Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed10182017

Last update

Se avvicina la notte de Santa Lusia e sicuramente ì buteleti della provincia i pensa: da fogo ... caspita ariva i regai, bisonga nar el leto presto (perche se Santa Lusìa la te cata sveio iè cassi) ma prima misogna pareciar la taola per la Santa, el Musso e el Castaldo. Ma oltre a questo, per i meteo appassionati (en sto caso non solo Veronesi) vien en mente quel che sucesse el 13 Dicembre del 2001... squillino le trombe: "El Buran de Santa Lusìa". Oddio i l'ha ciamà "Buran" solo perchè fa figo... en Realtà da noialtri el vento che arivà l'era solo Bora, El Buran infatti l'è un vento gelido che però soffia solo nelle Pianure Sarmatiche della Russia e no sulla pianura Padana (ma questa l'è solo na nota da cagacassi). Come sto Dicembre, anche quel del 2001 el cominciò gran mal per i amanti del fredo... ma allora le robe le cambiò, no come st'ano che el periodo "de merda" el narà avanti ancora per un bel poco.

Comunque, anca alora i primi giorni de Dicembre i trascorse en compagnia dell'alta pression sub tropicale..."El camelasso maledetto" e quindi con temperature fora dalla norma in montagna e nebbioni e fresco in pianura, ma soprattutto senza gnanca na faliva en montagna. Questa “ingombrante presenza” l'è ben visibile nelle prossime immagini

L'immagine chi de sora la mostra el camelasso e quela chi sotto la mostra le temperature in quota e come possiamo vedere eravamo in “balia” de una +5° ai 1500 metri…si insomma, no fredo! A differensa de adesso però anche nelle zone nebbiose se arivava a 5/6 gradi de massima.

Per ci ama la meteo e ghe piase le robe "dinamiche", quella situasion l'era dal bon "noiosa" .., en gergo i addetti ai lavori i le ciama "du cojoni", si be insomma, dai non proprio tutti tutti i addetti ai lavori i le ciama così. Ma per fortuna, le robe le taca a cambiar zà verso l'immacolata (allora non ghera ancora ILMETEO.IT a prevedere disastri de neve con 20 giorni de anticipo portando quindi sfiga e mandando en vacca tutte le speranse dei freddofili) quando,  correnti più frede le taca a rivar fin sull'Italia. Prima le cala in quota e subito dopo le rinfresca anche en pianura. Affinchè arivasse ste correnti però ghe sta n'incastro de eventi "barici" che in meteorologia i se ciama "botta de cul". Vedemoli assieme (iè comunque nella prossima immagine):

1) Orso Russo da 1050

2) Balena Azzoriana che se taca con l'Orso formando el cosiddetto Ponte de Weikoff

3) Goccia fredda isolata sulla Russia Europea schiacciata tra l'orso, la balena e el ponte

Ora, zà l'è un casin far previsioni in situassioni normali, figurate quando ghe de mezzo tutto sto casin. De certo le robe en ste condisioni le pol esser molto interessanti.

Infatti, dopo qualche giorno le robe le cambia, el Ponte el fa a farse ciavar (vedi prossima immagine) e la situasion sull'Italia che, si fasea un po' più freddo, ma ghera sempre e solo nebioni, la cambia radicalmente:

  • la goccia fredda la taca a esser rifornia de altra aria gelida diventando parte integrante de una mega massa pression che dall'Artico la "ciuccia" dentro la gossa e quindi fin sull'Europa Orientale un "freddo bisso" (altro termine tecnico...).
  • sulla Scozia envesse, se forma un potente anticiclone de blocco de ben 1040hPa... insomma da li le perturbassioni atlantiche non le passa.
  • E sulla Russia Centrale ghè sempre l’Orso…quindi ancora l’alta pressione gelida
  • Questo vol dir che la bassa pression FREDDA ghe toca star encastrà tra dò alte pressioni… e da li el gà na sola via de uscita: l’Europa Centrale e il Mediterraneo.

Ma non l'è che en queste condissioni sia diventà facile far le previsioni, ansi. Semo al 12 de dicembre e nessun meteorologo serio el se sbilanciò nel preveder cosa l'avaria fatto l'aria fredda, certo nell'aria se sente "profumo" de evento "storico" ma siccome i meteorologi seri non i se sbilancia mai nel dir robe a caso, nessuno si azzardò di menzionare l'arrivo del "Buran" ... anca se ormai mancava poche ore.

Buran o non Buran? questo l'era el problema, l'unica roba certa l'era che avaria fatto MOLTO più freddo, la diression del freddo l'era abastansa ciara, quel che non se savea, l'è se saria stà un freddo "sterile" o se avaria fatto un po' de nevischio... figuremose a parlar de neve con accumulo. Zà allora i savea che soprattutto per el Nord Italia gli ingressi freddi da Est iè per la maggior parte "innocui".

Ma ecco che arriva el 13 Dicembre, fin che i buteleti i versea i regai, i meteo appassionati i osserva subito un cambiamento: Le nebbie non le ghè più, el ciel l'è azzurro, non se vede na nuvola ma ocio...le temperature iera ancora sora lo zero!!! e qua sono sicuro che partì na serie de improperi tra i freddofili che se dovessi scriverli me toca confessarme per un mese de fila! Ma casso!! solo na roba i avea dato per certo, ossia l'arrivo del Freddo e invesse non ià endovinà nemmeno quela. Ma quel che i freddofili/nevofili non i savea mia la mattina del 13 Dicembre, l'era che nella notte, se vede per far passa meio Santa Lusìa, el ponte de Weikoff el savea formà n'altra olta (vedi prossime due immagini), per la gocca fredda (sempre più fredda) non ghera scampo, la gavea per forsa da spostarse verso sud, prima sulla Alpi e da li sull'Italia

L’immagine precedente la "gossa", mentre la prossima immagine mostra come l’aria dentro la gossa, la sia molto più fredda rispetto a l'aria giunta sull’Italia fino a quel momento.

Bon, tutto sto casin "Russo" el taca a far cambiar le robe anca sull'Italia a partire dalle 13.30. Innanzitutto se alza el vento sulla provincia de Verona, si tratta di un Est “pieno” (BORA... no BURAN...ma come dito all'inissio fa figo ciamarlo BURAN) e no un “Nord-Est” e questo è un bene perchè vol dir che qualcosa sta entrando e non dovaria mia esser foehn in caduta dalla Lessinia. Ma le nuvole? Le nuvole dove ele?!?!??  Oddio a esser proprio pignoli, se podaria ciamar nuvole, quei 4 cirri spaisi che se vedea vardando verso est, ma l'era (per un nevofilo) tacarse a tutto sperando che non fusse solo freddo sterile. Tutto cambiò en 45 minuti…quei che ha trasformà una “Ciavada” nel “Buran di Santa Lucia” (ovviamente la ciavada la saria staà per el Nevofilo... ma visto quel che è successo la ciavada la arivà per i caldofili)

Infatti attorno alle 14.10-14.20 el cielo el se ennuvolò del tutto, la temperatura crollò. A Verona se passò dai 7° delle 13 ai 3° alle 14. E verso le 14.30 ecco che l'ariva. Primi fiocchi, prima sparsi e poi via via sempre più copiosi e fitti.

Sul Friuli e el Veneto orientale, l'era zà un'ora che fiocava. Bufere de vento e neve ierà segnalè da Trieste fin a Vicensa. La neve l'era arivà dappertutto, vuto che i freddofili veronesi ei le ciapesse en quel posto ancha staolta? Vuto che la proverbiale sfiga de Verona (perchè verona e la neve le va mia d'accordo) la gavesse reson anca stolta? Avaressemo visto solo quel 4 falive che savea visto finora?

NO Casso!  En un'altra ora la situasione la cambia radicalmente…sul Veronese arriva la bufera… VENTO (toccate punte in campo aperto di 80 Km/h) e NEVE e tutti i nevofili (anca quei che en mezzo ala bufera i ghera con la macchina, come mi) a urlar "LA TACA!!". Oh, la tacava dappertutto, fin sulle pareti verticali delle case, s-chissà dal vento e engiassà all'istante dalla temperatura che nel frattempo l'era finia sotto lo zero.  

El Vento e soffia sempre de più e attorno alle 17, alcune stazioni della zona di Verona le fa segnar i 98Km/h che con una temperatura esterna di -5°... vento a 100Km orari e -5° significa che la tempratura percepita in pianura l'era degna della siberia...grosso modo LA PERCEPITA RIPETO l'era de 20° sotto zero. Insomma na bufera, che durò comunque poco. Attorno alle 19 tutto se calmò…el vento el tacò a calar… i fiocchi i mu sempre più sparsi… e alle 20 en cielo tornò le stelle

Tirando le somme, alla fine, a Verona il Buran de Santa Lusìa non l'è che el portò a tutta sta neve. En media 3cm (ovviamente dove la neve fu portata dal vento se arrivò anca a 30cm) insomma è fiocà anca molto de più en città e soprattutto en provincia, ma probabilmente questa che v'ho appena contà la rimarrà (almeno fino alla prossima) la tempesta de neve più ricordata dai Veronesi… e non solo :)

Ciaoooooooooooo

 

Published in Editoriali

PERCHE' ALA MATTINA PRESTO EN PIANURA GHE' SBORO E SUL BALDO GHE ZA' CALDO?

L'è capità più de na olta nelle ultime settimane che dandove el buongiorno ho scritto "Brumade en pianura e temperature più calde en montagna per effetto dell'inversione termica" ... Questo el par strano perchè i n'à ensegnà che quando se va en montagna bisognaria cuertarse perchè ghè più fredo e spesso quando en inverno piove a Verona sul Baldo arriva la neve quindi se ala mattina me sveio e en pianura ghè zero gradi me emmagino che sul Baldo (o en Lessinia l'è stesso) ghe sia un fredo becco... envese arriva el selvadego de Meteo Caprino a dirve che se volì nar sul Telegrafo ve convien partir legerini...

En condizioni normali è vero quel che tutti i pensa ossia che man man che ne alsemo de quota le temperature le cala... e generalmente le temperature le cala de 6/7 gradi ogni 1000 metri...quindi en pratica se a Verona ghè 10 gradi a Bosco ghe ne saria 3/4. La temperatura la cala con l'altezza perchè... l'aria a contatto con el terreno, ghe grassie al sol l'è caldo, la tende a scaldarse. Scaldandose la tende a salire (lo savemo tutti che l'aria calda la tende a star en alto) .... man man che l'aria la va sempre più in alto diminusce la pressione atmosferica che le schissa... quindi sa succede, che l'aria la taca a "espanderse" ... e espandendose, la cede calor ... e di conseguenza ela la se rinfresca ... La prima immagine mostra questa situazione "normale" ....notare l'artista che è in me...

Ma ormai avemo capio che con el tempo ghe sempre qualcosa da imparar e quindi esistena anche el caso in cui l'aria man man che se va in alto invese de calar de temperatura, succede el contrario ossia che la se scalda (rispetto al terreno). Questo fenomeno el se ciama appunto INVERSIONE TERMICA.

Questo accade soprattutto in inverno per tre motivi:
1) El sol l'è basso all'orizzonte e quindi el fa fadiga a scaldar el terreno perchè i raggi i ariva de sbiego
2) I Giorni iè più curti quindi el sol el scalda meno...la notte l'è più longa e el terreno el se scalda meno
3) Pol capitar che a terra ghe sia la neve e che quindi per el cosiddeto effetto albedo el terreno el sia fredo engiassa

inversione

Tutti i motivi appena descritti i fa si che l'aria al contatto con el terreno la sia MOLTO più fredda del normale e che quindi la sia più fredda de quella ch

e ghè nei primi metri sora le nostre teste...

se poi ghe metemo che anche la montagne de notte la se raffredda e l'aria fredda al contatto con i pendii essendo più densa e pensante la se scrioltola verso valle "scansando" l'aria più calda che ghè a quote più basse... che quindi la sale de quota scaldando l'aria en montagna... ensomma l'è un bel casotto ma sta de fatto che succede quel che v'ho appena scritto.

Le cause dell'inversion termica iè che l'atmosfera l'è talmente stabile (l'è instabile quando l'aria fredda l'è in quota ...) che non ghè movimento de aria...e questo fa si che se possa formar dei bei nebbioni ma soprattutto che envesse de respirar aria sana, se finissa col respirar "merda" ... lo smog infatti ristagna nell'aria per la gioia dei nostri polmoni... La seconda immagine mostra cosa accade con l'inversione termica!

Condividete se vi va!! Emoticon smile
Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Published in Didattica Meteo

Non è che perchè ho messo en giro la App adesso me desmentego de dir 4 cassade su come sarà el prossimo periodo sulla nostra provincia  ... come sempre e23ottobre2015ccoci quindi alla analisi semi-seria in cui tutto lo Zoo el tira fora el meio..

Partiamo dalla situazione attuale... al nord semo in una situazione in cui "uinni de pu" (el finto orso che porta el fresco ma no el freddo), soffiando con el so "alito" da est ci sta portanto giornate "soleggiate" e "frizzanti" ma senza fenomeni. Questa è la classica situazione che se si presentasse in inverno quando, invese de quel svampinto de "uinni de pu" , arriva el vero orso, quel con i contro coioni, noialtri saressimo drio batter i denti guardando il cielo più azzurro che più azzurro non ce n'è e el centro sud el saria sotto le buffere de neve invece purtroppo di essere continuamente bersagliato da piogge torrenziali devastanti... invesse semo a fine ottobre e le giornade le scorre tranquille senza grossi "sbalsi" (per noi...per il sud è diverso)...

Ora però "uinni de pu" l'è drio nar a far cagnara verso la Grecia o meglio ... el perdarà via via forsa senza però abbandonare completamente le regioni meridionali. El fatto che el perda forsa però el fa si che a Nord l'alitino dell'orsetto, (bello fresco come se l'avesse magna na scofana de Air Fresh Vigorsol, quel che ala mattina el ne sveia per ben e el ne enrisola i cavei sulla copa) el vaga a farse ciavar e taaaaacccc ecco che quela mezza sega del camel (che ormai l'è diventà de pessa e non brusa più come en agosto) l'alsa el muso e el ghe prova a scaldarne (noialtri al nord) ... però prima che i freddofili i taca a tirarse le randelè sulla testa mettiamo in chiaro le cose ... siamo ad ottobre, le giornate son sempre più corte, el camel l'è de pessa (a 1500 metri arriva una isoterma +10° ... in luglio ai tempi del ‪#‎caldodemerda‬ arrivò la +23° ... ghè na bela differenza) quindi non potrà fare CALDO BESTIA...potrà fare PIU' CALDO per il periodo che significa PROBABILMENTE (e non certamente) temperature massime comprese tra i 22 e i 24° ... sempre che... l'umidità che ci porta il cammello non si trasformi in pianura in nebbia e allora saranno solo ler zone a nord di verona a ciapar l'alito tiepido del camel.

Quanto duralo? beh li a sinistra vicino vicino al camellino ghè un bel musetto...che el sia lu a darghe na randelà al caldo... macchè quel musso lì l'è drio farghe el filo ala balena (che oramai demo per dispersa...e ciucca de mojito) , le renne iè a nord... iè tutte riunite...che le sia drio far un rave party?!! i ne sà qualcosa quei dela Groenlandia dove en sto periodo non savea mai visto così tanta neve... Quindi in balia del cammello? No perchè ancora più a sinistra... se vede un musso che, devo dir la verità, el gà del coraio... se le cose le va come se vedo oggi sto musetto americano el podaria rivar verso el 28 anca en italia portando ancora temperature stavolta in media col perido e piogge atlantiche.

Questa ultima ipotesi l'è tutta da vedere quindi stay tuned... per ora godiamico queste giornate stabile e più calde (al pomeriggio).. nebbia permettendo.

Published in Analisi

(Solita analisi SEMI-SERIA sull'andamento dei prossimi giorni)

Nell'ultima analisi avevamo analizzato il tentativo dell'altapressione africana di portare qualche giorno di estate anche per la nostra provincia. Questa incursione "africana" è in parte riuscita, infatti a partire da Sabato, abbiamo goduto (soprattutto le zone di pianura) di cielo per lo più soleggiato, temperature che hanno "sfiorato" i 30° e le insidie piovose, pur non mancando, sono state davvero minime (qualche spaciugada e per lo più di notte)... e sarà così anche oggi e probabilmente domani...

Ocio però perchè, se vi ricordate, l'alta pressione era chiusa tra due fuochi ... ad Ovest "balota giala" che ha fatto da "sveglia" al dormiente (l'ha dormio tuta istà sto troglodita...per somma gioia dei freddofili però :-) ) anticiclone africano... ad Est "balota verde" che, posizionato sulle Repubbliche Baltiche, impediva all'anticiclone Africano di spingersi un po' più ad est coinvolgendo completamente l'Italia, ma nello stesso tempo aveva potere assoluto di decidere quanto, questa "piccola estate settembrina" sarebbe durata.

moletta

Bene ragassi e ragasse, "balotta verde" si trasforma ne "il moleta" e decide che l'estate settembrina è durata anche troppo e l'è ora de darghe na "limada de recie" all'altapressione africana. "limada de recie" è il termine tecnico per dire "cala le temperature e torna l'instabilità".... ma vediamo un attimo cosa potrebbe accadere analizzando l'immagine del modello matematico GFS relativa alla giornata di Giovedì...

1) Oggi e domani l'altapresisone africana proverà a tenere botta riuscendoci sicuramente oggi... un po' meno domani. Quindi lo stiamo vedendo...sole e caldo (per il periodo ovviamente) e poche insidie pomeridiane di rovesdi sparsi.... nel frattempo però "el moletta" el taca l'ape con tutto l'armamentario e dal Baltico (dove se vede che da limar ghe poco) si dirige verso sud-ovest...cassego se avesse scelto il Mar Nero probabilmente l'estate settembrina sarebbe durata di più... ma nar sul Mar Nero adesso che ghè anche un po' de guerra in zona non era il caso...

2) "el moletta" tra domani sera/notte e mercoledì arriva a ridosso delle Alpi con i seguenti strumenti:
     - nocciolo Gelido in quota (-22° ai 5000 metri proprio ai confini    austriaci/svizzeri) ... da noi un po' più tiepido (-16/-18) ma cmq sempre più fresca di adesso
    - Molta instabilità per l'aria... dopo 4 giorni de tempo discreto arriva na man de aria freda per forza l'atmosfera la taca a boier come en stagnar de polenta...

 

Conseguenze PROBABILI

1) L'estate settembrina la ciapa na man de pache e toglie il disturbo a partire da marcoledì
2) Le temperature caleranno anche in presenza del sole. Ecco diciamo massime attorno ai 25° con sole pieno... ovviamente con cielo nuvoloso meno. Avevamo ipotizzato la settimana scorsa come culmine del "caldo" a metà settimana...probabilmente dovremmo anticiparlo a domani...
3) Na man de temporali arriverà sicuramente per parte del Nord... dirvi se prenderanno anche il Veronese è difficile ora ma la probabilità è piuttosto alta da Mercoledì

Durata? Beh le gocce fredde (perchè facendo un'attimo i seri anche questo peggioramento sarà portato da una goccia Fredda) sono dure a morire, un po' come Bruce Willis nel Film Die Hard, quindi metemosela via che per 4/5 giorni l'estate settembrina andrà in ferie (dove? tra Francia e Gran Bretagna)... tornerà? impossibile dirlo ma guardando i modelli oggi la risposta è no... ma vista la distanza temporale questo "no" l'è proprio na cassada.

Published in Analisi

E' da qualche giorno che, dapprima su alcuni social network (Facebook in primis, Twitter a ruota) e poi su alcune importanti agenzia di stampa italiane, si sente parlare di questo "mini-ciclone" (c'è chi ha anche scomodato il termine TLC ossia Tropical Like Cyclone o addiruittura uragano di catgoria 1...) in arrivo sull'Italia Venerdì prossimo. La voglia di capire se effettivamente si sta avvicinando una cosa del genere è venuta anche a me e quindi sono andato a guardarmi un po' le carte per Venerdì e a riguardare un po' di letteratura...

Sinceramente non ho ne le competenze ne tanto meno "l'autorità" per dire che tipo di "evento meteo" si stia prefigurando per Venerdì. Io se guardo le carte generate dal Modello Americano GFS nella sua emissione della mezzanotte di ieri, vedo un minimo di bassa pressione che nella giornata di Venerdì si andrà approfondendo sul Tirreno poco ad Ovest della Sardegna e che nel corso della giornata di Venerdì tenderà a spostarsi verso Est Interessando poi gran parte del centro nord Italia. Stando alle proiezioni modellistiche, il minimo dovrebbe avere un valore pressorio di 990/995 mbar distribuito su tutte le quote come possiamo come possiamo vedere nella prossima immagine:

miniciclone

Per quanto riguarda invece le temperature possiamo dire sempre stando alla proiezione del GFS, mentre gli 850hPa la temperatura del "cuore" sembra essere in linea con el temperature "al contorno", se ci spostiamo ai 500hPa le cose cambiano mostrando un minimo di cuore caldo rispetto "all'aria" adiacente... si parla di 6/8° di differenza, anzi forse qualcosa in meno.

miniciclone1

Veniamo ora ai venti previsti,ad esempio a 10mt di altezza, in effetti la loro "disposizione" fa intuire il movimento ciclonico del sistema depressionario, l'intensità prevista però è piuttosto scarsina...al massimo (ma ricordo sempre che questa è un proiezione modellistica) si vedono dei venti a 55-60 Km/h che forse possono sembrare un po' pochi per un TLC...ma ripeto posso anche sbagliarmi.

miniciclone2

Come ultima cosa darei uno sguardo alle precipitazioni che in prossimità del "nocciolo" sembrano risultare abbondanti ma non "monsoniche" infatti sommando le precipitazioni previste nelle aree di "passaggio" del "robo tirrenico" arriviamo a 100/150 mm... un accumulo di tutto rispetto ma lontano dai valori che possono determinarsi nel caso dei veri TLC... ma ovviamente questo non è un parametro che determina se una depressione è un TLC oppure no.

miniciclone3

Comunque, queste mappe mostrano la possibile situazione in cui l'Italia potrebbe venire a trovarsi nei prossimi giorni ma essendo proiezion sono solo "indicative" della situazione e non descrivono "la situaione reale che potremmo avere".

Di certo alcune delle caratteristiche sembrano propendere verso una struttura di tipo "tropicale" altre invece fanno pensare ad un profondo vortice depressionario e basta. Ovviamente sono assolutamente convinto che parlare di "mini-ciclone" sia più "figo" rispetto a dire che si sta avvicinando un intenso vortice depressionario... Poi in quei casi sta all'interpretazione della gente, ma io credo che "spararle grosse" per far leggere il proprio articolo sia controproducente... pensate che negli USA sono allo studio nuovi allerta Tornado perchè ormai la gente si era "assuefatta" ai vecchi e non ci prestava molto caso :-)... non vorrei che se d'ora in avanti tutto quello che arriva dall'Atlantico i Media iniziano a chiamarlo miniciclone poi la gente pensa "cavolo è solo tanta pioggia" e poi se mai un giorno dovesse arrivarne uno vero non prestasse molta attenzione ai vari allerte meteo.

Come è scritto in precedenza io non mi esprimo ne in una verso ne nell'altro anzi, per par-condicio riporto quando scritto da Mario Giuliacci (sostenitore della tesi che non sarà un miniciclone) e da Antonio Sanò (probabilmente colui che ha clonato in questi giorni il termine minicliclone).

Giuliacci dalle pagine del suo sito relativamente alla domanda Venerdì ci sarà un miniciclone? afferma: " Ma certamente no!  Miniciclone -  che non è un termine tecnico ma una  pura divagazione letteraria - è ciò che io  oggi in due articoli in home page, ho denominato  correttamente  “vortice di bassa pressione”  o “goccia fredda”, prima ancora che oggi questo “miniciclone” uscisse nei notiziari dei giornali, inventato  non so da chi.Ma evidentemente   i massmedia  sanno che il termine  “miniciclone “ impaurisce e cattura l’attenzione più del termine “vortice” di bassa  pressione” e quindi la notizia fa più audience. Che poi venerdì le piogge siano probabilmente forti su molte regioni non è perchè è arrivata una struttura inusuale per l'Italia - il minicilcone appunto - ma solo perchè "il miniciclone" sarà più intenso del solito"

Antonio Sanò del ilMeteo.it invece, in un'intervista rilasciata all'ANSA è sicuro : "Poi, una nuova ondata di maltempo ancora piu' violenta da venerdi' a domenica, quando l'Italia sara' investita da un mini-ciclone mediterraneo."

Insomma ai posteri l'ardua sentenza sarà o non sarà un "miniciclone dalle caratteristiche tropicali?"...come si dice in questi casi lo scopriremo solo vivendo :-)

 

 

Published in Editoriali

Di quanto è accaduto il giorno di Pasqua nella nostra zona (pioggia, neve e grandine... oltre ad un repentino calo delle temperature) ho tdariascritto abbondantemente ieri... vediamo quindi cosa è successo sul resto d'Italia. Neve a bassa quota nel gionro di Pasquatta,  in Umbria, con leggere spolverate in alcune zone collinari, in particolare nel Folignate. Neve anche a Castelluccio di Norcia e sul monte Subasio. In tutta l'Umbria, le temperature medie sono oscillate tra i 5 e i 7 gradi. Pasqua sotto la neve anche in molte zone di montagna tra Emilia Romagna e Toscana. E una bufera di neve perfino sull'Etna in Sicilia, dove due autobus sono rimasti bloccati sul monte per la bufera di neve e vento che si è abbattuta sul vulcano attivo più alto d'Europa. Uno è rimasto bloccato sulla provinciale di Nicolosi, ed è stato raggiunto nella mattinata di ieri dai soccorritori, l'altro che si trovava sopra Zafferana Etnea  stato raggiunto qualche ora dopo. I soccorsi sono stati portati avanti dal personale del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico e del corpo forestale e militari della Guardia di finanza.

Una disavventura simile a quella occorsa agli occupanti dei pulman siciliani è accaduta ad decina di persone a bordo di due auto che sono rimaste bloccate sul monte Subasio, alle spalle di Assisi, interessato da un improvvisa nevicata. I soccorsi in questo caso sono stati portati avanti daivigili del fuoco del comando provinciale di Perugia. Sul Subasio il manto ha raggiunto uno spessore di circa un metro.
La giornata di Pasqua in Abruzzo ha visto il ritorno della neve, che è stata segnalata nell'entroterra aquilano, e ha registrato variazioni meteorologiche consistenti soprattutto a Pescara: escursione termica di 14 gradi i sole due ore con la temperatura passata da 23 a gradi centigradi dalla mattina ai 9 del pomeriggio. La neve ha interessato l'autostrada A24 senza però creare disagi alla circolazione. Nella giornata di ierii i Napoletani si sono addirittura svegliati con la cime dal Vesuvio imbiancata da un'insolita nevicata fuori stagione.

Al Nord invece si sono resi necessari diversi  interventi da parte dei vigili del fuoco lungo la statale 304 del passo del Foscagno per soccorrere gli automobilisti diretti a Livigno (Sondrio) e sorpresi da una bufera di neve. In pochi minuti sull'asfalto sono caduti alcuni centimetri di neve ghiacciata ed i veicoli sprovvisti di gomme invernali hanno incontrato non poche difficoltà, anche per la concomitante ed improvvisa caduta di alcuni rami spezzati.

Ma forse l'evento più "spettacolare" è quello che si è verificato in Lombardia, con una tromba d'aria che ha seriamente danneggiato alcune strutture, ma non ha fortunatamente provocato feriti. I maggiori danni si sono avuti a Gallignano di Soncino (Cremona), in un'area adiacente all'ex statale 498, e hanno interessato le coperture e le vetrate di un'officina che si occupa di macchine agricole e industriali, e un'area di servizio. Sul posto sono giunti i carabinieri, i vigili del fuoco, i volontari della protezione civile e personale tecnico comunale. Il. Danni minori si sono verificati ai tetti delle abitazioni e alle stalle circostanti ma senza la necessità di effettuare sgomberi.

Insomma maltempo da nord a sud per questo week end di Pasqua dal sapore invernale.

Published in News dall'Italia

Premetto che sto parlando da Freddofilo e quindi se analizziamo la giornata di oggi è abbastanza chiaro il motivo del titolo, pasqua2012 3soprattutto tenendo conto che vivo al Nord-Est e che quindì è noto a tutti di come è stato, dal punto di vista meteorologico, l'Inverno appena trascorso. Il Nord-Est ha vissuto solo in parte (quella fredda) l'inverno da record che ha toccato molte regioni centro meridionali dell'Italia e sta vivendo una fase siccitosa che ormai dura da agosto scorso.

Lo abbiamo visto tutti, è dall'inizio del mese di Aprile che "apparentemente" le cose sono cambiate. Nella nostra zona vi sono state più fasi perturbate in questi ultimi 5 giorni, che nei primi tre mesi del 2012 (tre mesi abbastanza insulsi se escludiamo la fase fredda di inizio febbraio e le due nevicate di quel periodo). Da qualche giorno però tutti i meteoappassionati del "partito" dei freddofili stavano osservando i modelli alla ricerca di alcune conferme legate all'arrivo (ad Est purtroppo...) di una profonda saccatura di orgine Artica che, puntando diritta verso i balcani con il suo carico di aria fredda di origine artico marina, avrebbe sfiorato anche l'Italia. pasqua2012Le conferme ci sono state e nella giornata di oggi si sono anche "realizzate".

Ricordo che a Caprino la temperatura minima più bassa registrata nel mese di marzo è stata di 4.1° e anzi, Marzo 2012, a Caprino ma un po' su gran parte dell'Europa Centro Occidentale, è stato il più caldo degli ultimi 30 anni..bene allora la temperatura minima registrata pochi minuti fa è "sorprendente" visto il periodo e vista la suddetta premessa : 2.9°. Ma dire che la Pasqua del 2012 è meglio di Natale solo per quello è forse troppo, allora ci aggiungiamo la debole spruzzata di neve che si è vista nel primo pomeriggio sul monte Baldo a quote fino a ieri non previste...infatti ad una prima stima la neve è scesa fino ai 1600 metri nonostante la termica del limite della neve fosse in quel momento ad una quota superiore.

Il motivo per cui la neve (anche se davvero pochissima) sia scesa ad una quota più bassa del previsto è facilmente spiegabile. Nel momento in cui sul Baldo ha cominiciato a Nevischiare a quella quota, giungeva da ovest una grossa cella temporalesca carica di pioggia e non solo. Tale cella ha portato per circa 30/40 minuti forti precipitazioni ed anche delle deboli grandinate su alcune zone del Comune di Caprino Veronese. L'intensità delle precipitazioni ha "aiutato" l'aria più fredda presente a quote elevate, di portarsi rapidamente a quote più basse grazie al fenomeno del downdraft. In questo caso infatti una colonna d'aria molto fredda è scesa verso il suolo portando con se precipitazioni intense e generando raffiche di vento moderate nel corso dei fenomeni precipitativi più intensi.

pasqua2012 1Ora però la quota neve è davvero molto bassa infatti ai 1500 metri sono attesi per domani -5° il che significa che la quota neve è al di sotto dei mille metri...peccato che domani, pasquetta, non siano previsti fenomeni altrimenti avremmo visto un Baldo innevato fino a quote medio basse....beh per il freddofilo però la Pasquetta di domani sarò ricca di soddisfazioni infatti anche in pianura è previsto un risveglio "FRESCO"... diciamo che 2° di minima si toccheranno in quasi tutte le zone raggiunte dall'arria fredda in seno alla saccatura Artica che abbiamo descritto in apertura..e le massime a fatica supereranno i 10°... insomma dopo una Pasqua che assomigliava più a Natale, la pasquetta per qualcuno potrebbe sembrare uno dei giorni della merla :-)

Il resto della settimana vedrà un rialzo termico (che però non porterà a temperature elevate...anzi si potrebbero avere valori al di sotto delle medie del periodo) ma si avrà un notevole peggioramento delle condizioni meteo, per mercoledì infatti sono previste forti piogge nelle nostre zone con la neve che imbiancherà il Baldo dai 1200 metri in su. Se andiamo a vedere poi il lungo termine, quello che si profila è un Aprile da connotati quasi autunnali, con frequenti precipitazioni e temperature minime attorno ai 5/6° e le massime che difficilmente arriveranno ai 18°... ovviamente, lo ripeto sempre, quando si parla "del lungo termine" siamo sempre nell'ambito della Fantameteorologia, sta di fatto però che le forze in gioco sullo scacchiere Europeo sono cambiate...ora è l'Atlantico ad avere le carte migliori da giocare... vedremo

 

Published in Eventi Meteorologici

Il freddo uccide anche i pesci. Il forte abbassamento della temperatura registrato nell'alto Adriatico ha infatti provocato una pescimortieccezionale moria di canocchie, seppie, scorfani, ghiozzi, mormore e sogliole. A denunciare il fenomeno sono stati i pescatori della marineria di Chioggia che, secondo i ricercatori della sede ISPRA della località veneta, sarebbe dovuto oltre che al freddo, anche alla siccità che ha contribuito, indirettamente, ad abbassare la temperatura dell'acqua marina.

I valori particolarmente bassi che si sono avuti nel Nord Italia in quel periodo, insieme alle condizioni meteo marine, hanno quindi probabilmente determinato il fatto che le reti abbiano raccolto quantitativi rilevanti di esemplari morti, pescati principalmente fino a 5 miglia dalla costa, tra Caleri e Goro, anche se morie sono state osservate in altre aree dell'Alto Adriatico, ad esempio nel Golfo di Trieste e lungo i litorali di Cesenatico e Fano. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Scienze Marine di Venezia, l'Osservatorio dell'Alto Adriatico dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione Ambientale (ARPA) del Friuli Venezia Giulia e l'ARPA-Daphne di Cesenatico, hanno infatti rilevato, a metà febbraio, temperature in mare tra 3 e 5 °C su tutta la colonna d'acqua. Sono valori eccezionalmente bassi, legati a condizioni meteorologiche particolari: secondo l'OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale) di Trieste, al fenomeno hanno contribuito le raffiche di bora fino a 170 Km/h che si sono registrate nel mese scorso, come anche la scarsa portata dei fiumi Nord adriatici, dovuta a un lungo periodo di siccità, causa a sua volta di una salinità elevata che ha portato l'acqua ad essere estremamente densa e fredda. Sono tali acque che hanno probabilmente causato morie degli organismi di fondo, in particolare delle specie ittiche più sensibili alle variazioni termiche repentine. Il fenomeno è stato relativamente limitato nel tempo e al momento è di fatto rientrato, anche per il mutamento delle condizioni meteomarine. Fenomeni simili sono stati documentati anche in passato: in Alto Adriatico, ampie morie di diverse specie (cappesante, canestrelli, sardine, acciughe, mazzancolle) dovute a temperature basse sono state osservate anche nel gennaio e febbraio 2002, periodo in cui, come oggi, si sono raggiunte temperature in mare di circa 4°C''. Per ritrovare un fenomeno di entità pari a quello del 2012 bisogna però andare ulteriormente indietro nel tempo, fino al biennio 1928-1929, durante il quale un freddo eccezionale colpì la regione Adriatica. In particolare, nell'inverno del 1929 furono osservate estese morie di seppie, sia nel bacino adriatico settentrionale che in quello centrale. Un fenomeno probabilmente legato al ciclo riproduttivo della seppia, che migra presso le aree costiere a fine inverno per riprodursi. Eventi di freddo estremo, che nelle aree costiere sono più intensi, possono quindi cogliere di sorpresa le seppie causandone la morte per lo shock termico in un momento di estrema vulnerabilità (la riproduzione, appunto).

Fonte: www.adnkronos.it

Published in News dall'Italia

Il mese di febbraio 2012 sarà ricordato per il gelo diffuso su tutta l''Italia e le abbondanti nevicate che hanno colpito soprattutto il centro sud ma, grazie agli semaforofreddoultimi giorni piuttosto miti (se lo ricordate si sono toccati anche i 27° in alcune zone del nord Italia), si colloca "solo" al 33-esimo posto tra i mesi di febbraio più rigidi dal 1800 ad oggi. L'anomalia rispetto alla media di riferimento degli ultimi 30 anni è stata di -2.6°C e questo fa si che fosse dal 1965 che non si verificava un febbraio così freddo. Sono questi i dati che emergono dal raporto del  Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bologna.

Se dovessimo stilare una classifica, l'inverno più freddo degli ultimi 200 anni è quello del 1803 con un'anomalia di ben -6.4°, mentre al terzo posto, con un'anomalia di -6.0°, si piazza un inverno abbastanza vicino a noi ossia quello del 1956. Per quanto riguarda le precipitazioni, il mese appena trascorso ha registrato un +21% a livello nazionale rispetto alla media 1971-2000, ma con un'Italia spaccata in due: -62% al nord (il 41-esimo febbraio più secco dal 1800) e +85% nell'Italia peninsulare (il 13-esimo più piovoso).

Con il mese di febbraio si chiude dal punto di vista meteorologico anche l'inverno piuttosto strano e molto eterogeneo, un dicembre molto mite, gennaio nella media nonostante molte giornate con oltre 15° anche al Nord Italia e il febbraio piuttosto rigido hanno determinato un inverno che si è chiuso con un'anomalia negativa di -0.54°C rispetto al periodo di riferimento, il 78-esimo più caldo dal 1800. Dal punto di vista delle precipitazioni, i pesanti deficit dei mesi di dicembre e gennaio non sono stati compensati dalle abbondanti precipitazioni (prevalentemente nevose) del mese di febbraio, che fanno chiudere la stagione invernale al 37-esimo posto tra le più secche con un -23% rispetto alla media e punte che superano il -50% in alcune aree del nord.

Fonte: TMNews

Published in Eventi Meteorologici

Delle temperature minime da record che si sono toccate nelle ultime settimane sia in Pianura Padana ma anche in alcune zone del Centro Italia, abbiamo 4941parlato molto. La causa lo sappiamo è la duratura incursione Siberiana che ha, più e più volte, colpito le nostre regioni portando oltre al freddo intenso anche le nevicate record tra l'Emilia Romagna e il Molise, passando per Le Marche, l'Umbria, l'Abruzzo il Lazio e la Campania (queste ultime ovviamente nelle sole zone Appenniniche). Ma il Freddo intenso si è fatto sentire anche per quanto riguarda le temperature superficiali del nostro mare mediterraneo. Ricordiamo come durante la fase 33centrale dell'ondata di gelo fossero giunte notizie della laguna di Venezia Giacciata e qualche giorno dopo la stessa sorte fosse toccata alla Laguna di Grado in Friuli. Le immagini del porto di Trieste con le "sculture" di ghiaccio formetesi a causa dell'acqua del mare sbattuta dalla Bora sulle banchine, sono state pubblicate ovunque, a dimostrazione di quanto fosse "eccezionale" il freddo. a conferma di ciò vi mostro la mappa del calore presente sulle acque superficiali del Mediterraneo pubblicata dal'INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) dove è evidente come il mediterraneo in questi giorni abbia una temperatura mediamente inferiore di 0.5° rispetto alle medie stagionali e di come soprattutto l'Adriatico settentrionale sia quello con il deficit maggiore, con oltre 4° di differenza rispetto al normale. In questi giorni la temperatura superficiale è di 4° ma nei giorni scorsi si sono toccati i 2° in alcuni tratti costieri... Insomma un freddo non indifferente per il nostro mediterraneo... forse è ancora presto per fare il bagno, che dite?!?! :-)

Published in News dall'Italia

Page 1 of 3