Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed07172019

Last update

L'immagine non rappresenta la situazione attuale, ma è significativa di come potrebbero essere le spiaggie Romagnole nelle prossime ore. La perturbazione corso rimini mare nevein arrivo dalla Francia sembra infatti intenzionata a "soffermarsi" in Romagna, con il suo carico di neve, da oggi almeno fino a Giovedì (stando alle ultime previsioni). Parliamo certamente di neve e non di pioggia in quanto all'ingresso perturbato da Ovest corrisponde un ingresso di correnti fredde da est che manterranno le temperature prossime allo zero (anzi nel corso del fine settimana si arriverà a, stando alle stime, a -10°), consentendo quindi alla neve di scendere fino al piano anche lungo le coste. Nel riminese sono previsti fino a 20 cm di neve "in spiaggia" mentre sulle colline si arriverà ad accumuli superiori ai 50cm. Per tale motivo le autorità comunali e provinciali hanno preparato (ed è già in fase di attuazione) il piano per gestire "l'emergenza neve". Sale, spargisale, spazzaneve ma soprattutto anche tanti volontari della protezione civile (in aggiunta al personale dei comuni e delle aziende specializzate) sono le "carte" che le amministrazioni locali hanno messo in gioco per evitare la paralisi. Si tratta però di mezzi che non potranno garantire la copertura completa di tutte le strade per questo motivo Rimini, Riccione ma anche tutti gli altri comuni della zona hanno "scelto" quali zone urbane tenere pulite e su quali zone intervenire solo in un secondo momento. Già dalla serata di oggi saranno in azione i mezzi spargisale per "provare" ad impedire la formazione di ghiaccio sulle strade e da domani tutta "la macchina" sarà operativa. Ci sono situazioni nelle quali però "la crisi italiana" si fa sentire come ad esempio in Valconca (situata tra la provincia di Rimini e qualle di Pesaro-Urbino) in cui alcuni sindaci hanno lanciato l'allarme dicendo che saranno pronti ad affrontare solo una prima ondata di neve, ma nel caso vi fossero precipitazioni più durature, non avranno i mezzi (economici) per affrontarle in quanto le casse comunali "piangono".... come le casse di molti Italiani del resto :-)

Published in News dall'Italia

Buongiorno a tutti

Sul Nord Italia (Se vogliamo essere precisi al Nord-Ovest) sta per ricominciare, anzi in alcune località ha già cominciato, a nevicare. Questo è dovuto al Italia310112fatto che. dalla Francia sta per piombare sul mediterraneo una perturbazione che dovrebbe nelle prossime ore generare un minimo depressionario sul mar ligure in grado di alimentare il maltempo su gran parte della nostra penisola. Le zone maggiormente colpite da questa perturbazione saranno come il week end scorso, il Nord Ovest con un maggiore interessamento dell'Emilia Romagna e poi, a seguito del rapido spostamento verso Sud-Est del suddetto minimo, la Sardegna e le regioni centro meridionali. Per quanto riguarda il Nord-Est sono attese le nubi ma le preipitazioni (dove presenti) saranno davvero molto deboli. La differenza sostanziale rispetto a quanto accaduto nel weekend, sta nel fatto che oggi le correnti in gioco provenienti da Est sono molto più fredde e questo determinerà precipitazioni che su tutto il nord (la parte coinvolta dalle precipitazioni ovviamente) saranno nevose fino al piano (quindi neve anche in Liguria ed Emilia Romagna lungo le coste). Per quanto riguarda invee le regioni centrali meridionali e la Sardegna, le precipitazioni nevose, saranno inizialmente relegate a quote collinari che via via scenderanno nel corso della giornata, quando l'afflusso di aria fredda di origine siberiana sarà più marcato. Le temperature ovviamente sono in forte calo soprattutto nei valori massimi e si manterranno anche in pianura al nord su valori prossimi allo zero.

Published in News dall'Italia

Ciao a tutti

Ecco l'ultimo aggioornamento fresco fresco per domani. Oggi dicevamo che in questi giorni le previsioni sono "pazze" a causa della situazione molto

20822414 metgram

 

 

"intricata" in cui siamo. L'ultimo RUN del modello americano spaghi31011218zGFS mostra, anche in questa emissione, per oggi  la possibilità di vedere deboli nevicate anche nella nostra zona a partire dalla tarda mattinata. Le precipitazioni dovrebbe poi proseguire fino a sera. Gli accumuli sarebbero modesti (pochi centimetri) se non addirittura meno in quanto la nostra zona, come detto ieri, sarebbe proprio ai margini orientali del peggioramento che vedrebbe più "fortunati" il Nord-Ovest e l'Emilia Romagna.

La situazione invece si fa più interessante se andiamo aguardare quello che potrebbe accadere da giovedì. Infatti sembra, e il meteogramma lo mostra, che vi siano possibilitù di accumuli più consistenti per la nostra zona a partire da giovedì appunto. ancora un piccolo "sforzo" e potremmo avere anche noi una bella nevicata. Sempre più certo invece il gelo russo che sta per giongere sopra le nostre teste... e non solo! 

Published in News Locali

Ciao a tutti

Ve lo avevo detto che in questi giorni le previsioni sono "pazze" a causa della situazione molto "intricata" in cui siamo. L'ultimo RUN del modello americano spaghi30011206zGFS mostra per la giornata di domani (e per ora fermiamoci qui) la possibilità di vedere deboli nevicate anche nella nostra zona a partire dalla tarda mattinata. Le precipitazioni dovrebbe poi proseguire fino a tarda sera. Gli accumuli sarebbero modesti (pochi centimetri) in quanto la nostra zona sarebbe proprio ai margini orientali del peggioramento che vedrebbe più "fortunati" il Nord-Ovest e l'Emilia Romagna. La situazione comunque è molto delicata e soggetta a nuovi piccoli cambiamenti (che per noi essendo ai margini potrebbe anche voler dire che non vediamo nulla...) e quindi va monitorata costantemente.

Basta che il "nocciolo instabile" (per dirla in maniera molte semplice) responsabile del peggioramento si sposti più ad Ovest e noi non vedremo nemmeno un fiocco di neve...se si spostasse più a Est invece darebbe luogo a precipitazioni più intense anche da noi... insomma è la solita questione di chilometri :-). Le immagini allegate mostrano gli "spaghetti" generati dall'ultimo RUN dove per la prima volta in questo inverno viene data al 100% (prendiamolo con le molle sto dato!!!) la nevicata di domani, e le mappe delle precipitazioni previste sempre per domani dove è evidente la precipitazione anche nella nostra zona...come è altrettanto evidente che sarebbe comunque (stando alle informazioni attuali) di pochi centimetri.

Vi tengo aggiornati perchè come appena scritto le cose potrebbero cambiare in un senso o nell'altro!

neve3101121neve3101122

Published in News Locali

Buongiorno a tutti

La situazione sta lentamente migliorando al Nord-Ovest dove il cielo (dopo 48 ore di neve quasi ininterrotta) inizia ad aprirsi. La situazione è critica in molte Catturalocalità e molti comuni hanno predisposto per oggi la chiusura delle scuole. Il manto nevoso è notevole su gran parte del Piemonte, sulle zone interne della Liguria e sul Piacentino, con accumuli che variano dai 20 ai 70cm (dai 500 metri). In queste zone il pericolo maggiore nelle prossime ore sarà rappresentato dal ghiaccio, in quanto al Nord ha cominciato a fluire da Est aria molto fredda accompagnata da venti tesi di Bora. Tali venti consentiranno al Nord-Est di vivere un'altra giornata con cieli al massimo velati ma senza precipitazioni. In Sardegna persisteranno anche oggi deboli precipitazioni, mentre sul centro soprattutto sulle zone tirreniche il sole sarà protagonista. Le regioni Adriatiche (a partire dall'Emilia) saranno interessate da nuvolosità che dalle coste marchiggiane fino alla Puglia porterà piogge sparse che in serata a partire dai 500 metri diventeranno nevose.  Occhi puntati invece su Sicilia e Calabria dove permane (ben visibile dall'immagine satellitare) un'estesa area perturbata. Questa instabilità potrebbe portare nelle prossime ore a forti precipitazioni a carattere temporalesco e nevicate (già segnalate questa mattina in Sila e Aspromonte) sui rilievi. La situaione è da tenere sotto controllo in quanto le precipitazioni potrebberi rivelarsi davvero intense. Le temperature saranno su gran parte dell'Italia in forte calo per l'irruzione fredda in atto da ieri sera, in aumento per venti di scirotto sulle isole.

Published in News dall'Italia

Buongiorno a tutti

L'immagine satellitare e l'immagine radar allegate all'articolo, sono abbastanza eloquenti: Sul Nord-Ovest la neve promessa sta continuando a cadere con un'intensità tra moderata e forte su molte zone della Pianura Piemontese. Si segnalano accumuli di 20/30 centrimetri nell'astiggiano e nell'alessandrino oltre Italia290112che nell'entroterra ligure. Torino è imbiancata (5/10 cm) come altre città del Nord Ovest (Cuneo, Novara, Varese, Piacenza) con accumuli interessanti al suolo. La situazione attuale mostra che da sud (golfo ligure) continua ad affluire sul Nord-Ovest l'instabilità che si esaurirà solo dalla serata di oggi. Questo ci porta a pensare che su alcune zone, "più in ombra" rispetto al possibile rialzo termico, si potranno avere accumuli superiori ai 50cm. Difficilmente la costa Ligure potrà vedere la neve in quanto la tramontana scura non è riuscita ad abbassare le temperature quindi sia ieri che oggi potranno essere visti fiocchi anordovest290112 Genova ma senza accumuli. Come dicevamo, non è detto che le precipitazioni si mantengano nevose al piano su tutta la zona per tanto non sono esclusi fenomeni di acquaneve. Sul Resto del Nord invece si avranno (e a Caprino lo stiamo vedendo) cieli che potrenno essere interessati da velature alte e sottili ma la giornata sarà prevalentemente serena o poco nuvolosa. Sulla Sardegna e sulle regioni tirreniche la coda più meridionale della perturbazione potrà portare precipitazioni che però assumeranno carattere nevoso solo al di sopra del 900/1000 metri. Le regioni adriatiche saranno "riparate" dalle precipitazioni e vedranno cieli coperti ma senza fenomeni. Le estreme regioni meridionali invece saranno raggiunte nel corso della giornata di oggi da un fronte in arrivo da sud guidato da una depressione presente sul Golfo Libico alimentata dai venti freddi proveninti dai Balcani. In queste zone i fenomeni saranno via via più intensi nel corso della giornata. Le temperature al Nord saranno stazionarie al sud potranno subire un lieve aumento... ma il freddo polare è dietro l'angolo...arriverà? Sembra di si ma inizieremo a parlarne con le prossime emissioni modellistiche

Published in News dall'Italia

La settimana scorsa, abbiamo parlato del tipo di precipitazioni e abbiamo visto come, a livello internazionale, siano state codificate e "uniformate" nei nomi fioccoaffinchè tutti possano, senza pericolo di errori, conoscere le condizioni meteo in una determinata zona (Metar e Synop utilizzano delle codifiche standard per descrivere il meteo negli aereoporti o quello rilevato dalle stazioni meteorologiche sparse in giro per il mondo). Abbiamo visto che vengono universalmente riconosciute 4 tipologie principali di precipitazioni: Pioggia, Pioviggine, Grandine e Neve. Per la neve, se vi ricordate, avevo anticipato che ne esistono di diverse "razze", lo scopo di questo post è appunto quello di approfondire questo argomento :-)

Vediamo quindi in che "forme" si può presentare una precipitazione nevosa:

  • Cristalli di Neve - IC78 : Sono i singoli cristalli di ghiaccio che poi aggregandosi formano il fiocco di neve che noi siamo abituati a vedere. La dimensione del fiocco varia a seconda delle condizioni atmosferiche in cui la precipitazione nevosa di verifica.
  • Light Snow - S70: Si tratta spesso di fenomeni che vengono associati a deboli nevicate in cui i fiocchi risultano essere molto piccoli, La neve chimica o la neve da nebbia sono spesso considerate Nevischio vista l'esigua dimensione dei fiocchi...che spesso sono dei singoli cristalli che in presenza di un cuscino d'aria al suolo, molto freddo o secco, riescono a giungere fino a terra.
  • Pioggia mista a neve (acquaneve) - Non Codificato: Si tratta in pratica di una mix di gocce di pioggia e fiocchi di neve parzialmente fusi che raggiungono comunque il suolo (spesso quando si è in macchina la si riconosce perchè tende a "spiattellarsi" contro il parabrezza formando una sorta di "esplosione"... non so se mi sono spiegato :-)). Se un fiocco di neve che sta cadendo al suolo, attraversa uno strato d'aria più caldo inizia il processo di scioglimento, ma se lo strato è troppo sottile, o sotto di esso è presente uno strato d'aria più freddo che impedisca il completo scioglimento del fiocco di neve allora si parla di Pioggia mista a neve. Spesso la si può confondere con grandine molle o pioggia grossa.
  • Gragnola (o Graupel o snow pellets) - SP87: Solitamente sono forme di precipitazione che si formano all'interno di nubi convettive e che quindi sono più probabili nei mesi primaverili e soprattutto in montagna. Si tratta di palline di ghiaccio opaco che si formano quando piccole particelle di ghiaccio (cristalli, fiocchi etc.) nel loro processo di caduta, incontrano una nube sopraffusa (ossia contenente vapoer acqueo che pur essendo a temperature inferiori allo zero, permane nello stato liquido) e nel passaggio, "toccano" le goccie di vapore sopraffuse che gelano immediatamente e si uniscono alla particella di ghiaccio formando appunto la pallina.
  • Neve tonda (o Ice Pellets) - IP75: Possono sembrare simili nella forma alla gragnola, ma sono molto diverse invece nel modo in cui si formano. Quando un fiocco di neve attraversa uno strato d'aria calda inizia a fondere, se nel processo di caduta incontra una massa d'aria abbastanza spessa e fredda da consentire al fiocco di neve parzialmente fuso, di solidificarsi nuovamente, si formerà una pallina di ghiaccio leggera e trasparente e dal dimetro di circa 5mm che al contatto con il suolo tenderà a rimbalzare (non confondiamola ovviamente con la grandine).
  • Grani di Ghiaccio (Snow Grain) - SG77: Simili alla grandine e ai Pellets visti poco fa ma a differenza di loro non hanno un nucleo e sono completamente trasparenti. Essi si formano quando una goccia di pioggia attraversa uno strato d'aria così fredda da congelarla e farla arrivare a terra congelata. Solitamente deve essere lo strato d'aria adiacente a suolo a produrre il congelamento.

Ecco queste sono le "razze nevose" ovviamente la "Dama Bianca" è solo quella composta da fiocchi di cristalli di neve...ma in questo momento visto l'inverno che stiamo passando, ed essendo un amante della neve mi andrebbe bene una qualsiasi dei tipi appena visti.... a voi no?? :-)


 

 

Published in Fenomeni Meteorologici

E' davvero tribolata questa previsione...sarà o non sarà neve al Nord? e soprattutto dove ? Sembra ormai certo (ma lo sparemo meglio domani) che nel week14174399 metgram end il Nord vedrà la neve per la prima volta in questo inverno 2011/2012. Il problema vero è che allo stato attuale vi è ancora molta incertezza se sarà interessato tutto il Nord o se solo il Nord Ovest )come avevano prospettato alcuni RUN di oggi. La probabilità che la neve si possa vedere finalmente anche a Caprino c'è ed è anche piuttosto elevata come percentuale di "riuscita" dell'evento. Vediamo quindi il meteogramma relativo alla Zona di Caprino Veronese che copre le prossime 192 ore, generato dal run 18z del modello americano GFS:

  • Le precipitazioni sono indicate e piuttosto consistenti anche se inferiori come quantità rispetto allo stesso run di ieri. Anche oggi sono concentrate tra Venerdì sera e Domenica mattina, ma rispetto a ieri abbiamo uno "strascico" anche nel corso delle prossima settimana. Il totale precipitativo stimato è di circa 22 millimetri
  • La temperatura ai 1500 metri (850hPa) sarà in forte calo rispetto ad oggi e si dovrebbe attestare attorno ai -5° nel week end per poi precipitare ad inizio della prosisma settimana (-10°)
  • La temperatura al suolo teoricamente dovrebbe mantenersi attorno agli zero gradi e quindi favorevole alla neve ma lo zero termico nella nostra zona non sarà proprio al piano. Essendo a Caprino comunque ad un altitudine di 250m non è detto che la si possa vedere...

spaghi250112Questo significa che, mentre siamo praticamente certi che se ci saranno precipitazioni queste saranno nevose dai 400/500 metri, come ieri sono dubbioso sul fatto che si vedrà in pianura. Sono andato anche stasera  a guardarmi come saranno in venti ed è probabile (visto che si formerà un minimo depressionario sul Mar Ligure più uno sul basso Tirreno) che vengano richiamate correnti da sud (scirocco) che al Nord Est potrebbero rompere le uova nel paniere....

Per avere conferma di quanto appena detto diamo un'occhiata anche agli spaghi... sono quasi tutti concordi nel dare le precipitazioni da venerdì con un 70% di vedere la neve al piano... sicuramene la percentuale più alta mai vista in tutto questo inverno e a soli 3 giorni dall'evento non è male... vi tengo aggiornati!

PS: se guardate bene gli spagni qua a lato potrete notare che a seguito di questo episodio "mevoso" la media degli spaghi relativa alle temperature agli 850hPa tende a diminuire...mentre per il run ufficiale... beh la temperature potrebbe anche crollare e allora arriverà il gelo :-)

Published in Analisi

Torniamo a parlare di Meteo che è meglio... Allora la situazione è ben visibile dall'immagine allegata che ritrae l'Italia vista dal satellite. Al nord sono Italia250112scomparse le nebbie...residui banchi sono stati segnalati in mattinata solo sulla romagna ma si sono già dissolti. Il merito di questo, spetta alle correnti da nord che vallicando le Alpi hanno attivato un'importante circolazione Favonica (Foehn)...basti pensare che la scorsa notte a Caprino Veronese in campo aperto il vento ha toccato i 65Km/h e la temperatura mimima è stata di 3.3° sopra lo zero.

Oltre alle nebbie, grazie ai forti venti,  si è ripulità un po' anche l'atmosfera dalle polveri sottili e questo è un bene ma servirebbe un po' di pioggia (o neve) per riportare i valori di PM10 entro i limiti. Sulle regioni centrali tirreniche e la Sardegna potremmo avere qualche velatura ma nessun fenomeno di rilievo nel corso della giornata, mentre sulle regioni Adriatiche e il Sud le cose sono ben diverse. Come possiamo notare dall'immagine, è ben visibile la nuvolosità che in queste prime ore del giorno ha portato nevicate anche a quote basse (Pescara e zone limitrofe imbiancate) e temporali in Puglia nella zona del Barese. Le nevicate dovrebbero proseguire anche nel corso della giornata e tenderanno ad estendersi alla Puglia, alla Calabria, Basilicata a quote collinari. Sul Nord della Sicilia invece la quota neve dovrebbe essere più elevata attorno ai 1000 metri.

Le temperature si manterranno gradevoli nel corso della giornata sulle zone soleggiate ma in flessione rispetto a ieri già dalla serata. Domani possibili forti gelate al nord..

Published in News dall'Italia

Chi ama la neve e vive al Nord, di delusioni quest'anno ne ha avute parecchie, soprattutto per quanto riguarda il week end appena trascorso75073640 metgram visto che in molti avevano gridato (anche siti a livello nazionale e piuttosto prestigiosi) all'arrivo della "Gran Neve" al Nord...abbiamo visto tutti come è andata, neve non se ne è vista. Adesso i modelli ci presentano una nuova prospettiva nevosa anche nella nostra zona, per il prossimo week end. Sicuramente la situazione è da tenere sotto controllo... sono 4 run consecutivi che i Modelli (in particolar modo i due principali ossia il GFS e l'EMCWF) insistono perchè il prossimo week end sia anche per noi quello della prima neve, seguita poi da un crollo termico di altri tempi... sarà davvero così? Se analizziamo il meteograma relativo alle prossime 192h generato con il GFS 18z (l'ultimo run fino a questo momento) possiamo notare alcune cose:

  • Le precipitazioni sono indicate e piuttosto consistenti tra Venerdì sera e Domenica mattina. Il totale precipitativo stimato è di circa 30 millimetri
  • La temperatura ai 1500 metri (850hPa) sarà in forte calo rispetto ad oggi e si dovrebbe attestare attorno ai -5° rialzandosi leggermente in concomitanza delle precipitazioni
  • La temperatura al suolo teoricamente dovrebbe mantenersi attorno agli zero gradi e quindi favorevole alla nebbia

spaghi18z2401Questo significa che, mentre siamo praticamente certi che se ci saranno precipitazioni queste saranno nevose dai 400/500 metri io personalmente rimango ancora dubbioso sul fatto che lo saranno anche al piano, dipende da quanto resisterà il cuscino freddo che i prossimi giorni dovrebbero formare (se si ferma sto foehn...). Sono andato a guardarmi come saranno in venti ed è probabile (visto che si formerà un minimo depressionario sul Mar Ligure) che verranno richiamate correnti da sud (scirocco) che al Nord Est potrebbe rompere le uova nel paniere....

Per avere conferma di quanto appena detto diamo un aocchiata anche agli spaghi... sono quasi tutti concordi nel dare le precipitazioni nel prosismo week end ma con un 60% di vedere la neve al piano... sicuramene la percentuale più alta mai vista in tutto questo inverno e a soli 4 giorni dal week end non è male... vi tengo aggiornati!

Published in Analisi