Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon10212019

Last update

La Giunta regionale del Veneto ha individuato le aree e i siti “non idonei” all’installazione di impianti fotovoltaici a terra. Un fovolprovvedimento grandemente atteso da “cittadini e aziende", ha sottolineato l’assessore regionale ai lavori pubblici e all’energia, Massimo Giorgetti, e che “sarà ora sottoposto alla valutazione della Commissione consiliare competente, in considerazione del fatto che lo strumento normativo ultimo con il quale dovranno essere definite le aree e i siti non idonei all’installazione degli impianti è il Piano Energetico Regionale, la cui approvazione è di competenza del Consiglio regionale”.

“Il nostro obiettivo – ha spiegato Giorgetti – è rendere il più agevole, snello e veloce possibile l’iter di autorizzazione alla costruzione e all’esercizio degli impianti da fonti rinnovabili, offrendo agli operatori un quadro certo e chiaro di riferimento”. Non idonee, pertanto, a questo tipo di installazioni, “in base poi anche alle diverse tipologie di impianti e alle loro dimensioni, - ha proseguito l’assessore veneto - sono quelle aree particolarmente vulnerabili alle trasformazioni, aree di pregio ambientale e storico-artistico, da tutelare per la loro peculiarità in tema di tradizioni agroalimentari locali, biodiversità e paesaggio rurale”. Più nel dettaglio, i siti considerati incompatibili al fotovoltaico a terra sono: “i siti dell’Unesco; le zone umide di importanza internazionale designate ai sensi della Convenzione di Ramsar; la Rete Natura 2000; i territori inseriti nell’elenco delle aree naturali protette; le aree agricole interessate da produzioni agroalimentari di qualità (produzioni biologiche, Dop, Igp, Doc, Docg, produzioni tradizionali); le aree ad elevata utilizzazione agricola, individuate dal Ptrc”.

Secondo le disposizioni della Giunta veneta gli impianti di potenza fino a 6 kW sono esclusi da questi vincoli in quanto rientrano nella categoria dell’autoconsumo. Inoltre, si prevede l’istituzione di uno specifico Registro regionale delle superfici interessate alla realizzazione di impianti solari fotovoltaici con moduli collocati a terra.

Fonte : http://www.zeroemission.tv

Published in News Locali