Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed10182017

Last update

Se avvicina la notte de Santa Lusia e sicuramente ì buteleti della provincia i pensa: da fogo ... caspita ariva i regai, bisonga nar el leto presto (perche se Santa Lusìa la te cata sveio iè cassi) ma prima misogna pareciar la taola per la Santa, el Musso e el Castaldo. Ma oltre a questo, per i meteo appassionati (en sto caso non solo Veronesi) vien en mente quel che sucesse el 13 Dicembre del 2001... squillino le trombe: "El Buran de Santa Lusìa". Oddio i l'ha ciamà "Buran" solo perchè fa figo... en Realtà da noialtri el vento che arivà l'era solo Bora, El Buran infatti l'è un vento gelido che però soffia solo nelle Pianure Sarmatiche della Russia e no sulla pianura Padana (ma questa l'è solo na nota da cagacassi). Come sto Dicembre, anche quel del 2001 el cominciò gran mal per i amanti del fredo... ma allora le robe le cambiò, no come st'ano che el periodo "de merda" el narà avanti ancora per un bel poco.

Comunque, anca alora i primi giorni de Dicembre i trascorse en compagnia dell'alta pression sub tropicale..."El camelasso maledetto" e quindi con temperature fora dalla norma in montagna e nebbioni e fresco in pianura, ma soprattutto senza gnanca na faliva en montagna. Questa “ingombrante presenza” l'è ben visibile nelle prossime immagini

L'immagine chi de sora la mostra el camelasso e quela chi sotto la mostra le temperature in quota e come possiamo vedere eravamo in “balia” de una +5° ai 1500 metri…si insomma, no fredo! A differensa de adesso però anche nelle zone nebbiose se arivava a 5/6 gradi de massima.

Per ci ama la meteo e ghe piase le robe "dinamiche", quella situasion l'era dal bon "noiosa" .., en gergo i addetti ai lavori i le ciama "du cojoni", si be insomma, dai non proprio tutti tutti i addetti ai lavori i le ciama così. Ma per fortuna, le robe le taca a cambiar zà verso l'immacolata (allora non ghera ancora ILMETEO.IT a prevedere disastri de neve con 20 giorni de anticipo portando quindi sfiga e mandando en vacca tutte le speranse dei freddofili) quando,  correnti più frede le taca a rivar fin sull'Italia. Prima le cala in quota e subito dopo le rinfresca anche en pianura. Affinchè arivasse ste correnti però ghe sta n'incastro de eventi "barici" che in meteorologia i se ciama "botta de cul". Vedemoli assieme (iè comunque nella prossima immagine):

1) Orso Russo da 1050

2) Balena Azzoriana che se taca con l'Orso formando el cosiddetto Ponte de Weikoff

3) Goccia fredda isolata sulla Russia Europea schiacciata tra l'orso, la balena e el ponte

Ora, zà l'è un casin far previsioni in situassioni normali, figurate quando ghe de mezzo tutto sto casin. De certo le robe en ste condisioni le pol esser molto interessanti.

Infatti, dopo qualche giorno le robe le cambia, el Ponte el fa a farse ciavar (vedi prossima immagine) e la situasion sull'Italia che, si fasea un po' più freddo, ma ghera sempre e solo nebioni, la cambia radicalmente:

  • la goccia fredda la taca a esser rifornia de altra aria gelida diventando parte integrante de una mega massa pression che dall'Artico la "ciuccia" dentro la gossa e quindi fin sull'Europa Orientale un "freddo bisso" (altro termine tecnico...).
  • sulla Scozia envesse, se forma un potente anticiclone de blocco de ben 1040hPa... insomma da li le perturbassioni atlantiche non le passa.
  • E sulla Russia Centrale ghè sempre l’Orso…quindi ancora l’alta pressione gelida
  • Questo vol dir che la bassa pression FREDDA ghe toca star encastrà tra dò alte pressioni… e da li el gà na sola via de uscita: l’Europa Centrale e il Mediterraneo.

Ma non l'è che en queste condissioni sia diventà facile far le previsioni, ansi. Semo al 12 de dicembre e nessun meteorologo serio el se sbilanciò nel preveder cosa l'avaria fatto l'aria fredda, certo nell'aria se sente "profumo" de evento "storico" ma siccome i meteorologi seri non i se sbilancia mai nel dir robe a caso, nessuno si azzardò di menzionare l'arrivo del "Buran" ... anca se ormai mancava poche ore.

Buran o non Buran? questo l'era el problema, l'unica roba certa l'era che avaria fatto MOLTO più freddo, la diression del freddo l'era abastansa ciara, quel che non se savea, l'è se saria stà un freddo "sterile" o se avaria fatto un po' de nevischio... figuremose a parlar de neve con accumulo. Zà allora i savea che soprattutto per el Nord Italia gli ingressi freddi da Est iè per la maggior parte "innocui".

Ma ecco che arriva el 13 Dicembre, fin che i buteleti i versea i regai, i meteo appassionati i osserva subito un cambiamento: Le nebbie non le ghè più, el ciel l'è azzurro, non se vede na nuvola ma ocio...le temperature iera ancora sora lo zero!!! e qua sono sicuro che partì na serie de improperi tra i freddofili che se dovessi scriverli me toca confessarme per un mese de fila! Ma casso!! solo na roba i avea dato per certo, ossia l'arrivo del Freddo e invesse non ià endovinà nemmeno quela. Ma quel che i freddofili/nevofili non i savea mia la mattina del 13 Dicembre, l'era che nella notte, se vede per far passa meio Santa Lusìa, el ponte de Weikoff el savea formà n'altra olta (vedi prossime due immagini), per la gocca fredda (sempre più fredda) non ghera scampo, la gavea per forsa da spostarse verso sud, prima sulla Alpi e da li sull'Italia

L’immagine precedente la "gossa", mentre la prossima immagine mostra come l’aria dentro la gossa, la sia molto più fredda rispetto a l'aria giunta sull’Italia fino a quel momento.

Bon, tutto sto casin "Russo" el taca a far cambiar le robe anca sull'Italia a partire dalle 13.30. Innanzitutto se alza el vento sulla provincia de Verona, si tratta di un Est “pieno” (BORA... no BURAN...ma come dito all'inissio fa figo ciamarlo BURAN) e no un “Nord-Est” e questo è un bene perchè vol dir che qualcosa sta entrando e non dovaria mia esser foehn in caduta dalla Lessinia. Ma le nuvole? Le nuvole dove ele?!?!??  Oddio a esser proprio pignoli, se podaria ciamar nuvole, quei 4 cirri spaisi che se vedea vardando verso est, ma l'era (per un nevofilo) tacarse a tutto sperando che non fusse solo freddo sterile. Tutto cambiò en 45 minuti…quei che ha trasformà una “Ciavada” nel “Buran di Santa Lucia” (ovviamente la ciavada la saria staà per el Nevofilo... ma visto quel che è successo la ciavada la arivà per i caldofili)

Infatti attorno alle 14.10-14.20 el cielo el se ennuvolò del tutto, la temperatura crollò. A Verona se passò dai 7° delle 13 ai 3° alle 14. E verso le 14.30 ecco che l'ariva. Primi fiocchi, prima sparsi e poi via via sempre più copiosi e fitti.

Sul Friuli e el Veneto orientale, l'era zà un'ora che fiocava. Bufere de vento e neve ierà segnalè da Trieste fin a Vicensa. La neve l'era arivà dappertutto, vuto che i freddofili veronesi ei le ciapesse en quel posto ancha staolta? Vuto che la proverbiale sfiga de Verona (perchè verona e la neve le va mia d'accordo) la gavesse reson anca stolta? Avaressemo visto solo quel 4 falive che savea visto finora?

NO Casso!  En un'altra ora la situasione la cambia radicalmente…sul Veronese arriva la bufera… VENTO (toccate punte in campo aperto di 80 Km/h) e NEVE e tutti i nevofili (anca quei che en mezzo ala bufera i ghera con la macchina, come mi) a urlar "LA TACA!!". Oh, la tacava dappertutto, fin sulle pareti verticali delle case, s-chissà dal vento e engiassà all'istante dalla temperatura che nel frattempo l'era finia sotto lo zero.  

El Vento e soffia sempre de più e attorno alle 17, alcune stazioni della zona di Verona le fa segnar i 98Km/h che con una temperatura esterna di -5°... vento a 100Km orari e -5° significa che la tempratura percepita in pianura l'era degna della siberia...grosso modo LA PERCEPITA RIPETO l'era de 20° sotto zero. Insomma na bufera, che durò comunque poco. Attorno alle 19 tutto se calmò…el vento el tacò a calar… i fiocchi i mu sempre più sparsi… e alle 20 en cielo tornò le stelle

Tirando le somme, alla fine, a Verona il Buran de Santa Lusìa non l'è che el portò a tutta sta neve. En media 3cm (ovviamente dove la neve fu portata dal vento se arrivò anca a 30cm) insomma è fiocà anca molto de più en città e soprattutto en provincia, ma probabilmente questa che v'ho appena contà la rimarrà (almeno fino alla prossima) la tempesta de neve più ricordata dai Veronesi… e non solo :)

Ciaoooooooooooo

 

Published in Editoriali

spaghetti1Non manca giorno che su un sito o su un altro (partendo sempre però dalle solite fonti ...) non venga pubblicato un post/articolo/notizia in cui per il giorno X del prossimo mese (generalemente con X lontano dal giorno in cui la notizia esce almeno di 10 giorni...) non si preveda l'arrivo del gelo epocale o del caldo infernale... ovviamente il tutto corredato da titoloni che a leser par che se stia lesendo un boletin de guera dove ogni tanto qualcuno se spinge fin ad affermar che "alcune città dovranno chiedere pietà" , "meteo shock" , "allarme.." etc. el tutto ovviamente per attirar la gente a cliccare sull'articolo per lezer sà sucedarà perchè sicuramente el titolo l'è fatto appposta per "metter paura" e se sà che la paura fa la gente "torda" ...

Adesso ve ensegno do robe... la prima l'è che come cerco sempre de dir le previsioni dopo i 3/4 giorni le taca a scusar de fregadura ...figuremose dopo i 10... e la seconda l'è come "confesionar" ad hoc la previsioni shock...

Partemo dalla prima immagine che ho postà : iè tante linee colorate che però grosso modo iè abbastanza sovrapposte ... queste linee (che le pol esser 20 o 22) le rappresenta ognuna la visione che un modello matematico di previsione ha relativamente al tempo. Iè 20 perchè disendolo en parole povere e con un esempio semplice ... ad ogni run per un modello l'è come se tiresse 20 olte un dado e se tiresse fora i 20 risultati e alla fine se fasesse la media che rappresenta la previsioni "più probabile" ... el fatto l'è che per i giorni "più vicini" alla data di emissione del modello, le facce del dado iè poche e quindi i valori che pol vegner fora iè pochi... le linee iè vissine e di conseguenza anca la media... e se lo vede ben appunto nella prima immagine che rappresenta la previsione per domani... questo sa vol dir? che a distanza de 24/48 ore la probabilità de ciapar n'enculada fasendo le previsioni (SU LARGA SCALA) la ghe sempre (parlemo sempre de media infatti) ma l'è sicuramente bassa... poi che LOCALMENTE ghe sia delle condizioni particolari che fa sbalar le robe l'è n'altro discorso... ma en linea de massima se te dise che fa caldo...farà caldo... se te dise che sul veronese ghè el sol...ghe sarà el sol su gran parte della provincia .. e così via.

Ora passemo alla seconda immagine che la ghe someia a un quadro de Van Gogh ... iè sempre le 20 linee de prima solo che stavolta non solo non iè vissine... anzi le par messe zò alla casso... sa è successo... per tornare alla metafora del dado... man mano che la previsione è lontana dal giorno corrente... le facce del dado le aumenta diventando potenzialmente infinite... quindi ... te tire 20 olte el dado e solo se la te va de cul, due lanci (tra infinite facce) saranno vicini (non dico uguali perchè li bisognaria averghe na verza che gnaca Gastone de Paperino el gà) ... ovviamente risultati "distanti" dicono che non esiste una previsione "che vince sulle altre" ma sono tutte ugualmente plausibili... dalla più calda alla più fredda che siano.

Ora però se vuoi fare l'articolo acchiappa click ovviamente tra tutte queste probabilità, non è che vai a prendere quella più normale... eh no prendi quella che faraà più scalpore ... ed ecco che dal cilindro dei spara cazzate ti appare il gelo epocale... io ho preso nella terza immagine il "14 lancio" a 384 ore di distanza rispetto ad oggi che "siore e siori" ci presenta una bella -12° ai 1500 metri sulle nostre teste... gioite freddofili... il Buran Express sta arrivando... si nel muso de ci ghe crede :-)

Questo per spiegarvi ancora una volta come bisogna sempre diffidare da previsioni buttate li a 10/15 giorni di distanza... ah questo spiega anche perchè ieri el solito sito nel giro di qualche ora prima per nadal l'ha promesso el gelo e dopo l'ha scritto a nadal tutti en spiaggia

Published in Editoriali

PERCHE' ALA MATTINA PRESTO EN PIANURA GHE' SBORO E SUL BALDO GHE ZA' CALDO?

L'è capità più de na olta nelle ultime settimane che dandove el buongiorno ho scritto "Brumade en pianura e temperature più calde en montagna per effetto dell'inversione termica" ... Questo el par strano perchè i n'à ensegnà che quando se va en montagna bisognaria cuertarse perchè ghè più fredo e spesso quando en inverno piove a Verona sul Baldo arriva la neve quindi se ala mattina me sveio e en pianura ghè zero gradi me emmagino che sul Baldo (o en Lessinia l'è stesso) ghe sia un fredo becco... envese arriva el selvadego de Meteo Caprino a dirve che se volì nar sul Telegrafo ve convien partir legerini...

En condizioni normali è vero quel che tutti i pensa ossia che man man che ne alsemo de quota le temperature le cala... e generalmente le temperature le cala de 6/7 gradi ogni 1000 metri...quindi en pratica se a Verona ghè 10 gradi a Bosco ghe ne saria 3/4. La temperatura la cala con l'altezza perchè... l'aria a contatto con el terreno, ghe grassie al sol l'è caldo, la tende a scaldarse. Scaldandose la tende a salire (lo savemo tutti che l'aria calda la tende a star en alto) .... man man che l'aria la va sempre più in alto diminusce la pressione atmosferica che le schissa... quindi sa succede, che l'aria la taca a "espanderse" ... e espandendose, la cede calor ... e di conseguenza ela la se rinfresca ... La prima immagine mostra questa situazione "normale" ....notare l'artista che è in me...

Ma ormai avemo capio che con el tempo ghe sempre qualcosa da imparar e quindi esistena anche el caso in cui l'aria man man che se va in alto invese de calar de temperatura, succede el contrario ossia che la se scalda (rispetto al terreno). Questo fenomeno el se ciama appunto INVERSIONE TERMICA.

Questo accade soprattutto in inverno per tre motivi:
1) El sol l'è basso all'orizzonte e quindi el fa fadiga a scaldar el terreno perchè i raggi i ariva de sbiego
2) I Giorni iè più curti quindi el sol el scalda meno...la notte l'è più longa e el terreno el se scalda meno
3) Pol capitar che a terra ghe sia la neve e che quindi per el cosiddeto effetto albedo el terreno el sia fredo engiassa

inversione

Tutti i motivi appena descritti i fa si che l'aria al contatto con el terreno la sia MOLTO più fredda del normale e che quindi la sia più fredda de quella ch

e ghè nei primi metri sora le nostre teste...

se poi ghe metemo che anche la montagne de notte la se raffredda e l'aria fredda al contatto con i pendii essendo più densa e pensante la se scrioltola verso valle "scansando" l'aria più calda che ghè a quote più basse... che quindi la sale de quota scaldando l'aria en montagna... ensomma l'è un bel casotto ma sta de fatto che succede quel che v'ho appena scritto.

Le cause dell'inversion termica iè che l'atmosfera l'è talmente stabile (l'è instabile quando l'aria fredda l'è in quota ...) che non ghè movimento de aria...e questo fa si che se possa formar dei bei nebbioni ma soprattutto che envesse de respirar aria sana, se finissa col respirar "merda" ... lo smog infatti ristagna nell'aria per la gioia dei nostri polmoni... La seconda immagine mostra cosa accade con l'inversione termica!

Condividete se vi va!! Emoticon smile
Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Published in Didattica Meteo

E anche per la Sicilia è arrivato il momento della prima neve. Ad imbiancarsi, grazie alle precipitazioni cadute  (anche sotto forma di temporale) tra la serata di giovedì 29 Ottobre 2015 e la mattinata di Venerdì 30 Ottobre 2015, è stato l'Etna, l’abbassamento delle temperature ha imbiancato, nel corso della notte, gran parte delle zone poste al di sopra dei 2000 metri. Il versante nord, di Linguaglossa, è stato quello che maggiormente ha richiamato le atmosfere invernali. nei prossimi giorni il perdurare del maltempo potrebbe portare altra neve sempre in quota, anche se sembra non destinata a durare ... anche perchè l'istadela de san martin l'ariva anca li... e li in Sicilia sarà più "estate" che da noi sul veronese.

(Immagine di Repertorio. Fonte http://www.cataniacentrorooms.it)

etna mare

 

Published in News dall'Italia

Ed eccoci al consueto appuntamento con l'analisi semi seria su come andrà la prossima settimana... chi ha la App di Meteo Verona ha già ricevuto una piccola anticipazione ieri ma ora che ho un po' di tempo vediamo qualche dettaglio in più Emoticon smile

sanmartinFinisce ottobre.. inizia novembre... ci si avvicina sempre più all'inverno...veniamo da una due giorni grigia e piovosa degna della stagione autunnale in cui siamo...insomma tutto fa presagire che si va sempre più più verso il fresco ed invece no... torna (o meglio continua) un po' di caldo... ecco prima de sentir parlar de Camel/caldo africano e tutte ste vacade qua diciamo le cose come stanno... non arriva nessuna ondata de caldo africano ma dobbiamo solo attenderci la classica "Istadela de San Martin" ...

Cosa accade quindi? lo vedemo nell'immagine allegata al post, dove volutamente ho cavà dai ovi el camel (perchè el me nà in odio) e ho messo un bel San Martin stile "manga giapponese" che el rompe i coioni stesso ai freddofili ma che almeno el fa più tradissione dei nostri veci.
Questo ritorno del "caldo" ...che significa solo temperature di poco al di sopra delle medie del periodo (se arrivemo AL SOLE a 22° tra luni e marti secondo mi la ghe vol tuta...) è dovuta ad una configurazione Barica detta "ad omega" ( o a brufel visti i colori e la forma...) dove a sinistra ghè un musetto che non ga voia de far gnente anca perchè l'è proprio spompo poarin, a destra ghe quel che resta del uinni de pu che ha portà un po' de acqua in sti giorni .... e en mezo sà infilà "el santo" con el co cavalin. Questa configurazione è quella che generalmente ha la forza per durare di più perchè "San Martin" non è che può muoversi più di tanto in quanto "stretto" tra due fuochi... ghe provarà el musetto sulla Spagna a farse avanti verso la fine della prossima stimana ma da chi ad alora fa ora a cambiarne de robe...

Ma struca struca...sa dovemo aspetarne?

1) Temperature più alte delle medie del periodo SOPRATTUTTO IN MONTAGNA... in pianura come detto qualche grado in più del normale durante il giorno, temperature minime invece fresche/fredde con una forte inversione termica... il discorso delle temperature massime in aumento potrebbe non valere per le pianure... o almeno non per tutta...il prossimo punto spiega perchè.
2) Alta pressione in inverno significa tempo bello in montagna ... ma anche rischio di nebbia (fitta a tratti) in pianura... quindi per le zone in cui si faranno avanti le nebbie ghe poco da far... de "caldo" se ne sente poco.
3) No piovarà più per almeno 5/6 giorni...quindi ci ga da far en campagna o en giardin (nebbia permettendo...lo ripeto) el catarà dele bele giornade.

direa che l''è tuto... ah dimenticavo... e la Balena? bisogna nar a chi l'ha visto a vedere se i l'ha vista da qualche parte perchè chi sull'Italia che no se vede l'alta pressione delle Azzorre l'è più de un'anno.. se vede che ghe femo proprio angossa Emoticon smile
Per dargne na man al mussoghe volaria le renne...ma come vedì non iò gnanca messe perchè per ora non se ne vede all'orizzonte.

Condividete se vi va!

Published in Analisi

Tutto pronto a modena per ospitare la fiera più importante dedicata agli sport invernali che quest'anno giunge alla sua 22esima edizione. Come ogni anno, non ci sarà spazio solo per lo sci e lo snowboard, ma anche boulder, rotor e slackline, cioè il freestyle e freeride e per finire pattinaggio, mountain bike, ciaspole, sleddog saranno presenti tra gli stand che i visitatori potranno vedere. Il tutto inizia Giovedì 29 Ottobre e terminerà Domenica 1 Novembre. La location è la solita...Alla Fiera di Modena, a due passi dall'uscita dell'autorstrada di Modena Nord  SkiPass 2015 il salone del turismo e degli sport invernali anche quest'anno, metterà assieme i skipass2015comprensori, gli hotel, i rifugi, ma anche produttori di attrezzature e accessori e operatori del settore.

Un meeting dedicato tradizionalmente al consumatore, che però ospita tanti operatori che possono incontrarsi e fare ‘matching’ o partecipare a convegni che propongono anche studi di prospettiva del settore, conferma il direttore generale di BolognaFiere, Antonio Bruzzone. L’edizione 2015 si presenta con 20.000 metri quadrati di esposizione e 25.000 metri quadrati di aree spettacolo e animazione con quattro gare degli Urban rail contest 2015 che vedono atleti conosciuti a livello internazione sfidarsi nello Snowboard rail jam, lo Street fighter la Rail ski-Lls. Tra i nomi più noti lo snowboarder tedesco Benny Urban, l’austriaco Dominik Wagner, il russo Denis “Bonus” Leontyev e tra i freestyler Torge Nagel e Flo Gayer.

Tutti i giorni attività e animazione gratuite per il pubblico

Pista sci (area esterna): lezioni gratuite di sci tutto il giorno in collaborazione con Collegio Regionale Maestri di Sci Emilia Romagna. Attrezzatura fornita da Pool Sci Italia.

Pista sci (area esterna): lezioni gratuite di Telemark
Pista sci (area esterna): lezioni gratuite di sci alpinismo in collaborazione con ATK
Pista snowboard (area esterna): SNOWBOARD4KIDS lezioni gratuite di snowboard tutto il giorno a cura di Burton
Sci di fondo (area esterna): lezioni gratuite nell’arco della giornata, a cura degli allenatori e dei maestri della Scuola di Sci Val Dragone e della Società Sportiva Frassinoro.
Pista di pattinaggio (area esterna): aperta al pubblico.
Boulder (pad.B): gare pro e amatori. Nelle ore libere la struttura è aperta al pubblico
Rotor (pad.B): gare pro e amatori. Nelle ore libere la struttura è aperta al pubblico
Riglet park by Burton Snowboards (pad.B): progetto strutturato per bambini da 3 a 6 anni per promuovere e avvicinare al mondo dello snowboard i più piccoli. Tutti i giorni dalle 11 alle 19 lezioni gratuite.
Slack line: esibizioni e giochi
Parete di arrampicata (area esterna): aperta al pubblico
Percorso bike (area esterna): aperta al pubblico

Survival: percorso di sopravvivenza aperto al pubblico

Snow Move by FISI Maps (pad.A): palestra attrezzata e consulenza fisioterapica con esperti federali FISI a disposizione del pubblico

Soccorso Alpino (area esterna – presso Snow Playground): esercitazioni con unità cinofila per simulazioni di soccorso in caso di valanghe e utilizzo dispositivo ARTVA

Nordic Walking (area esterna): Prove libere e lezioni

EVENTI SPORTIVI

Giovedì 29 ottobre

11.00/12.30: area esterna – Rail Pro: Crew Battle, contest riservato alle crew iscritte. Training

14.00/14.30: area esterna – pista Sci e Snowboard: Gara di sci alpinismo in collaborazione con ATK Race

15.00/16.30: area esterna – Rail Pro: CrewBattle, contest riservato alle crew iscritte. Finali e premiazioni

17.30/18.15: area esterna – Rail Pro: Snowboard Rail Jam, riservato alla categoria snowboard. Training

Venerdì 30 ottobre

10.30/12.30: area esterna – Rail Pro: Snowboard Rail Jam, riservato alla categoria snowboard. Training

14.00/16.00: area esterna – Rail Pro: Snowboard Rail Jam, riservato alla categoria snowboard. Qualifiche

16.30/17.00: area esterna – Rail Pro: Snowboard Rail Jam, riservato alla categoria snowboard. Finali

18.00/18.45: area esterna – Rail Pro: Street Fighters, riservato alla categoria snowboard. Training

Sabato 31 ottobre

10.30/18.00: pad. B – area Outdoor c/o BOULDER: ASD Equilibrium: Qualificazioni Open Campionato

10.30/12.00: area esterna – Rail Pro: Street Fighters, riservato alla categoria snowboard. Training

11.00/13.00: pad. B – area Outdoor c/o Slackline: Eliminatorie Italian Trickline Championship by Spider Slackline

14.30/15.30: area esterna – Rail Pro: Street Fighters, riservato alla categoria snowboard. Qualifiche

15.00/17.00: pad. B – area Outdoor c/o Slackline: Finali Italian Trickline Championship by Spider Slackline

16.00/16.30: area esterna – Rail Pro: Street Fighters, riservato alla categoria snowboard. Finali

17.30/18.15: area esterna – Rail Pro: Rail SKI – LLS, riservato alla categoria Freeski. Training

Domenica 1 novembre

10.30/12.00: area esterna – Rail Pro: Rail SKI – LLS, riservato alla categoria freeski. Training

11.00/13.00: pad. B – area Outdoor c/o BOULDER: ASD Equilibrium. Semifinali campionato boulder

11.00/13.00: area esterna – Pista sci: Gara di sci di fondo a cura del CAE Comitato Appennino Emiliano

14.00/14.30: pad. B – area Outdoor c/o BOULDER: ASD Equilibrium: Premiazioni Climbing awards

14.30/16.00: area esterna – Rail Pro: Rail SKI – LLS, riservato alla categoria Freeski. Qualifiche

15.00/18.00: pad. B – area Outdoor c/o BOULDER: ASD Equilibrium: Finali campionato boulder

16.30/17.00: area esterna – Rail Pro: Rail SKI – LLS, riservato alla categoria freeski: Finali

 

Per maggio rinformazioni visitate il sito : http://www.skipass.it

Published in News dall'Italia

Vediamo come potrebbe andare la prossima settimana per la provincia di Verona


Domenica 25 Ottobre ancora temperature al di sopra dei valori medi del periodo, soprattutto in montagna con forte inversione termica al mattino... en pratica farà più caldo en montagna che en pianura. Non pioverà ma avremo comunque più nubi

settimana26ottobre15

rispetto ad oggi per via di frequenti velature di passaggio.


Lunedì 26 Ottobre  l'antifona non la cambia ance se tacarà a far manco caldo soprattutto in montagna mentre in pianura non cambia niente...e ghe sarà el sol.


Martedì 27 Ottobre taca a ennuvolarse dalla sera e non escludo qualche sguassetto in serata

Mercoledì 28 Ottobre  ...arriva el musetto che avevamo visto nell'ultima analisi (NO RENNE NO PARTY ...) e se ritorna a valori di temperatura in linea con le medie stagionali. E dovaria piover anche se non molto sulla provincia.

Giovedì 29 Ottobre ... ancora nuvolo e piogge alla mattina, poi se enserena.

Venerdì 30 Ottobre più fresco ma tempo decente.

Ma seguiteci tutti i giorni perchè lo dico sempre... dopo i tre giorni le previsioni meteo le va come el du de cope quando la briscola l'è spade.

Published in News Locali

Non è che perchè ho messo en giro la App adesso me desmentego de dir 4 cassade su come sarà el prossimo periodo sulla nostra provincia  ... come sempre e23ottobre2015ccoci quindi alla analisi semi-seria in cui tutto lo Zoo el tira fora el meio..

Partiamo dalla situazione attuale... al nord semo in una situazione in cui "uinni de pu" (el finto orso che porta el fresco ma no el freddo), soffiando con el so "alito" da est ci sta portanto giornate "soleggiate" e "frizzanti" ma senza fenomeni. Questa è la classica situazione che se si presentasse in inverno quando, invese de quel svampinto de "uinni de pu" , arriva el vero orso, quel con i contro coioni, noialtri saressimo drio batter i denti guardando il cielo più azzurro che più azzurro non ce n'è e el centro sud el saria sotto le buffere de neve invece purtroppo di essere continuamente bersagliato da piogge torrenziali devastanti... invesse semo a fine ottobre e le giornade le scorre tranquille senza grossi "sbalsi" (per noi...per il sud è diverso)...

Ora però "uinni de pu" l'è drio nar a far cagnara verso la Grecia o meglio ... el perdarà via via forsa senza però abbandonare completamente le regioni meridionali. El fatto che el perda forsa però el fa si che a Nord l'alitino dell'orsetto, (bello fresco come se l'avesse magna na scofana de Air Fresh Vigorsol, quel che ala mattina el ne sveia per ben e el ne enrisola i cavei sulla copa) el vaga a farse ciavar e taaaaacccc ecco che quela mezza sega del camel (che ormai l'è diventà de pessa e non brusa più come en agosto) l'alsa el muso e el ghe prova a scaldarne (noialtri al nord) ... però prima che i freddofili i taca a tirarse le randelè sulla testa mettiamo in chiaro le cose ... siamo ad ottobre, le giornate son sempre più corte, el camel l'è de pessa (a 1500 metri arriva una isoterma +10° ... in luglio ai tempi del ‪#‎caldodemerda‬ arrivò la +23° ... ghè na bela differenza) quindi non potrà fare CALDO BESTIA...potrà fare PIU' CALDO per il periodo che significa PROBABILMENTE (e non certamente) temperature massime comprese tra i 22 e i 24° ... sempre che... l'umidità che ci porta il cammello non si trasformi in pianura in nebbia e allora saranno solo ler zone a nord di verona a ciapar l'alito tiepido del camel.

Quanto duralo? beh li a sinistra vicino vicino al camellino ghè un bel musetto...che el sia lu a darghe na randelà al caldo... macchè quel musso lì l'è drio farghe el filo ala balena (che oramai demo per dispersa...e ciucca de mojito) , le renne iè a nord... iè tutte riunite...che le sia drio far un rave party?!! i ne sà qualcosa quei dela Groenlandia dove en sto periodo non savea mai visto così tanta neve... Quindi in balia del cammello? No perchè ancora più a sinistra... se vede un musso che, devo dir la verità, el gà del coraio... se le cose le va come se vedo oggi sto musetto americano el podaria rivar verso el 28 anca en italia portando ancora temperature stavolta in media col perido e piogge atlantiche.

Questa ultima ipotesi l'è tutta da vedere quindi stay tuned... per ora godiamico queste giornate stabile e più calde (al pomeriggio).. nebbia permettendo.

Published in Analisi

Ebbenepioggiaprimavera2015 si proprio oggi inizia l'estate (meteorologica) 2015 ... c'è chi dice che sarà la più calda da quando hanno inventato i termometri, c'è chi dice che sarà fresca... io dico che non possiamo saperlo oggi come sarà l'estate soprattutto se volessimo saperlo per Verona eed in generale per la nostra provincia. Quindi per non perdere troppo tempo mi limito ad analizzare come è andata la primavera appena trascorsa...

Lo facciamo analizzando i dati ufficiali raccolti dall'aeronautica militare presso la stazione meteorologica di Villafranca... secondo me molti di noi avranno delle sorprese, soprattutto chi in questi ultimi tre mesi si è "lamentato" del Freddo...

FREDDOOOOOOO?!?! Ricordiamo che non viviamo in Marocco e che le temtemperatureprimavera2015perature medie nella primavera Veronese variano dai 20° di massima (in media) ai 12/13° di minima (in media) ... quindi ghe poco da dir...la primavera si è chiusa con un +1.85° rispetto alle medie del Periodo... su 90 giorni primaverili BEN 71 giorni hanno fatto registrare temperature al di sopra delle righe, 16 al di sotto e 3 giorni sostanzialmente in pari... se poi vogliamo parlare di maggio (sul quale ho sentito cose del tipo "mai sentio un fredo così a maggio...") beh l'ultimo mese privaverile è quello che ha contribuito ad alzare la media ...con +2.05 gradi sopra le medie... Ovviamente non sono cose che dovrebbero stupirci visto che, a parte l'estate scorsa, poi tutte le stagioni sono state abbondantemente sopra media...ma almeno non dovremmo "lamentarci" del freddo ah ah ah .

Poi c'è chi si anche lamentato del "piove sempre" (io aggiungo un piove "quasi" sempre nel week end...perchè è spesso stato così)... ma anche questa percezione (di molti ...ma non ad esempio da chi sull'acqua piovana fa affidamento per la propria attività) di primavera piovosa è un "mito" destinato a crollare... eh si perchè nei tre mesi estivi primaverli sono caduti 117,4 con un deficit rispetto alle medie di oltre 71 millimetri... in pratica manca un mese di pioggia. Ovviamente non è una situazione preoccupante (per ora) ma considerando la poca neve caduta in montagna nello scorso inverno e la poca pioggia caduta in primavera la situazione merita un po' di attenzione.

Ovviamente ci sono zone dove è piovuto di più ...come la Lessinia... ma ricordiamoci che sulle nostre montagne in genere piove più del doppio rispetto alle zone di pianura.

Bon dai finito... adesso inizia l'estate e come detto ieri inizierà col botto... in maniera molto simile a quella del 2014...con una bella fiammata africana (che ovviamente farà registrare temperature al di sopra delle medie) ... poi vedremo. CI ritroveremo a settembre a tirare le fila su come sarà trascorsa questa estate
ciaooooooooooo

 

Published in Editoriali

Girando in internet in questi giorni, andando a leggere anche testate online "di alto livello" 1371370298mi rendo conto di come la meteo spazzatura stia diventando ancora una volta dilagante... quasi senza freni e tutti a credere a quello che i soliti "urlatori da strapazzo" stanno dicendo da qualche giorno: "sarà un estate da record... la più calda degli ultimi trentanni".

Leggo ancora e trovo: "Frequenti incursioni africane faranno alzare le temperature fino ai 40 gradi" ... e poi mi trovo un'immagine del deserto con scritto "Estate 2015 TORRIDA" ...

E qua me parte definitivamente l'embolo! !!! E devo per forza dire alcune cose... al solito sito

1) se la previsione della prossima estate l'è come quella che avete fatto sullo scorso inverno non ghè pericolo... ansi quasi quasi vo a comprar legna e Pellet perché ghè El rischio (visto che non ghè n'è embrochì una) che a ferragosto fiochi. ..

2) poca fadiga dir che sarà un'estate calda... Negli ultimi 30 anni l'è più facile indovinaghe che quando se dice che fa più caldo del normale piuttosto che dir el contrario...

3) prima de dir con sicurezza, spaventando la gente, che sarà un'estate super calda aspettate settembre quando avrete dei dati veri e non quelli che tirate fuori dal cilindro dopo aver bevuto ne bottiglia de mescal come i fa i santoni maya spersi en mezo ale foresta del Chapas per saver quando finisse el mondo...

4) penso che avì ciapà la laurea en fisica dell'atmosfera coi punti della miralanza. .. veder un "meteorologo" che in un articolo scriver che sarà un'estate torrida perché avremo frequenti incursioni africane, l'è come sentir un cogo de Verona dir che se pol cusinar la pearà en 5 minuti... el primo pensier l'è "te si un cogo del casso" ... mi che sono un insemenito vado a guardarmi cosa significa "caldo torrido" e scopro che vuol dire "CALDO SECCO" ... Penso al caldo Africano che arriva da noialtri e me vien en mente la sauna. .. afa, umidità, stofego da paura, gente tacaissa... 30 gradi reali ...10000 percepiti...
Quindi ghè qualcosa che non torna... o sarà un' estate torrida o sarà un'estate governata dall'Africa. .. perché tutte e due le cose non quadrano. ..

Poi mi viene in mente quale è la fonte e mi ricordo che su quel sito basta butar li na ventina de parole ad effetto per confezionare il solito articolo spazzatura pregno di minchiate apocalittiche in grado di attirare migliaia di click ergo... migliaia di euro per loro..

Cosa penso io dell'estate? Che sarà calda come è giusta che sia... quella.del 2014 che tutti hanno percepito come fredda è stata di pochissimo sotto le medie del periodo ... quella di quest'anno probabilmente sarà un po' più calda del normale? Puo essere... Di quanto? No el le sà gnanca el mago Oronzo...
Quindi non crediamo a tutte ste fandonie mediatiche... che se val come la carta igenica.

Potrebbe essere anche l'estate da record che dicono... ma lo scopriremo solo a settembre Emoticon wink

Fastidio finito
Ciao

Published in Editoriali

Page 1 of 10