e nessun meteorologo serio el se sbilanciò nel preveder cosa l'avaria fatto l'aria fredda, certo nell'aria se sente "profumo" de evento "storico" ma siccome i meteorologi seri non i se sbilancia mai nel dir robe a caso, nessuno si azzardò di menzionare l'arrivo del "Buran" ... anca se ormai mancava poche ore.

Buran o non Buran? questo l'era el problema, l'unica roba certa l'era che avaria fatto MOLTO più freddo, la diression del freddo l'era abastansa ciara, quel che non se savea, l'è se saria stà un freddo "sterile" o se avaria fatto un po' de nevischio... figuremose a parlar de neve con accumulo. Zà allora i savea che soprattutto per el Nord Italia gli ingressi freddi da Est iè per la maggior parte "innocui".

Ma ecco che arriva el 13 Dicembre, fin che i buteleti i versea i regai, i meteo appassionati i osserva subito un cambiamento: Le nebbie non le ghè più, el ciel l'è azzurro, non se vede na nuvola ma ocio...le temperature iera ancora sora lo zero!!! e qua sono sicuro che partì na serie de improperi tra i freddofili che se dovessi scriverli me toca confessarme per un mese de fila! Ma casso!! solo na roba i avea dato per certo, ossia l'arrivo del Freddo e invesse non ià endovinà nemmeno quela. Ma quel che i freddofili/nevofili non i savea mia la mattina del 13 Dicembre, l'era che nella notte, se vede per far passa meio Santa Lusìa, el ponte de Weikoff el savea formà n'altra olta (vedi prossime due immagini), per la gocca fredda (sempre più fredda) non ghera scampo, la gavea per forsa da spostarse verso sud, prima sulla Alpi e da li sull'Italia

L’immagine precedente la "gossa", mentre la prossima immagine mostra come l’aria dentro la gossa, la sia molto più fredda rispetto a l'aria giunta sull’Italia fino a quel momento.

Bon, tutto sto casin "Russo" el taca a far cambiar le robe anca sull'Italia a partire dalle 13.30. Innanzitutto se alza el vento sulla provincia de Verona, si tratta di un Est “pieno” (BORA... no BURAN...ma come dito all'inissio fa figo ciamarlo BURAN) e no un “Nord-Est” e questo è un bene perchè vol dir che qualcosa sta entrando e non dovaria mia esser foehn in caduta dalla Lessinia. Ma le nuvole? Le nuvole dove ele?!?!??  Oddio a esser proprio pignoli, se podaria ciamar nuvole, quei 4 cirri spaisi che se vedea vardando verso est, ma l'era (per un nevofilo) tacarse a tutto sperando che non fusse solo freddo sterile. Tutto cambiò en 45 minuti…quei che ha trasformà una “Ciavada” nel “Buran di Santa Lucia” (ovviamente la ciavada la saria staà per el Nevofilo... ma visto quel che è successo la ciavada la arivà per i caldofili)

Infatti attorno alle 14.10-14.20 el cielo el se ennuvolò del tutto, la temperatura crollò. A Verona se passò dai 7° delle 13 ai 3° alle 14. E verso le 14.30 ecco che l'ariva. Primi fiocchi, prima sparsi e poi via via sempre più copiosi e fitti.

Sul Friuli e el Veneto orientale, l'era zà un'ora che fiocava. Bufere de vento e neve ierà segnalè da Trieste fin a Vicensa. La neve l'era arivà dappertutto, vuto che i freddofili veronesi ei le ciapesse en quel posto ancha staolta? Vuto che la proverbiale sfiga de Verona (perchè verona e la neve le va mia d'accordo) la gavesse reson anca stolta? Avaressemo visto solo quel 4 falive che savea visto finora?

NO Casso!  En un'altra ora la situasione la cambia radicalmente…sul Veronese arriva la bufera… VENTO (toccate punte in campo aperto di 80 Km/h) e NEVE e tutti i nevofili (anca quei che en mezzo ala bufera i ghera con la macchina, come mi) a urlar "LA TACA!!". Oh, la tacava dappertutto, fin sulle pareti verticali delle case, s-chissà dal vento e engiassà all'istante dalla temperatura che nel frattempo l'era finia sotto lo zero.  

El Vento e soffia sempre de più e attorno alle 17, alcune stazioni della zona di Verona le fa segnar i 98Km/h che con una temperatura esterna di -5°... vento a 100Km orari e -5° significa che la tempratura percepita in pianura l'era degna della siberia...grosso modo LA PERCEPITA RIPETO l'era de 20° sotto zero. Insomma na bufera, che durò comunque poco. Attorno alle 19 tutto se calmò…el vento el tacò a calar… i fiocchi i mu sempre più sparsi… e alle 20 en cielo tornò le stelle

Tirando le somme, alla fine, a Verona il Buran de Santa Lusìa non l'è che el portò a tutta sta neve. En media 3cm (ovviamente dove la neve fu portata dal vento se arrivò anca a 30cm) insomma è fiocà anca molto de più en città e soprattutto en provincia, ma probabilmente questa che v'ho appena contà la rimarrà (almeno fino alla prossima) la tempesta de neve più ricordata dai Veronesi… e non solo :)

Ciaoooooooooooo

 

Published in Editoriali

catullo

Per parlare del temporale di ieri ho scelto una sola foto... quella che un amico della pagina Facebook mi ha inviato dal Catullo.

Sembra de esser a Venessia quando ghe l'acqua alta. Poi per curiosità sono andato a prendere i dati della pioggia rilevati dalla Stazione Meteorologica dell'aeronautica situata proprio all'Aeroporto. Sinceramente mi aspettavo di vedere dati da "nubifragio" (occhio che sto parlando di una sola Zona in questo caso appunto l'aeroporto Catullo) ... I dati invece dicono che al Catullo, nel giro di DUE ore sono caduti 48.5mm di pioggia... si sono tanti... ma non così tanti da giustificare gli allagamenti che ci sono stati.


Se andiamo a vedere i dati rilevati sempre da Arpav a Verona (Zna Parco Adige Nord) i mm sono stati 23.4... in un'ora, a Quinto 26,5 mm sempre in un'ora. Purtroppo non ci sono altre stazioni nella zona a nord di Verona per capire se li si siano concentrate piogge "maggiori" ma quelli che si vedono, Non sono tanti millimetri, assolutamente no... (le alluvioni di Genova, o quelle dell'Est Veronese, registarono 150/200 mm di pioggia all'ora) Quindi, secondo me dobbiamo riflettere (anzi forse è qualcun'altro che deve riflettere...) sul fatto che se invece di 50 mm di pioggia ne fossere caduti di più, quanti altri problemi avrebbe avuto la nostra bella Verona?


Fortunatamente quella di ieri è stata un'eccezione (per Verona...) e temporali di quella entità sono rari e che quindi fra un mese non ci si ricorderà più del fatto che per le strade di Verona ieri sera c'erano i cassonetti che navigavano come se fossero stati i traghetti sul garda, o che molti sottopassi si sono allagati... ho letto varie ipotesi (il sistema fognario, gli scarichi intasati dalle foglie, etc) ... Il fatto che i tombini la mattina seguente stessero ancora "sputando" acqua e non solo a molte ore di distanza dalla fine delle piogge forse spiegano bene dove sia stato il problema... comunuque, qualunque sia quella vera speriamo che vengano presi i provvedimenti per risolvere il problema... e non ricordarsene al prossimo acquazzone.

Ah queste non vuole essere un'accusa a qualcuno... non sono nessuno per permettermi di farlo, ma è solo una riflessione sul fatto che Verona, anche se non accade quasi mai è anche essa una Città fragile se la natura decide di "scatenarsi". Un plauso va a tutte le persone che si sono fatte il culo nella notte e poi anche il giorno dopo per portare la situazione alla normalità in città e nelle zone maggiormente colpite dalle piogge... Grandi Ragazzi.

Published in Editoriali

Nebbie fitte alla mattina nella bassa, poi sole per tutti e temperature che sono salite ai soliti livelli assurdi per il periodo. Solo la nebbia mattutina ha dato una parvenza invernale ad alcune zone della pianura. La cosa piú interessante della giornata (per dirve el livel di monotonia raggiunto da un appassionato di meteo...) è che ho scoperto che ghè ci varda le previsioni per el prossimo inverno vardando i semi dei cachi... previsioni

Per domani nulla di nuovo quindi avremo un'altra giornata soleggiata soprattutto nelle zone settentrionali della provincia. Quelle meridionali faranno sicuramente i conti con qualche nebbia a tratti fitta al mattino e poi dopo il tramonto. Quindi su con le recie!! NON PIOVERA'.

Temperature minime in ulteriore leggero calo e possibili brumade en pianura e massime stazionarie. Forte escursione termica nel corso del giorno, e inversione termica tra montagna e pianura nelle prime ore del giorno. Venti deboli.

Riassumendo ... solita solfa

Per mercoledì e giovedì bel tempo con temperature massime molto miti. Minime fredde in pianura. Occhio sempre alle nebbie nelle ore più fredde del giorno. ATTENDIBILITÀ ALTA

Published in Previsioni giornaliere

CAMEL O BALENA... NO CAMBIA NIENTE... DE PIOVER E FAR FREDO NOL GA' MIA EN MENTE

Eccoci arrivati alla nostra spiegazione semiseria su come volverá il tempo nella prossima settimana... perchè la domanda che tutti si pongono è : ma durelo ancora 09112015primasto caldo?!?! Se lo chiedono sia i caldofili che i par tutti arzilli in sti giorni dopo che nel mese di ottobre aveva fatto "ottobre" normale senza eccessi ma i parea tutti drio morir dal fredo, ma soprattutto se lo chiedono i freddofili che, dopo un ottobre giusto in cui semo ste anca contenti per aver visto el Baldo Bianco, adesso ne toca scainar n'altra olta per el TROPPO caldo. sottolineo TROPPO perchè effettivamente, dati alla mano ai 1500 metri di quota nel week end raggiungeremo temperature che SUPERERANNO le medie trentennali dei primi giorni di novembre di oltre 8/9 gradi... eh chelavaca per trovare temperature al di sotto delle medie di così tanto bisogna nar nel fil l'era glaciale 1 altro che endrio de qualche anno... comunque la risposta alla domanda l'è : bisogna aspetar almeno fin al 15 anche se già dal 12/13 caleranno (soprattutto in montagna) di qualche grado.

Quindi in realtà gò poco da dirve su come evolverà el tempo perchè struca struca... no cambia un casso! La roba più interessante l'è forse rappresentà nell'immagine relativa alla situazione prevista per lunedì dove vedemo chiaramente che se el caldo anomalo el scominsia con en cameleto piccolo piccolo... en realtà dopo el diventa "colpa" dela balena...l'altapressione azzoriana... allora mi digo. "Eh Balena ma maria stuarda te fato tutta istà lontanta a farte i affari toi te n'è lassà en balia del camel che el n'à cotto come na misteca de carne salà per settimane e settimane, non te tè degnà de salvarne e adesso...che sinceramente te podeve anca startene a casa tua, te vegne a romper i coioni a novembre?!?!?" ... ma va en mona va lassa pure che te lo diga dal profondo del cuore!
Quindi a parte l'alleanza balena cammello non cambierà niente quindi dovremmo attenderci tendenzialmente una settimana (almeno fino a giovedì/vererdì MA SEGUITECI TUTTI I GIORNI) stabile e anticiclonica, che si traduce in:

1) No piove che sia ciaro che non piove en maniera seria...ma anche en maniera da torne par el culo secondo mi... no non che dopo no vegna fora che piove massa (ma dopo quando el se desgropa tuto de un colpo vedaremo...)
2) Farà caldo durante el giorno en tutte le zone en cui ghè el sol
3) Perchè ho scritto "le zone in cui ghe el sol" perchè pol esser che en pianura se formi anca dei bei banchi de nebbia quindi ocio (ma ve avviseremo giorno per giorno no stasì preocuparve)
4) ala mattin farà molto fresco en pianura e pù caldo en montagna per vie dell'inversione termica (che come promesso da qualche giorno ve spiegarò cosa l'è ... o meglio perchè la ghè)

Ma prima de finir la sbrodolada...verdemo la seconda immagine. Alla latitudini più alte ghe un MAESTOSO VORTICE POLARE che però el gà un difetto... l'è massa forte... fin quando el VP de pol "serarlo" dentro en cerchio quasi perfetto e gnanca tanto grande vol dir che non el gà nessuna intension de "lanciarne" balote frede verso el mediterraneo ... al più se sbasse le temperature (e come scritto succederà verso metà mese) ma el fredo quelo vero non se lo vede miga... quindi caro VORTICE... date na calmada...rilassate e ogni tanto mola zò en po' de fredo che veder le piante che fiorisse a novembre l'è fora dala grassia del Signor.

Ciaoooo

Published in Analisi

PERCHE' ALA MATTINA PRESTO EN PIANURA GHE' SBORO E SUL BALDO GHE ZA' CALDO?

L'è capità più de na olta nelle ultime settimane che dandove el buongiorno ho scritto "Brumade en pianura e temperature più calde en montagna per effetto dell'inversione termica" ... Questo el par strano perchè i n'à ensegnà che quando se va en montagna bisognaria cuertarse perchè ghè più fredo e spesso quando en inverno piove a Verona sul Baldo arriva la neve quindi se ala mattina me sveio e en pianura ghè zero gradi me emmagino che sul Baldo (o en Lessinia l'è stesso) ghe sia un fredo becco... envese arriva el selvadego de Meteo Caprino a dirve che se volì nar sul Telegrafo ve convien partir legerini...

En condizioni normali è vero quel che tutti i pensa ossia che man man che ne alsemo de quota le temperature le cala... e generalmente le temperature le cala de 6/7 gradi ogni 1000 metri...quindi en pratica se a Verona ghè 10 gradi a Bosco ghe ne saria 3/4. La temperatura la cala con l'altezza perchè... l'aria a contatto con el terreno, ghe grassie al sol l'è caldo, la tende a scaldarse. Scaldandose la tende a salire (lo savemo tutti che l'aria calda la tende a star en alto) .... man man che l'aria la va sempre più in alto diminusce la pressione atmosferica che le schissa... quindi sa succede, che l'aria la taca a "espanderse" ... e espandendose, la cede calor ... e di conseguenza ela la se rinfresca ... La prima immagine mostra questa situazione "normale" ....notare l'artista che è in me...

Ma ormai avemo capio che con el tempo ghe sempre qualcosa da imparar e quindi esistena anche el caso in cui l'aria man man che se va in alto invese de calar de temperatura, succede el contrario ossia che la se scalda (rispetto al terreno). Questo fenomeno el se ciama appunto INVERSIONE TERMICA.

Questo accade soprattutto in inverno per tre motivi:
1) El sol l'è basso all'orizzonte e quindi el fa fadiga a scaldar el terreno perchè i raggi i ariva de sbiego
2) I Giorni iè più curti quindi el sol el scalda meno...la notte l'è più longa e el terreno el se scalda meno
3) Pol capitar che a terra ghe sia la neve e che quindi per el cosiddeto effetto albedo el terreno el sia fredo engiassa

inversione

Tutti i motivi appena descritti i fa si che l'aria al contatto con el terreno la sia MOLTO più fredda del normale e che quindi la sia più fredda de quella ch

e ghè nei primi metri sora le nostre teste...

se poi ghe metemo che anche la montagne de notte la se raffredda e l'aria fredda al contatto con i pendii essendo più densa e pensante la se scrioltola verso valle "scansando" l'aria più calda che ghè a quote più basse... che quindi la sale de quota scaldando l'aria en montagna... ensomma l'è un bel casotto ma sta de fatto che succede quel che v'ho appena scritto.

Le cause dell'inversion termica iè che l'atmosfera l'è talmente stabile (l'è instabile quando l'aria fredda l'è in quota ...) che non ghè movimento de aria...e questo fa si che se possa formar dei bei nebbioni ma soprattutto che envesse de respirar aria sana, se finissa col respirar "merda" ... lo smog infatti ristagna nell'aria per la gioia dei nostri polmoni... La seconda immagine mostra cosa accade con l'inversione termica!

Condividete se vi va!! Emoticon smile
Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Published in Didattica Meteo

Anche la giornata odierna sta trascorrendo come ipotizzato quindi senza troppe sorprese rispetto a quello che potevamo attenderci. Abbiamo avuto delle foschie/nebbie in mattinata sulla pianura meridionale, le temperature si sono mantenute sui valori di ieri in pianura mentre in montagna sono leggermente calate e poi, a parte qualche nuvola di passaggio, il cielo si è mantenuto per lo più poco nuvoloso.

previsioniPer domani mi attendo un'altra giornata all'insegna del cielo poco nuvoloso almeno fino al tardo pomeriggio/sera quando il cielo a partire da sud-ovest inizierà ad annuvolarsi. Non credo che nel corso della giornata avremmo precipitazioni... quelle potrebbero apparire nella serata/tarda serata ... ma è più facile che arrivino nella notte successiva.
Ancora nebbie al mattino.

Temperature in leggero calo soprattutto in montagna. Venti deboli.

Riassumendo...verso sera el cambia.

Per Mercoledì piogge soprattutto nel corso della notte e prima mattinata un po' per tutti. più più sparse e deboli con nuovo riotrno di piogge più serie in serata. ATTENDIBILITA' BASSA

Per Giovedì piogge soprattutto nella prima parte della giornata. ATTENDIBILITA' BASSA

Published in Previsioni giornaliere

Doveva essere una domenica discreta ma più "grigia" dei giorni scorsi e per ora le cose stanno andando in questo modo. Infatti, dopo una mattinata che ha visto le prima nebbie nella pianura veronese, è uscito il sole che però con il passare delle ore si è fatto timido a causa nelle previsionivelature che avevamo ipotizzato nelle previsioni emesse ieri. Niente paura perché comunque risultano senza problemi.

Per domani sarà una giornata poco nuvolosa com il sole che sarà più presente rispetto ad oggi ma che comunque non avrà campo libero. Altre velature e nubi solcheranno infatti i nostri cieli. Ancora nebbie in mattinata nelle zone di pianura. Non sono previste piogge.

Temperature ancora governate dall'inversione termica al mattino ma meno marcata in quanto le temperature iniziano a calare in montagna. Massime in pianura stazionarie.
Venti deboli.

Riassumendo altra giornada discreta ma ocio alle nebbie.

Per martedì si parte discretamente con qualche nebbia ma dal pomeriggio si annuvola. Possibili piogge in serata/tarda serata. ATTENDIBILITÀ BASSA.

Per mercoledì giornata emmusonà con piogge sulla provincia. ATTENDIBILITÀ BASSA

Published in Previsioni giornaliere

Vediamo come potrebbe andare la prossima settimana per la provincia di Verona


Domenica 25 Ottobre ancora temperature al di sopra dei valori medi del periodo, soprattutto in montagna con forte inversione termica al mattino... en pratica farà più caldo en montagna che en pianura. Non pioverà ma avremo comunque più nubi

settimana26ottobre15

rispetto ad oggi per via di frequenti velature di passaggio.


Lunedì 26 Ottobre  l'antifona non la cambia ance se tacarà a far manco caldo soprattutto in montagna mentre in pianura non cambia niente...e ghe sarà el sol.


Martedì 27 Ottobre taca a ennuvolarse dalla sera e non escludo qualche sguassetto in serata

Mercoledì 28 Ottobre  ...arriva el musetto che avevamo visto nell'ultima analisi (NO RENNE NO PARTY ...) e se ritorna a valori di temperatura in linea con le medie stagionali. E dovaria piover anche se non molto sulla provincia.

Giovedì 29 Ottobre ... ancora nuvolo e piogge alla mattina, poi se enserena.

Venerdì 30 Ottobre più fresco ma tempo decente.

Ma seguiteci tutti i giorni perchè lo dico sempre... dopo i tre giorni le previsioni meteo le va come el du de cope quando la briscola l'è spade.

Published in News Locali

Non è che perchè ho messo en giro la App adesso me desmentego de dir 4 cassade su come sarà el prossimo periodo sulla nostra provincia  ... come sempre e23ottobre2015ccoci quindi alla analisi semi-seria in cui tutto lo Zoo el tira fora el meio..

Partiamo dalla situazione attuale... al nord semo in una situazione in cui "uinni de pu" (el finto orso che porta el fresco ma no el freddo), soffiando con el so "alito" da est ci sta portanto giornate "soleggiate" e "frizzanti" ma senza fenomeni. Questa è la classica situazione che se si presentasse in inverno quando, invese de quel svampinto de "uinni de pu" , arriva el vero orso, quel con i contro coioni, noialtri saressimo drio batter i denti guardando il cielo più azzurro che più azzurro non ce n'è e el centro sud el saria sotto le buffere de neve invece purtroppo di essere continuamente bersagliato da piogge torrenziali devastanti... invesse semo a fine ottobre e le giornade le scorre tranquille senza grossi "sbalsi" (per noi...per il sud è diverso)...

Ora però "uinni de pu" l'è drio nar a far cagnara verso la Grecia o meglio ... el perdarà via via forsa senza però abbandonare completamente le regioni meridionali. El fatto che el perda forsa però el fa si che a Nord l'alitino dell'orsetto, (bello fresco come se l'avesse magna na scofana de Air Fresh Vigorsol, quel che ala mattina el ne sveia per ben e el ne enrisola i cavei sulla copa) el vaga a farse ciavar e taaaaacccc ecco che quela mezza sega del camel (che ormai l'è diventà de pessa e non brusa più come en agosto) l'alsa el muso e el ghe prova a scaldarne (noialtri al nord) ... però prima che i freddofili i taca a tirarse le randelè sulla testa mettiamo in chiaro le cose ... siamo ad ottobre, le giornate son sempre più corte, el camel l'è de pessa (a 1500 metri arriva una isoterma +10° ... in luglio ai tempi del ‪#‎caldodemerda‬ arrivò la +23° ... ghè na bela differenza) quindi non potrà fare CALDO BESTIA...potrà fare PIU' CALDO per il periodo che significa PROBABILMENTE (e non certamente) temperature massime comprese tra i 22 e i 24° ... sempre che... l'umidità che ci porta il cammello non si trasformi in pianura in nebbia e allora saranno solo ler zone a nord di verona a ciapar l'alito tiepido del camel.

Quanto duralo? beh li a sinistra vicino vicino al camellino ghè un bel musetto...che el sia lu a darghe na randelà al caldo... macchè quel musso lì l'è drio farghe el filo ala balena (che oramai demo per dispersa...e ciucca de mojito) , le renne iè a nord... iè tutte riunite...che le sia drio far un rave party?!! i ne sà qualcosa quei dela Groenlandia dove en sto periodo non savea mai visto così tanta neve... Quindi in balia del cammello? No perchè ancora più a sinistra... se vede un musso che, devo dir la verità, el gà del coraio... se le cose le va come se vedo oggi sto musetto americano el podaria rivar verso el 28 anca en italia portando ancora temperature stavolta in media col perido e piogge atlantiche.

Questa ultima ipotesi l'è tutta da vedere quindi stay tuned... per ora godiamico queste giornate stabile e più calde (al pomeriggio).. nebbia permettendo.

Published in Analisi

Page 1 of 5