Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon09162019

Last update

E' arrivato, come previsto, il freddo..quello vero soprattutto sul Nord Italia. Il Nocciolo Gelido di origine Siberiana è giunto nella serata di ieri veneziaghiacciosull'Italia andando ad alimentare l'instabilità presente in queste ore al Centro Sud che ha portato la neve a Roma (per somma gioia del freddofili della Capitale) ma soprattutto portando le temperature sulla pianura padana MOLTO al di sotto dello zero. Il Veneto ovviamente è stato "colpito" in pieno e dal Mare alla Montagna la colonnina di mercurio è crollata!

Le temperature minime registrate la scorsa notte sulla montagna veneta, sono state mediamente 8-9°C inferiori alla norma. Rispetto a ieri si e' avuta una forte diminuzione a fondovalle e piu' contenuta in quota (ieri a Belluno -1.5°C, oggi -10.3°C). I paesi piu' freddi sono stati Asiago con -20.6°C, Padola di Comelico Superiore con -19°C, Pescul con -18.4°C e S.Stefano di Cadore con -17.4°C. Fra le localita' poste a bassa quota si segnala Castana (Vi) con -16.6°C e S.Giustina (Bl) con -12.4°C. Le minime piu' basse si sono registrate nella Piana di Marcesina (-25.3°C) e a Passo Cimabanche (-22°C). Anche Caprino con i suoi -8.5° in paese non è stata a guardare ma non sono da sottovalutare i -13° misurati nella piana tra Caprino e Costermano.

Ma la cosa più "spettacolare" che il gelo ha regalato nella giornata di oggi è stato vedere la Laguna di Venezia a tratti ghiacciata. La notte scorsa infatti, la temperatura è scesa a meno cinque gradi, consentendo al ghiaccio di ricoprire un ampio tratto della laguna, Specie nella zona di San Giuliano. In città la temperatura molto rigida per il gelido vento di bora che spazza le calli. E' probabile che il fenomeno si ripeta anche nella giornata di domani in quanto le temperature in citta sono previste in ulteriore calo e potrebbero sfiorare i -10°... non c'è che dire vedere la laguna ghiacciata fa sempre un certo effetto e la foto lo dimostra!

 

Published in News Locali

Ciao a tutti

Come di consueto ecco l'aggiornamento relativo alla "possibile" ondata di freddo intenso che dovrebbe interessare soprattutto il Nord Italia (e di conseguenza anche la nostra zona) a partire dalla giornata di Venerdì. Dopo la bella sopresa "nevosa" di oggi che ha portato a quasi 10cm di accumulo a terra a Caprino adesso tocca al freddo. Già oggi le correnti si sono disposte da Est convogliando verso il Nord Italia l'aria fredda presente sui balcani, ma da venerdì si farà sul serio, perchè farà il suo ingresso sulla nostra penisola il Burian. Vediamo se anche oggi i modelli indicano "fattibile" tale crollo termico.

Quello che possiamo fare è tenere monitorata la situazione ed io cercherò di tenervi aggiornati quotidianamente con gli le emissioni dei modelli :-) ... Partiamo quindi con la carrellata dei principali run modellistici guardando le mappe relative alle temperature alla quota di 850hPa (che ricordo essere circa 1500 metri) per la giornata di Sabato prossimo (tutte le considerazioni fatte in seguito riguraderanno la Zona del Baldo Garda):

Modello GFS

geloGFS030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. Come possiamo vedere il nocciolo gelido impatta con le Alpi (già da venerdì) con il suo cuore gelido a --16°/-18°. Sul Versante Italiano le termiche sarebbero leggermente più alte ma comunque sulle nostre teste (come su tutte le prealpi) le temperature potrebbero essere di -15° con temperature al suolo prossime ai -10°/-12° come valori minimi soprattutto su Nord Est.

Modello ECMWF

geloECMWF030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord-Est ma non con il suo "cuore" gelido, ma con una propagine che comunque presenterà termiche di -12°/-16° ai 1500 metri. La temperatura minima al suolo potrebbe comunque raggiungere valori pari a -10°. L'ECMWF è il modello "meno estremo" in questo run.

Modello NOGAPS

geloNOGAPS030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido rimane sull'Europa Centrale, ma impatta sulle Alpi con una propagine che comunque presenterà termiche sul nord Italia di -16°/-18° ai 1500 metri.Temperature al suolo fino a -10/-12°

Modello CFS

geloCFS030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (6z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord. Il suo "cuore" gelido si posiziona direttamente sulll'Europa centrale, ma una sua propagine con termiche di -20° ai 1500 metri si addosserà alle Alpi. Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -15/-18°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -10°/-12°

Modello JMA

geloJMA030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord Est. Il suo "cuore" gelido rimanere sull'Europa Centrale ma una sua propagine arriverà sulla Pianura Padana con terminche ai 1500 metri di -14°/-18°.  Le temperature al suolo potrebbero essere di -10°/-12° come valori minimi.

Modello BOM

geloBOM030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15° come valori minimi.

Modello GEM

geloGEM030212

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui allungato dalla Russia ai Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°° come valori minimi. Questo Modello mostra, a differenza degli altri, un coivolgimento più marcato del Centro.

Concludendo, possiamo dire che stando a quello che "affermano" le emissioni dei modelli il gelo arriverà e colpirà parecchio anche se non in modo estremo come sta succedendo sull'Europa Centro Orientale...le minime scenderanno a valori ai quali non siamo proprio abituati...ci abitueremo anche perchè l'ondata di freddo inizierà qualche giorno prima (con temperature meno estreme) e raggiungerà il clou tra venerdì e lunedì prossimo.. attenzione anche all'effetto albedo che potrebbe nelle zone coperte dalla neve abbassare ultriormente le temperature al suolo

Published in Analisi

Ciao a tutti

Come di consueto ecco l'aggiornamento relativo alla "possibile" ondata di freddo intenso che dovrebbe interessare soprattutto il Nord Italia (e di conseguenza anche la nostra zona) a partire dalla giornata di Venerdì. Dopo la bella sopresa "nevosa" di oggi, la precipitazione nevosa dovrebbe continuare anche nella giornata di domani. Questo favorirà un breve rialzo termico tra la giornata di Mercoledì 1 Febbraio e Giovedì 2 ... da venerdì invece le cose cambieranno perchè farà il suo ingresso sulla nostra penisola il Burian. Vediamo se anche oggi i modelli indicano "fattibile" tale crollo termico che ripeto, potrebbe essere il più intenso degli ultimi 30 anni.

Quello che possiamo fare è tenere monitorata la situazione ed io cercherò di tenervi aggiornati quotidianamente con gli le emissioni dei modelli :-) ... Partiamo quindi con la carrellata dei principali run modellistici guardandole mappe relative alle temperature alla quota di 850hPa (che ricordo essere circa 1500 metri) per la giornata di Sabato prossimo:

Modello GFS

GeloGFS

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. Come possiamo vedere il nocciolo gelido impatta con le Alpi (già da venerdì) con il suo cuore gelido a -20°. Sul Versante Italiano le termiche sarebbero leggermente più alte ma comunque sulle nostre teste (come su tutte le prealpi) le temperature potrebbero essere di -15°/-18° con temperature al suolo prossime ai -10°/-12° come valori minimi.

Modello ECMWF

GeloECMWF310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord-Est ma non con il suo "cuore" gelido, ma con una propagine che comunque presenterà termiche di -12°/-16° ai 1500 metri. La temperatura minima al suolo potrebbe comunque raggiungere valori pari a -10°.

Modello NOGAPS

GeloNOGAPS310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido rimane sull'Europa Centrale, ma impatta sulle Alpi con una propagine che comunque presenterà termiche sul nord Italia di -16°/-18° ai 1500 metri.Temperature al suolo fino a -10/-12°

Modello CFS

GeloCFS310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (6z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nordi. Il suo "cuore" gelido si posiziona direttamente sulll'Europa centrale, ma una sua propagine con termiche di -20° ai 1500 metri si addosserà alle Alpi. Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -15/-18°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -10°/-15°

Modello JMA

GeloJMA310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord Est. Il suo "cuore" gelido rimanere sull'Europa Centrale ma una sua propagine arriverà sulla Pianura Padana con terminche ai 1500 metri di -14°/-16°.  Le temperature al suolo potrebbero essere di -10°/-12° come valori minimi.

Modello BOM

GeloBOM310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15° come valori minimi.

Modello GEM

GeloGEM310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui allungato dalla Russia ai Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°° come valori minimi. Questo Modello mostra, a differenza degli altri, un coivolgimento più marcato del Centro.

Concludendo, possiamo dire che stando a quello che "affermano" le emissioni dei modelli il gelo arriverà e colpirà parecchio...le minime scenderanno a valori ai quali non siamo proprio abituati...ci abitueremo anche perchè l'ondata di freddo inizierà qualche giorno prima (con temperature meno estreme) e raggiungerà il clou tra venerdì e lunedì prossimo.. vi aspetto all'aggiornamento di domani!

Published in Analisi

Ciao a tutti

Ormai è confermato, si tratta solo di capirne la direzione, ma sull'Italia è in arrivo il Burian e con esso il gelo. Attenzione non ho parlato di freddo, ma di gelo vero e proprio che dalla Siberia si sta "incuneando" nell'Europa Centrale (cosa che ha fatto nella giornata di oggi) e da li proseguirà la sua "corsa" verso il bacino del mediterraneo, investendo in pieno l'Italia (almeno il Centro Nord). E' abbastanza certo (e anche i modelli ensemble lo confermano) che l'ondata di gelo in arrivo sarà di portata storica, paragonabile a quelle del 29, del 56 e dell'85. Per sapere se sarà gelo che recherà con se anche la neve dipende molto dalla direzione con cui esso entrerà sull'Italia, sta di fatto però che indipendentemente da questo, FARA' MOLTO FREDDO!. in quota si va dai -14° prospettati dal modello GFS ai -20/-22 di ECMWF, ma trattandosi di aria molto "pesante" il gradiente termico tra il suolo e i 1500 metri (quota di riferimento dei modelli matematici) sarà minima e questo significa temperature "polari" anche in pianura.)

Quello che possiamo fare è tenere monitorata la situazione ed io cercherò di tenervi aggiornati quotidianamente con gli le emissioni dei modelli :-) ... Partiamo quindi con la carrellata dei principali run modellistici guardandole mappe relative alle temperature alla quota di 850hPa (che ricordo essere circa 1500 metri) per la giornata di Sabato prossimo:

Modello GFS

GeloGFS

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. Come possiamo vedere il nocciolo gelido impatta con le Alpi (già da venerdì) con il suo cuore gelido a -24°. Sul Versante Italiano le termiche sarebbero leggermente più alte ma comunque sulle nostre teste (come su tutte le prealpi) le temperature potrebbero essere di -18°/-20° con temperature al suolo prossime ai -10°/-15° come valori minimi. L'ingresso in questo caso sarebbe dal Rodano.

Modello ECMWF

GeloECMWF310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord-Est ma non con il suo "cuore" gelido, ma con una propagine che comunque presenterà termiche di -20°/-22° ai 1500 metri. Consideriamo che per fenomeni di inversione potremmo comunque avere al suolo le temperature potrebbero essere di -15° come valori minimi.

Modello NOGAPS

GeloNOGAPS310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido rimane sull'Europa Centrale, ma impatta sulle Alpi con una propagine che comunque presenterà termiche sul nord Italia di -16°/-18° ai 1500 metri. Consideriamo che, per il fenomeno del inversione, potremmo comunque avere al suolo le temperature potrebbero essere di -15° come valori minimi.

Modello CFS

GeloCFS310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (6z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Oves, dopo essere "svivolato" sulle Alpi. Il suo "cuore" gelido si posiziona direttamente sulll'Europa centrale, ma una sua propagine con termiche di -20° ai 1500 metri si addosserà alle Alpi. Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°/-18° come valori minimi.

Modello JMA

GeloJMA310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord Est. Il suo "cuore" gelido si splitta e mentre una dovrebbe rimanere sulla Scandinavia, l'altra si posizionerà sul Nord-Est con terminche ai 1500 metri di -20°/-22°.  Le temperature al suolo potrebbero essere di -10°/-15° come valori minimi. Il JMA è il modello "più" estremo in questa sua emissione.

Modello BOM

GeloBOM310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°/-18° come valori minimi.

Modello GEM

GeloGEM310112

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui allungato dalla Russia ai Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°/-18° come valori minimi. Questo Modello mostra, a differenza degli altri, un coivolgimento più marcato del Centro.

Concludendo, possiamo dire che stando a quello che "affermano" le emissioni dei modelli il gelo arriverà e colpirà parecchio...le minime scenderanno a valori ai quali non siamo proprio abituati...ci abitueremo anche perchè l'ondata di freddo inizierà qualche giorno prima (con temperature meno estreme) e raggiungerà il clou tra venedì e lunedì prossimo... Ieri avevo detto che non è ancora certo nulla... sta di fatto che ormai i modelli sono più e più giorni che indicano l'ingresso del Burian...a questo punto è quasi certo che ciò accada... vi aspetto all'aggiornamento di domani!

Published in Analisi

Ciao a tutti

Arriva il Freddo!??! Fino ad oggi non ne ho mai parlato direttamente (se non qualche accenno), anche se da qualche giorno ormai i principali siti meteo Italiani hanno iniziato ad ipotizzare per l'italia l'arrivo dell'ondata di gelo più "forte" degli ultimi 30/40 anni, e c'è chi si sbilancia, ed azzarda dicendo che sarà la più forte degli ultimi 50/60 anni, ma credo che poco importa se sarà da record o no, quello che importa secondo me è capire se davvero sarà così perchè in quel caso potrebbero essere "problemi" in molte zone italiane, la nostra compresa. Di cosa stiamo parlando? In gergo possiamo dire che assiteremo ad una retrogressione Est-Ovest di un nocciolo gelido staccatosi dal "papà" (l'orso russo) che presenta attualmente termiche agli 850hPa (1500 metri) di -35°, per gli appassionati di meteo possiamo dire che arriva il Burian, invece per quelli come me che ne capiscono poco possiamo dire che...farà un fredo beco!! :-)

Ovviamente quando si sta parlando di eventi di questo tipo (le retrogressioni fredde addirittura storiche) non si è mai certi fino all'ultimo se e come colpiranno una determinata zona, perchè la loro direzione dipende da moltissimi fattori che possono cambiare di giorno in giorno, ma in questo caso però, indipendentemente dal fatto che la traiettoria colpisca direttamente l'Italia o si limiti a sfiorarla, poco cambia... le temperature crollerebbero di molti (moltissimi?) gradi sotto lo zero (anche -15° in pianura)...nelle zone in questi giorni interessate dalle nevicate l'effetto albedo potrebbe far scendere le temperature a -18°.... ovviamente in montagna farebbe molto più freddo...ma li forse sono più abituati o sbaglio??

Comunque quello che possiamo fare è tenere monitorata la situazione ed io cercherò di tenervi aggiornati quotidianamente con gli le emissioni dei modelli :-) ... Partiamo quindi con la carrellata dei principali run modellistici guardandole mappe relative alle temperature alla quota di 850hPa (che ricordo essere circa 1500 metri) per la giornata di Sabato prossimo:

Modello GFS

GeloGFS

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. Come possiamo vedere il nocciolo gelido impatta con le Alpi (già da venerdì) con il suo cuore gelido a -25°. Sul Versante Italiano le termiche sarebbero leggermente più basse ma comunque sulle nostre teste (come su tutte le prealpi) le temperature potrebbero essere di -18°/-20° con temperature al suolo prossime ai -15° come valori minimi.

Modello ECMWF

geloECMWF

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista domenica 5 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est ma non con il suo "cuore" gelido, ma con una propagine che comunque presenterà termiche di -14°/-18° ai 1500 metri. Consideriamo che per fenomeni di inversione potremmo comunque avere al suolo le temperature potrebbero essere di -15° come valori minimi.

Modello NOGAPS

geloNOGAPS

La mappa è tratta dall'ultima emissione (18z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido impatta sulle Alpima non con il suo "cuore" gelido che rimane lontano sulla Scandinavia, ma con una propagine che comunque presenterà termiche sul nord Italia di -16°/-18° ai 1500 metri. Consideriamo che, per il fenomeno del inversione, potremmo comunque avere al suolo le temperature potrebbero essere di -15° come valori minimi.

Modello CFS

GeloCFS

La mappa è tratta dall'ultima emissione (6z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia dalle Alpi.il suo "cuore" gelido si splitta in due lobi ed uno dei due si posiziona direttamente sulle Alpi con termiche di -25° ai 1500 metri. Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°/-18° come valori minimi.

Modello JMA

GeloJMA

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Nord Est. Il suo "cuore" gelido rimarrebbe sulla Scandinavia ed avremo sul Nord Italia termiche tra i -10° e i -16°.  Le temperature al suolo potrebbero essere di -10° come valori minimi. Il JMA è il modello "meno" estremo in questa sua emissione.

Modello BOM

GeloBOM

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°/-18° come valori minimi.

Modello GEM

geloGem

La mappa è tratta dall'ultima emissione (12z) e mostra la situazione prevista sabato 4 Febbraio. In questo caso, il nocciolo gelido entra sull'Italia da Est.il suo "cuore" gelido rimarrebbe sui Balcani ma Sulla Pianura Padana si avrebbero comunque termiche di -18/-20°,  Le temperature al suolo potrebbero essere di -15°/-18° come valori minimi. Questo Modello mostra, a differenza degli altri, un coivolgimento più marcato del Centro.

Concludendo, possiamo dire che stando a quello che "affermano" le emissioni dei modelli il gelo arriverà e colpirù parecchio...le minime scenderanno a valori ai quali non siamo proprio abituati...ci abitueremo anche perchè l'ondata di freddo inizierà qualche giorno prima e ragigungerà il clous tra venedì e lunedì prossimo... ripeto però che NON E' ANCORA DETTO perchè le previsioni a lungo termine sono soggette a cambiamenti anche repentini...di certo però avere tutti i modelli allineati non lascia pensare anulla di molto differente.

Published in Analisi