Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed10182017

Last update

precipitazioniinvernaliProprio ieri ho visto girare su FB un immagine proveniente dal NOAA che spiegava in maniera molto semplice (banalizzando alcuni aspetti... tipo non considera quanto è "umida" l'aria) quali sono le 4 principali tipologie di precipitazioni che solitamente si hanno in inverno... purtroppo l'immagine era in Inglese e siccome l'inglese lo so' come l'italiano quindi poco e male, ho pensato di farne una simile ma in Dialetto Veronese che lo capisso mejo ... Ah notare pure il disegno... me fiola de 6 anni la le fasea mejo... questo vi fa capire che in educazione artistica non sono mai stato na cima...

Comunque, in Inverno (normalemente) quando dal cielo scende qualcosa possiamo avere 4 diverse tipologie di precipitazioni/fenomenologie vediamole una per una (le vedete numerate sull'immagine)

1) Fiocca. La colonna d'aria sopra le nostre teste è tutta completamente fredda quindi, dalle nubi scende neve e rimane neve fino a quando non tocca il terreno. E' ovviamente la neve "migliore" quella più di qualità ma per la pianura Veronese è molto raro trovare condizioni di questo tipo

2) Nevischia, la vien zò mista, piove giazzo ... ecco questo è il caso in cui solitamente si può parlare di "cuscino freddo" ossia...Dalle nubi scende neve... a quote alte (o medio /alte) la neve incontra una zona di aria calda (tipo le sciroccate in quota) e quindi torna a fondere... ma appena sotto questo strato di aria calda, la colonna d'aria torna a raffreddarsi e questa colonna è abbastanza alta da consentire alla pioggia di ritrasformarsi in nevischio o pioggia ghiacciata...
Se lo strato di aria calda è molto limitato e le precipitazioni molto forti ed intense potrebbe anche essere che la neve passa indenne e quindi al suolo avremmo un bel manto bianco... generalmente però sta neve è na neve "stupidotta" anche se l'è sempre bianca.

3) Gelidicio...alias "no sta en piè gnanca i passeri" (ecco perchè nell'immagine a l'ometto gò messo el baston en man...) ... comunque si parte con la neve ... poi si incontra uno strato di aria calda che scioglie la neve trasformandola in pioggia... lo strato d'aria calda non arriva fino al suolo, ma è sufficiente però per impedire che la pioggia possa tornare allo stato solido.
Al suolo però lo strato di aria fredda c'è ancora e questo ha mantenuto il terreno a temperature negative... quindi, quando la pioggia tocca il terreno, solidifica immediatamente provocando il cosiddetto fenomeno del "GELICIDIO" ... è dal mio punto di vista il fenomeno peggiore che può capitare perchè davvero le strade diventano lastre di ghiaccio ... e te pol butar tutta la sal che bastaria a consar la pasta che ghe stà dentro l'Arena prima de riussir a desfarlo.
Quello che ricordo maggiormente è stato il GELICIDIO del Natale 1999... la strada tra Domegliara e Peri sembrava na pista de Olidei on Ais ... 20/30 incidenti in poco più di 16 km... un disastro!!

4) Pioe ... la neve la parte neve ma la colonna d'aria sopra le nostre teste è tutta calda... quindi non ghè storie, la neve te la vede con el binocolo

Spero di essere stato esauriente

Published in Didattica Meteo

La settimana scorsa, abbiamo parlato del tipo di precipitazioni e abbiamo visto come, a livello internazionale, siano state codificate e "uniformate" nei nomi fioccoaffinchè tutti possano, senza pericolo di errori, conoscere le condizioni meteo in una determinata zona (Metar e Synop utilizzano delle codifiche standard per descrivere il meteo negli aereoporti o quello rilevato dalle stazioni meteorologiche sparse in giro per il mondo). Abbiamo visto che vengono universalmente riconosciute 4 tipologie principali di precipitazioni: Pioggia, Pioviggine, Grandine e Neve. Per la neve, se vi ricordate, avevo anticipato che ne esistono di diverse "razze", lo scopo di questo post è appunto quello di approfondire questo argomento :-)

Vediamo quindi in che "forme" si può presentare una precipitazione nevosa:

  • Cristalli di Neve - IC78 : Sono i singoli cristalli di ghiaccio che poi aggregandosi formano il fiocco di neve che noi siamo abituati a vedere. La dimensione del fiocco varia a seconda delle condizioni atmosferiche in cui la precipitazione nevosa di verifica.
  • Light Snow - S70: Si tratta spesso di fenomeni che vengono associati a deboli nevicate in cui i fiocchi risultano essere molto piccoli, La neve chimica o la neve da nebbia sono spesso considerate Nevischio vista l'esigua dimensione dei fiocchi...che spesso sono dei singoli cristalli che in presenza di un cuscino d'aria al suolo, molto freddo o secco, riescono a giungere fino a terra.
  • Pioggia mista a neve (acquaneve) - Non Codificato: Si tratta in pratica di una mix di gocce di pioggia e fiocchi di neve parzialmente fusi che raggiungono comunque il suolo (spesso quando si è in macchina la si riconosce perchè tende a "spiattellarsi" contro il parabrezza formando una sorta di "esplosione"... non so se mi sono spiegato :-)). Se un fiocco di neve che sta cadendo al suolo, attraversa uno strato d'aria più caldo inizia il processo di scioglimento, ma se lo strato è troppo sottile, o sotto di esso è presente uno strato d'aria più freddo che impedisca il completo scioglimento del fiocco di neve allora si parla di Pioggia mista a neve. Spesso la si può confondere con grandine molle o pioggia grossa.
  • Gragnola (o Graupel o snow pellets) - SP87: Solitamente sono forme di precipitazione che si formano all'interno di nubi convettive e che quindi sono più probabili nei mesi primaverili e soprattutto in montagna. Si tratta di palline di ghiaccio opaco che si formano quando piccole particelle di ghiaccio (cristalli, fiocchi etc.) nel loro processo di caduta, incontrano una nube sopraffusa (ossia contenente vapoer acqueo che pur essendo a temperature inferiori allo zero, permane nello stato liquido) e nel passaggio, "toccano" le goccie di vapore sopraffuse che gelano immediatamente e si uniscono alla particella di ghiaccio formando appunto la pallina.
  • Neve tonda (o Ice Pellets) - IP75: Possono sembrare simili nella forma alla gragnola, ma sono molto diverse invece nel modo in cui si formano. Quando un fiocco di neve attraversa uno strato d'aria calda inizia a fondere, se nel processo di caduta incontra una massa d'aria abbastanza spessa e fredda da consentire al fiocco di neve parzialmente fuso, di solidificarsi nuovamente, si formerà una pallina di ghiaccio leggera e trasparente e dal dimetro di circa 5mm che al contatto con il suolo tenderà a rimbalzare (non confondiamola ovviamente con la grandine).
  • Grani di Ghiaccio (Snow Grain) - SG77: Simili alla grandine e ai Pellets visti poco fa ma a differenza di loro non hanno un nucleo e sono completamente trasparenti. Essi si formano quando una goccia di pioggia attraversa uno strato d'aria così fredda da congelarla e farla arrivare a terra congelata. Solitamente deve essere lo strato d'aria adiacente a suolo a produrre il congelamento.

Ecco queste sono le "razze nevose" ovviamente la "Dama Bianca" è solo quella composta da fiocchi di cristalli di neve...ma in questo momento visto l'inverno che stiamo passando, ed essendo un amante della neve mi andrebbe bene una qualsiasi dei tipi appena visti.... a voi no?? :-)


 

 

Published in Fenomeni Meteorologici