Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon09162019

Last update

Se avvicina la notte de Santa Lusia e sicuramente ì buteleti della provincia i pensa: da fogo ... caspita ariva i regai, bisonga nar el leto presto (perche se Santa Lusìa la te cata sveio iè cassi) ma prima misogna pareciar la taola per la Santa, el Musso e el Castaldo. Ma oltre a questo, per i meteo appassionati (en sto caso non solo Veronesi) vien en mente quel che sucesse el 13 Dicembre del 2001... squillino le trombe: "El Buran de Santa Lusìa". Oddio i l'ha ciamà "Buran" solo perchè fa figo... en Realtà da noialtri el vento che arivà l'era solo Bora, El Buran infatti l'è un vento gelido che però soffia solo nelle Pianure Sarmatiche della Russia e no sulla pianura Padana (ma questa l'è solo na nota da cagacassi). Come sto Dicembre, anche quel del 2001 el cominciò gran mal per i amanti del fredo... ma allora le robe le cambiò, no come st'ano che el periodo "de merda" el narà avanti ancora per un bel poco.

Comunque, anca alora i primi giorni de Dicembre i trascorse en compagnia dell'alta pression sub tropicale..."El camelasso maledetto" e quindi con temperature fora dalla norma in montagna e nebbioni e fresco in pianura, ma soprattutto senza gnanca na faliva en montagna. Questa “ingombrante presenza” l'è ben visibile nelle prossime immagini

L'immagine chi de sora la mostra el camelasso e quela chi sotto la mostra le temperature in quota e come possiamo vedere eravamo in “balia” de una +5° ai 1500 metri…si insomma, no fredo! A differensa de adesso però anche nelle zone nebbiose se arivava a 5/6 gradi de massima.

Per ci ama la meteo e ghe piase le robe "dinamiche", quella situasion l'era dal bon "noiosa" .., en gergo i addetti ai lavori i le ciama "du cojoni", si be insomma, dai non proprio tutti tutti i addetti ai lavori i le ciama così. Ma per fortuna, le robe le taca a cambiar zà verso l'immacolata (allora non ghera ancora ILMETEO.IT a prevedere disastri de neve con 20 giorni de anticipo portando quindi sfiga e mandando en vacca tutte le speranse dei freddofili) quando,  correnti più frede le taca a rivar fin sull'Italia. Prima le cala in quota e subito dopo le rinfresca anche en pianura. Affinchè arivasse ste correnti però ghe sta n'incastro de eventi "barici" che in meteorologia i se ciama "botta de cul". Vedemoli assieme (iè comunque nella prossima immagine):

1) Orso Russo da 1050

2) Balena Azzoriana che se taca con l'Orso formando el cosiddetto Ponte de Weikoff

3) Goccia fredda isolata sulla Russia Europea schiacciata tra l'orso, la balena e el ponte

Ora, zà l'è un casin far previsioni in situassioni normali, figurate quando ghe de mezzo tutto sto casin. De certo le robe en ste condisioni le pol esser molto interessanti.

Infatti, dopo qualche giorno le robe le cambia, el Ponte el fa a farse ciavar (vedi prossima immagine) e la situasion sull'Italia che, si fasea un po' più freddo, ma ghera sempre e solo nebioni, la cambia radicalmente:

  • la goccia fredda la taca a esser rifornia de altra aria gelida diventando parte integrante de una mega massa pression che dall'Artico la "ciuccia" dentro la gossa e quindi fin sull'Europa Orientale un "freddo bisso" (altro termine tecnico...).
  • sulla Scozia envesse, se forma un potente anticiclone de blocco de ben 1040hPa... insomma da li le perturbassioni atlantiche non le passa.
  • E sulla Russia Centrale ghè sempre l’Orso…quindi ancora l’alta pressione gelida
  • Questo vol dir che la bassa pression FREDDA ghe toca star encastrà tra dò alte pressioni… e da li el gà na sola via de uscita: l’Europa Centrale e il Mediterraneo.

Ma non l'è che en queste condissioni sia diventà facile far le previsioni, ansi. Semo al 12 de dicembre e nessun meteorologo serio el se sbilanciò nel preveder cosa l'avaria fatto l'aria fredda, certo nell'aria se sente "profumo" de evento "storico" ma siccome i meteorologi seri non i se sbilancia mai nel dir robe a caso, nessuno si azzardò di menzionare l'arrivo del "Buran" ... anca se ormai mancava poche ore.

Buran o non Buran? questo l'era el problema, l'unica roba certa l'era che avaria fatto MOLTO più freddo, la diression del freddo l'era abastansa ciara, quel che non se savea, l'è se saria stà un freddo "sterile" o se avaria fatto un po' de nevischio... figuremose a parlar de neve con accumulo. Zà allora i savea che soprattutto per el Nord Italia gli ingressi freddi da Est iè per la maggior parte "innocui".

Ma ecco che arriva el 13 Dicembre, fin che i buteleti i versea i regai, i meteo appassionati i osserva subito un cambiamento: Le nebbie non le ghè più, el ciel l'è azzurro, non se vede na nuvola ma ocio...le temperature iera ancora sora lo zero!!! e qua sono sicuro che partì na serie de improperi tra i freddofili che se dovessi scriverli me toca confessarme per un mese de fila! Ma casso!! solo na roba i avea dato per certo, ossia l'arrivo del Freddo e invesse non ià endovinà nemmeno quela. Ma quel che i freddofili/nevofili non i savea mia la mattina del 13 Dicembre, l'era che nella notte, se vede per far passa meio Santa Lusìa, el ponte de Weikoff el savea formà n'altra olta (vedi prossime due immagini), per la gocca fredda (sempre più fredda) non ghera scampo, la gavea per forsa da spostarse verso sud, prima sulla Alpi e da li sull'Italia

L’immagine precedente la "gossa", mentre la prossima immagine mostra come l’aria dentro la gossa, la sia molto più fredda rispetto a l'aria giunta sull’Italia fino a quel momento.

Bon, tutto sto casin "Russo" el taca a far cambiar le robe anca sull'Italia a partire dalle 13.30. Innanzitutto se alza el vento sulla provincia de Verona, si tratta di un Est “pieno” (BORA... no BURAN...ma come dito all'inissio fa figo ciamarlo BURAN) e no un “Nord-Est” e questo è un bene perchè vol dir che qualcosa sta entrando e non dovaria mia esser foehn in caduta dalla Lessinia. Ma le nuvole? Le nuvole dove ele?!?!??  Oddio a esser proprio pignoli, se podaria ciamar nuvole, quei 4 cirri spaisi che se vedea vardando verso est, ma l'era (per un nevofilo) tacarse a tutto sperando che non fusse solo freddo sterile. Tutto cambiò en 45 minuti…quei che ha trasformà una “Ciavada” nel “Buran di Santa Lucia” (ovviamente la ciavada la saria staà per el Nevofilo... ma visto quel che è successo la ciavada la arivà per i caldofili)

Infatti attorno alle 14.10-14.20 el cielo el se ennuvolò del tutto, la temperatura crollò. A Verona se passò dai 7° delle 13 ai 3° alle 14. E verso le 14.30 ecco che l'ariva. Primi fiocchi, prima sparsi e poi via via sempre più copiosi e fitti.

Sul Friuli e el Veneto orientale, l'era zà un'ora che fiocava. Bufere de vento e neve ierà segnalè da Trieste fin a Vicensa. La neve l'era arivà dappertutto, vuto che i freddofili veronesi ei le ciapesse en quel posto ancha staolta? Vuto che la proverbiale sfiga de Verona (perchè verona e la neve le va mia d'accordo) la gavesse reson anca stolta? Avaressemo visto solo quel 4 falive che savea visto finora?

NO Casso!  En un'altra ora la situasione la cambia radicalmente…sul Veronese arriva la bufera… VENTO (toccate punte in campo aperto di 80 Km/h) e NEVE e tutti i nevofili (anca quei che en mezzo ala bufera i ghera con la macchina, come mi) a urlar "LA TACA!!". Oh, la tacava dappertutto, fin sulle pareti verticali delle case, s-chissà dal vento e engiassà all'istante dalla temperatura che nel frattempo l'era finia sotto lo zero.  

El Vento e soffia sempre de più e attorno alle 17, alcune stazioni della zona di Verona le fa segnar i 98Km/h che con una temperatura esterna di -5°... vento a 100Km orari e -5° significa che la tempratura percepita in pianura l'era degna della siberia...grosso modo LA PERCEPITA RIPETO l'era de 20° sotto zero. Insomma na bufera, che durò comunque poco. Attorno alle 19 tutto se calmò…el vento el tacò a calar… i fiocchi i mu sempre più sparsi… e alle 20 en cielo tornò le stelle

Tirando le somme, alla fine, a Verona il Buran de Santa Lusìa non l'è che el portò a tutta sta neve. En media 3cm (ovviamente dove la neve fu portata dal vento se arrivò anca a 30cm) insomma è fiocà anca molto de più en città e soprattutto en provincia, ma probabilmente questa che v'ho appena contà la rimarrà (almeno fino alla prossima) la tempesta de neve più ricordata dai Veronesi… e non solo :)

Ciaoooooooooooo

 

Published in Editoriali

spaghetti1Non manca giorno che su un sito o su un altro (partendo sempre però dalle solite fonti ...) non venga pubblicato un post/articolo/notizia in cui per il giorno X del prossimo mese (generalemente con X lontano dal giorno in cui la notizia esce almeno di 10 giorni...) non si preveda l'arrivo del gelo epocale o del caldo infernale... ovviamente il tutto corredato da titoloni che a leser par che se stia lesendo un boletin de guera dove ogni tanto qualcuno se spinge fin ad affermar che "alcune città dovranno chiedere pietà" , "meteo shock" , "allarme.." etc. el tutto ovviamente per attirar la gente a cliccare sull'articolo per lezer sà sucedarà perchè sicuramente el titolo l'è fatto appposta per "metter paura" e se sà che la paura fa la gente "torda" ...

Adesso ve ensegno do robe... la prima l'è che come cerco sempre de dir le previsioni dopo i 3/4 giorni le taca a scusar de fregadura ...figuremose dopo i 10... e la seconda l'è come "confesionar" ad hoc la previsioni shock...

Partemo dalla prima immagine che ho postà : iè tante linee colorate che però grosso modo iè abbastanza sovrapposte ... queste linee (che le pol esser 20 o 22) le rappresenta ognuna la visione che un modello matematico di previsione ha relativamente al tempo. Iè 20 perchè disendolo en parole povere e con un esempio semplice ... ad ogni run per un modello l'è come se tiresse 20 olte un dado e se tiresse fora i 20 risultati e alla fine se fasesse la media che rappresenta la previsioni "più probabile" ... el fatto l'è che per i giorni "più vicini" alla data di emissione del modello, le facce del dado iè poche e quindi i valori che pol vegner fora iè pochi... le linee iè vissine e di conseguenza anca la media... e se lo vede ben appunto nella prima immagine che rappresenta la previsione per domani... questo sa vol dir? che a distanza de 24/48 ore la probabilità de ciapar n'enculada fasendo le previsioni (SU LARGA SCALA) la ghe sempre (parlemo sempre de media infatti) ma l'è sicuramente bassa... poi che LOCALMENTE ghe sia delle condizioni particolari che fa sbalar le robe l'è n'altro discorso... ma en linea de massima se te dise che fa caldo...farà caldo... se te dise che sul veronese ghè el sol...ghe sarà el sol su gran parte della provincia .. e così via.

Ora passemo alla seconda immagine che la ghe someia a un quadro de Van Gogh ... iè sempre le 20 linee de prima solo che stavolta non solo non iè vissine... anzi le par messe zò alla casso... sa è successo... per tornare alla metafora del dado... man mano che la previsione è lontana dal giorno corrente... le facce del dado le aumenta diventando potenzialmente infinite... quindi ... te tire 20 olte el dado e solo se la te va de cul, due lanci (tra infinite facce) saranno vicini (non dico uguali perchè li bisognaria averghe na verza che gnaca Gastone de Paperino el gà) ... ovviamente risultati "distanti" dicono che non esiste una previsione "che vince sulle altre" ma sono tutte ugualmente plausibili... dalla più calda alla più fredda che siano.

Ora però se vuoi fare l'articolo acchiappa click ovviamente tra tutte queste probabilità, non è che vai a prendere quella più normale... eh no prendi quella che faraà più scalpore ... ed ecco che dal cilindro dei spara cazzate ti appare il gelo epocale... io ho preso nella terza immagine il "14 lancio" a 384 ore di distanza rispetto ad oggi che "siore e siori" ci presenta una bella -12° ai 1500 metri sulle nostre teste... gioite freddofili... il Buran Express sta arrivando... si nel muso de ci ghe crede :-)

Questo per spiegarvi ancora una volta come bisogna sempre diffidare da previsioni buttate li a 10/15 giorni di distanza... ah questo spiega anche perchè ieri el solito sito nel giro di qualche ora prima per nadal l'ha promesso el gelo e dopo l'ha scritto a nadal tutti en spiaggia

Published in Editoriali

Andare a fare un’escursione alpinistica (impegnativa, quella delle 13 cime del Cevedale) e trovarsi bloccati da una bufera di neve evioz ghiaccio senza essere più in grado di andare avanti o indietro. È successo domenica e i protagonisti sono tre bergamaschi che sono stati salvati dagli uomini del soccorso alpino dopo un intervento lungo e difficile che si è concluso nella notte.

I tre alpinisti - amici fra loro con età comprese fra i 45 e i 55 anni - erano impegnati in questa escursione che li avrebbe dovuti portare a passare la notte fra domenica e lunedì al rifugio Vioz. Alle 19.30 , però, hanno chiamato il gestore per avvertirlo che erano in difficoltà e che non sarebbero riusciti ad arrivare al rifugio. Non solo. La loro condizione era difficile visto che a causa delle bufera, avevano perso l’orientamento ed erano stremati dalla fatica. Non riuscendo più ad andare avanti, erano comunque riusciti a ricavare un piccolo rifugio dal vento al colle del Vioz a quota 3.350.

La telefonata al rifugio ha fatto scattare immediatamente i soccorsi. Le condizioni meteo erano difficili e per questo era ancor più necessario cercare di raggiungere gli alpinisti il prima possibile.

Sono così partite due squadre del Soccorso alpino di Pejo. La prima dal rifugio Vioz, la seconda dalla Val della Mite.

La squadra partita dal rifugio é salita fino al Monte Vioz (quota 3.645) e ha attraversato la conca di ghiacciaio per arrivare a Cima Linke (3.631), dove è rimasta bloccata per più di un'ora a causa del maltempo. Questa squadra, attorno alle 22, è poi riuscita a raggiungere i tre alpinisti al Colle del Vioz e li ha accompagnati fino al rifugio, dove hanno poi trascorso la notte, facendo il percorso inverso.

L'operazione si é conclusa attorno alle 2 di notte ma i tre sono tornati in valle solo ieri mattina quando anche le condizioni meteo erano decisamente migliori. I tre alpinisti erano stremati per la fatica fatta durante l’escursione e infreddoliti per il brusco abbassamento delle temperature ma non avevano riportato traumi e hanno potuto fare ritorno a casa senza bisogno di aiuto e senza dover passare dall’ospedale.

La traversata delle 13 cime presenta uno sviluppo di 17 chilometri e si mantiene costantemente sopra i 3.300 metri. Viene presentato come un «tour di estrema eleganza e di grande respiro che, in diversi giorni, cavalca in successione le cime più rappresentative del Parco Nazionale dello Stelvio». È un viaggio che si snoda a cavallo delle creste spartiacque che collegano il Monte Cevedale, con il Palon della Mare, il Vioz e la corona del Monte San Matteo fino al Pizzo Tresero.

Fonte: Trentino Corriere Alpi

Published in News Locali

Alcuni scienziati spagnoli e tedeschi hanno messo in allarme la comunità internazionale, con una loro ricerca in campo ambientale,  GreenlandIceSheetMelt2005suggerendo che il ghiaccio della Groenlandia potrebbero scomparire a temperature più basse di quanto si pensasse.

Lo studio è stato condotto  dall'università Complutense de Madrid e l'Istituto tedesco di Potsdam per la ricerca sui cambiamenti cliematici. Essi hanno scoperto che basterebbe un aumento di soli 1.6° delle temperatura media (rispetto al periodo preindustriale preso come riferimento) per far sciogliere in modo irreversibile il ghiaccio groenlandese. La stima precedente era molto più ottimistica ed affermava che servissero almeno 3,1° di aumento affinchè ciò accadesse.

L'unica buona notizia (se così vogliamo chiamarla), è  che la scomparsa totale della calotta di ghiaccio avverrà, secondo il modello tedesco-spagnolo, in circa 2.000 anni, tuttavia il ritmo di sciogliemento è notevolmente più veloce di quanto non si fosse stimato in precedenza, addirittura di un'ordine di grandezza più veloce. Se la temperatura di "scioglimento" fosse stata la soglia dei +2° rispetto alle temperature medie pre-industriali, la calotta avrebbe la possibilitù di sopravvivere per altri 50000 anni.

In un'intervista rilasciata a Reuters, gli scienzianti hanno affermato che:  "Il nostro studio mostra che una soglia di temperatura per fondere lo strato di ghiaccio esiste e che questa soglia è stata sovrastimata fino ad oggi. Questa soglia è quella il bilancio di massa del ghiaccio della superficie della Groenlandia "diventa negativo" - in altre parole, la sua fusione estiva è più veloce rispetto al suo rifornimento invernale".

Pur non usando mai il termine di "punto di non ritorno" gli scienzionati sostengono comunque che tale punto purtroppo esiste per davvero e superato quel punto, anche se la temperatura iniziasse a calare, il differenziale negativo potrebbe non essere sufficiente per invertire la tendenza al disgelo. Attualmente con il nuovo modello proposto in questo studio ilgradiente positivo di fusione è posto tra i + 0,8° e i 3,2°...in precedenza era tra i +1,9° e +5,1°

 

Published in Eventi Meteorologici

Per la gioia dei fotografi e dei visitatori notturni, una delle tre cascate più famose del Giappone si illuminerà durante i fine settimana di Febbraio offrendo una AJ201202050023Mvista mozzafiato della parete ghiacciata. Stiamo parlando della cascata di Fukuroda a Daigo, nella Prefettura di Ibaraki. AJ201202050024La cascata è completamente ghiacciata dalla fine di Gennaio e ciò non accadeva da ormai sei anni.  Con un'altezza di 120 metri ed una larghezza di 73, questa cascata risulta essere una delle più importanti in Giappone assieme alle cascate Kegon nella prefettura di Tochigi equelle di Nachi nella prefettura di Wakayama.

Questo inverno, le cascate di Fukuroda hanno iniziato la fase di congelamento con molto anticipo rispetto al solito, infatti presentava i primi "elementi congelati"  già da metà dicembre, e agli inizi di Gennaio era congelata per quasi il 90% della sua superfice. Le piogge occorse verso la metà del mese di gennaio avevano fatto regredire di molto l'estensione del ghiaccio e questo aveva fatto pensare che nemmeno quest'anno si fosse potuto ammirare la cascata completamente ghiacciata. Invece con il grande freddo di fine Gennaio, il "miracolo" è avvenuto ed ora i visitatori potranno ammirare questo bellissimo spettacolo. L'appuntamento è quindi per tutti i fine settimana di febbraio dalle 17 alle 19... se qualcuno di voi ha intenzione di andare in Giappone tenentene conto :-))

Published in News dal Mondo

E' arrivato, come previsto, il freddo..quello vero soprattutto sul Nord Italia. Il Nocciolo Gelido di origine Siberiana è giunto nella serata di ieri veneziaghiacciosull'Italia andando ad alimentare l'instabilità presente in queste ore al Centro Sud che ha portato la neve a Roma (per somma gioia del freddofili della Capitale) ma soprattutto portando le temperature sulla pianura padana MOLTO al di sotto dello zero. Il Veneto ovviamente è stato "colpito" in pieno e dal Mare alla Montagna la colonnina di mercurio è crollata!

Le temperature minime registrate la scorsa notte sulla montagna veneta, sono state mediamente 8-9°C inferiori alla norma. Rispetto a ieri si e' avuta una forte diminuzione a fondovalle e piu' contenuta in quota (ieri a Belluno -1.5°C, oggi -10.3°C). I paesi piu' freddi sono stati Asiago con -20.6°C, Padola di Comelico Superiore con -19°C, Pescul con -18.4°C e S.Stefano di Cadore con -17.4°C. Fra le localita' poste a bassa quota si segnala Castana (Vi) con -16.6°C e S.Giustina (Bl) con -12.4°C. Le minime piu' basse si sono registrate nella Piana di Marcesina (-25.3°C) e a Passo Cimabanche (-22°C). Anche Caprino con i suoi -8.5° in paese non è stata a guardare ma non sono da sottovalutare i -13° misurati nella piana tra Caprino e Costermano.

Ma la cosa più "spettacolare" che il gelo ha regalato nella giornata di oggi è stato vedere la Laguna di Venezia a tratti ghiacciata. La notte scorsa infatti, la temperatura è scesa a meno cinque gradi, consentendo al ghiaccio di ricoprire un ampio tratto della laguna, Specie nella zona di San Giuliano. In città la temperatura molto rigida per il gelido vento di bora che spazza le calli. E' probabile che il fenomeno si ripeta anche nella giornata di domani in quanto le temperature in citta sono previste in ulteriore calo e potrebbero sfiorare i -10°... non c'è che dire vedere la laguna ghiacciata fa sempre un certo effetto e la foto lo dimostra!

 

Published in News Locali

ice1La settimana scorsa una grossa tempesta, prima di neve e poi di ghiaccio, ha colpito Seattle e con essa gran parte dello stato di Washington. Già di per sè i 15 cm di neve caduti in città sono stati un evento eccezionale visto che la cittadina, pur trovandosi molto visina ai confini Canadesi presenta un clima "mite" anche in inverno (le minime medie sono di 2° sopra lo zero), non è abituata a fenomeni di questo tipo... men che meno alla tempesta di ghiaccio che l'ha colpita Giovedì scorso comqunque, quello che più suona strano in tutta questa faccenda è che la tempesta (chiamata snowmagice2eddon dalla stampa locale) non era stata prevista dai meteorologi...Perchè??

Per capire la portata della tempesta, al di la della neve caduta, basta fare l'elenco "dei danni" che essa ha portato: 250000 persone rimaste al buio a causa della rotture delle linee eletriche, cadute sotto il peso del ghiaccio, migliaia di pini e abeti abbattuti, quasi 400 voli cancellati nella sola Seattle, traffico in tilt, negozzi costretti a non aprire o ad aprire in ritardo a causa delle strade bloccate e moltissimi incidenti stradali a causa del fatto che la popolazione non si aspettava nulla del genere e quindi è uscita di casa con la propria auto... E' ben vero che i danni ci sarebbero stati comunque, il servizio meteorologico non è di certo reponsabile di quello "che fa il tempo"...ma la gente si chiede (come era successo purtroppo nella tragica alluvione di Genova) come mai, nonostante i sofisticati sistemi radar presenti e i modelli previsionali sempre più evoluti, non si è previsto l'arrivo di un tale "mostro" ?

ice3In realtà, si sono giustificati gli esperti del servizio meteorologico nazionale,  predirre il tempo soprattutto in una zona molto particolare come il Nord-Ovest degli Stati Uniti, è davvero dificile (non solo nel nordo ovest degli USA secondo me...),  soprattutto quando i protagonisti sono la neve e il ghiaccio. Nonostante si possano attingere informazioni da dati sempre più ice4precisi e distribuiti sul territori grazie alle sofisticate reti di osservazione, è sufficiente un piccolo errore nei dati per far "sballare" tutto, ecco perchè spesso il lavoro del meteorologo è fatto più di esperienza e di analisi dei dati passati che di osservazioni puntuali su quello che dicono i modelli... il fatto è che purtroppo in questo caso, non vi erano dati passati da confrontare perchè, come detto all'inizio, quanto successo giovedì scorso è stato qualcosa di eccezionale....per avere un evento simile (anche si di portata inferiore) si deve andare indietro nel tempo fino al 1996...17 anni fa!.

Ovviamente qualcosa era previsto...ci mancherebbe, ma gli esperti di The Weather Channel Companies, avevano previsto che nella zona di Seattle sarebbe caduta la pioggia in ice5quanto le termiche sembravano non favorire la caduta di neve... in effetti si sono sbagliati, ma dicono, è complicato fare previsioni quando su un'area così complessa dal punto di vista orografico, come la zona di Seattle le probabilità di pioggi o di neve sono così "vicine". Purtroppo è vero che esistono i radar (installati lungo la costo lo scorso autunno) ma una tempesta di tale portata si è formata in un modo così rapido che anche questi sofisticati strumenti, l'hanno segnalata quando ormai era troppo tardi.  E dire che la neve comunque l'avevano prevista inizialmente per Martedì....mentre in realtà in zona e stata una giornata splendida ...forse quindi per non prendere un ulteriore abbaglio non hanno dato credito ad una ipotesi che i loro modelli stavano paventando...e non hanno nemmeno valutato quanto fossero intense le precipitazioni che rapidamente si stavano avvicinando dal Pacifico...ma soprattutto, c'è da dire, che i loro cari modelli non avevano previsto che lungo la costa si formassero due diverse depressioni che hanno poi geerato la tempesta di ghiaccio del secolo...diciamo che forse sono stati particolarmente sfigati...

In tutto questo cosa di evince? beh che non solo in Italia i meteorologi professionisti sbagliano ma soprattutto che gli errori in America, in Italia o in qualunque altra parte del mondo, quando si parla di meteorologia, ci stanno perchè come diceva sempre mia nonna, tempo cul e siori i fa quel che i vol lori!

Published in News dal Mondo

giornatagelo12Doveva teoricamente essere la giornata del "cambiamento di rotta" ossia del giorno in cui, dopo le ultime giornate gelide con le temperature che avevano anche sfiorato i -8° nei valori minimi ma che poi,  durante le ore più calde erano arrivate anche a 7° (con uno sbalzo di temperatura di quasi 15°), le correnti miti atlantiche avrebbero dovuto provocare un notevole aumento delle temperature (come è successo ad esmpio in Liguria,  dove già in mattinata si toccavano i 12°), ma, almeno da noi a Caprino Veronese, non è stato così, con una temperatura minima di -3.3°, una massima di -0.2° e una temperatura media di -1.8°, abbiamo finalmente avuto anche noi la nostra prima GIORNATA DI GELO!!! Il "merito" (perchè per i freddofili si tratta certamente di un merito...per i caldofili invece un incubo...) di questo è stato della nebbia che ha impedito al sole di riscaldare l'aria e di mantenere così quasi intatto il cuscino freddo che si è formato nei giorni scorsi (se osserviamo l'immagine allegata relativa alla temperatura delle ultime 24 ore, possiamo notare infatti come la temperatura si sia praticamente mantenuta "quasi" costante surante il giorno... un po' quello che succede nelle giornate piovose primaverili...). E' plausibile attendersi che domani non sarà così perchè le nebbie dovrebbero riuscire a diradarsi e poi perchè come si dice da queste parti. no l'è mia sempre sagra :-) (Trad. Veronese - Italiano : non può sempre andarci di culo! ). Quindi avremo da domani temperature in aumento e niente più giornate gelide...fino a quando? beh forse martedì potremmo iniziare a divertirci ancora cari amici freddofili...ma prima di cantare vittoria o creare false illusioni, attendiamo i prossimi run dei modelli...

 

Published in Eventi Meteorologici