Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon10212019

Last update

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.8 si è verificata ad una profondità di 10.1Km alle 20:18 Italiane, del 24 Marzo 2012 nel distretto sismico di Frignano con Epicentro tra le provincie di Reggio Emilia e Lucca. 

vvterIl Terremoto è stato localizzato con i dati di 16 stazioni della Rete Sismica Nazionale dell'INGV E l'epicentro è stato individuato a 5Km a Ovest di Collagna (RE). Ovviamente non vi sono danni. Ecco il Bollettino emesso dall'INGV:

"Un terremoto di magnitudo(Ml) 2.8 è avvenuto alle ore 20:18:04 italiane del giorno 24/Mar/2012 (19:18:04 24/Mar/2012 - UTC).
Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico: Frignano.
I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.
.
"

I comuni entro i 10 Km dall'epicentro sono stati :

BUSANA (RE)
COLLAGNA (RE)
LIGONCHIO (RE)
SILLANO (LU)

I comuni del veronese entro i 20 Km dall'Epicentro sono :


MONCHIO DELLE CORTI (PR)
PALANZANO (PR)
CASTELNOVO NE' MONTI (RE)
RAMISETO (RE)
VETTO (RE)
VILLA MINOZZO (RE)
CASOLA IN LUNIGIANA (MS)
COMANO (MS)
FIVIZZANO (MS)
CAMPORGIANO (LU)
CAREGGINE (LU)
GIUNCUGNANO (LU)
MINUCCIANO (LU)
PIAZZA AL SERCHIO (LU)
SAN ROMANO IN GARFAGNANA (LU)
VAGLI SOTTO (LU)
VILLA COLLEMANDINA (LU)

 

 Dati dell'Evento

 

Event-ID 2222102770
Magnitudo(Ml) 2.8
Data-Ora 24/03/2012 alle 20:18:04 (italiane)
24/03/2012 alle 19:18:04 (UTC)
Coordinate 44.309°N, 10.282°E
Profondità 10.1 km
Distretto sismico Frignano


 

Published in Terremoti e Vulcani

Si sta parlando da ieri di Lucina (il ciclone siberiano che sta puntando l'Italia) e del conseguente Blizzard che esso dovrebbe provocare nella prossima notte con neve (non in quantità esagerata) da prima sul Nord-Est e poi sul resto del Nord e l'Emilia. Ovviamente tutti i discorsi che sono stati fatti fino a questa mattina scaturivano dalle analisi che si potevano fare sulla base delle proiezioni modellistiche della situazione "atmosferica" (posizione dei fronti, delle basse pressioni, delle altepressioni, etc.) che si sarebbe potuta avere enon sull'osservazione reale della situaione. Il nostro amico Stefano Riccio ha però osservato alcuni elementi che stando alle carte sinottiche emesse alle 06z (oraio UTC, quindi le 7.00 da noi) differiscono rispetto a quanto prospettato dai modelli:

  • Innanzitutto il fronte occluso (Il ciclone Lucina) si trova leggermente più a Nord-Est rispetto a quanto avevano prospettato i Modelli
  • L'alta pressione di "blocco" che congiunge l'altapressione delle Azzorre, con l'alta pressione siberiana presente sulla Scandinavia, è leggermente più a Nord
  • Inoltre sono presenti alcune figure "bariche" che stando ai modelli non dovrebbero esserci come un minimo presente tra la Corsica e il Mar Ligure.

Questo, cosa potrebbe voler dire? Innanzitutto che il Ciclone potrebbe giungere sull'Italia con un leggero ritardo rispetto al previsto, visto che appunto è leggermente più lontano da quanto prospettavano i modelli, in secondo luogo la posizione più a nord dell'Alta di blocco, potrebbe far si che la direzione del nucleo gelido sia spostata più a Nord e quindi non sarebbe un ingresso diretto dal golfo di Trieste sfavorendo in parte il Blizzard perchè di mezzo ci sarebbero le Alpi...A secondo della direzione ovviamente poi dipenderà la posizione in cui andrà a formarsi il Minimo "principale" sul Tirreno...e di conseguenza le "speranze" di neve per il nord-est a seguito della "risalita" del mal tempo.

Insomma la situazione odierna è "incasinata" le possibilità di vedere il blizzard e la neve anche da noi sono alte, ma la certezza zi avrà nelle prossime ore. Le immagini seguenti mostrano quanto prospettato dal Modello e la situazione reale data dalla carta sinottica.

modelloAL0906

Published in Analisi

Buongiorno a tutti

Questa mattina il Nord si è risvegliato con temperature leggermente più basse rispetto a ieri con minime che in alcune zone hanno raggiunto Italia090212ancora una volta i -10°/-12°. Questo abbassamento è stato favorito sia dall'assenza di nubi ma anche da un apporto considerevole dell'effetto albedo attivato dalla presenza a terra su molte zone della neve. Infatti, come possiamo osservare dall'immagine satellitare riferita alle 8.00 di questa mattina, gran parte del Nord Italia e tutte le regioni adriatiche sono coperte dal manto bianco caduto nei giorni scorsi. Al Nord oltre al freddo sono comparsi alcuni banchi di nebbia che si dissolveranno velocemente nel corso della mattinata, per il resto i cieli saranno al più velati ma senza precipitazioni. Il tempo è migliorato anche sulle regioni centrali lasciando a regioni come Marche, Abruzzo, Emilia e Lazio un po' di tregua, mentre sulle estreme regioni meridionali permangono condizioni di instabilità con possibili altre nevicate anche in pianura. Su Sicilia e Sardegna tempo discreto, ma sulla Sardegna non sono escluse nevicate in serata sul Nord dell'Isola, Per le regioni Tirreniche non sono previste precipitazioni se non sulla toscana a partire dalla serata. Le cose comunque sono destinate a peggiorare già dalla tarda serata di oggi per l'ingresso da Est di un nucleo gelido (Lucina) che porterà stando alle proiezioni modellistiche un blizzad nevoso al Nord che si esaurirà nella notte ma che farà comunque crollare ancora una vlta le temperature. Attualmente la traiettoria della goccia fredda è ancora "incerta" quindi non è ancora possibile determinare con precisione ne quando entrerà in Italia ne tanto meno dove saranno maggiori gli apporti nevosi.

Published in News dall'Italia

Buongiorno a tutti

Oggi il maltempo concederà una tregua almeno alle regioni centro settentrionali dove, oltre a far capolino il sole, si avrà un graduale rialzo termico...che non italia080212vuol dire che arriva la primavera, ma semplicemente che le temperature torneranno a valori vicini alle medie del periodo senza arrivare ai -20° toccati nei giorni scorsi in alcune aree pianeggiati del Piemonte. Il "merito" di questo rialzo termico è da cercare nel fatto che l'aria siberiana, responsabile di questo crollo delle temperature, si sta lentamente "mischiando" con l'aria più mite presente nel mediterraneo, oltre al fatto che comunque la copertura nuvolosa del cielo (ieri presente un po' su tutta l'Italia) ha sfavorito il rilascio del calore "nello spazio". Su Emilia Romagna, Toscana, Marche e Lazio il mal tempo sta lentamente lasciando spazio al sole con residui fenomeni soprattutto a ridosso degli appennini tra le MArche e l'Abruzzo. Sul resto d'Italia invece permarranno anche per la giornata odierna spiccate condizioni del maltempo: sulle due isole maggiori cadrà la pioggia al piano, in Sardegna la neve farà la sua comparsa a quote leggermente inferiori rispetto alla Sicilia in cui, la quota neve si attesta attorno ai 900/1000 metri. Sul resto del sud invece, ancora influenzate dalla depressione presente sul Mar Egeo, si avranno nevicate anche intense fino a quote collinari ed in alcune zone anche al piano. Lentamente la situaione dovrebbe migliorare anche qui a partire dalla serata ma come dicevo, sarà un miglioramento effimero in quanto è già pronto un altro nocciolo freddo che arriverà nella serata di domani a portare ancora una volta il maltempo.

Published in News dall'Italia

Buongiorno a tutti

Prosegue anche per oggi questa spiccata fase invernale per il bacino del mediterraneo sud orientale e di consenguenza per gran parte della nostra penisola. La Italia070212profonda depressione originatasi nella giornata di ieri sul Mar Ionio, sta contribuendo a rendere il tempo instabile e molto perturbato soprattutto sulle estreme regioni meridionali e le regioni Adriatiche fino al Veneto.

Ma vediamo nel dettaglio cosa ci si deve attendere dalla giornata di oggi. Sul Nord-Ovest e sulle regioni tirreniche il tempo per oggi dovrebbe mantenersi privo di precipitazioni anche se i cieli potranno risultare a tratti coperti. Solo dalla serata alcune deboli nevicate potranno estendersi fin sulla Lombardia e il Basso Piemonte. Ho parlato di Nevicate in quanto le temperature al Nord-Ovest sono state, e lo sono tutt'ora, degne delle steppe russe, con valori fino a -20° nelle vallate ma in pianura le temperature minime sono state mediamente attorno ai -15°. Neve a quote basse potrebbe interessare anche la Sardegna o comunque a quote attorno ai 100/200 metri. Sulla Sicilia e la Calabria la neve potrebbe cadere a quote più elevate a causa sel richiamo di correnti più calde da sud (non si esclude che in Sicilia si possano raggiungere anche valori superiori ai 10/15° nel corso della giornata). Sulla Puglia, la Basilicata e tutte le regioni Adriatiche invece la neve cadrà, a tratti copiosa, fin sulle coste per le correnti orientali innescate dal vortice depressionario sullo Ionio. Anche in Emilia nevicherà ma in modo "sparso" e più deciso lungo le coste della Romagna. Per il Nord-Est invece le precipitazioni saranno nevose e più intense sul basso veneto, anche se deboli fioccate potranno verificarsi fin sulle prealpi. Più "riparato" il Trentino Alto Adige. Domani il tempo migliorerà rapidamente in attesa di un nuovo marcato peggioramento da giovedì sera che, dopo un momentaneo rialzo termico, riporterà le temperature a valori decisamente bassi  e la neve potrebbe finalmente colpire in modo deciso anche il Veneto.

Published in News dall'Italia

Buongiorno a tutti

E' arrivato puntuale come un orologio svizzero il freddo pungente di cui si parlava ormai da giorni e questo in alcune regioni porterà DSCF0199anche la neve, vediamo perchè. Il mal tempo dei giorni scorsi non era strettamente legato al nocciolo gelido che dalla Russia si stava avvicinando all'Italia, ma era dovuto ad un nucleo freddo che entrato dalla Francia ha generato una deprssione sul Mar Ligure e da li tutta la neve che abbiamo visto. Ora invece che tale depressione è ormai posizionata sulla Grecia, sarà direttamente il nocciolo Siberiano a deteminare il maltempo su gran parte dell'Italia in quanto darà "energia" alla precedente instabilità, e questo porterà forte maltempo soprattutto al Centro Sud dell'Italia.

Sono segnalate in queste ore nevicate anche abbondanti nel Lazio, in Campania, in Abruzzo, nella Marche e in Molise e col passare delle ore il maltempo si estenderà su tutto il sud. La neve cadrà a quote collinari sulle regioni tirreniche (a causa delle correnti di libeccio innescate dal maltempo) per poi scendere al piano col passare delle ore (Roma imbiancata in serata?) metre sulle adriatiche la neve potrebbe cadere quasi al piano già in mattinata. Sul resto dell'Italia (al Nord in pratica) saranno ampie le schiarite anche se potrebbe nevicare ancora debolmente in Emilia Romagna ma solo a ridosso della dorsale appenninica. Quello che fa "impressione" al Nord sono le temperature che si sono toccate nella notte in certe zone della Pianura Padana: fino a -14° nell'Astigiano ma i valori minimi sono stati quasi ovunque attorno ai -10°. A Caprino paese siamo arrivati nelle prime ore del giorno a -8.5° ma in aperta campagna ci sono state segnalazioni di temperature pari a -13°. Domani le temperature nella nostra zona caleranno ulteriormente e dalla serata potremmo vedere ancora qualche debole precipitazione nevosa...questa cosa rimane comunque da confermare!

 

Published in News dall'Italia

Buongiorno a tutti

Continua a nevicare su gran parte del Nord Italia soprattutto al Nord-Ovest e sull'Emilia Romagna dove ormai gli accumuli, anche in Italia020212pianura, hanno superato in alcune zone gli 80cm. Nevica debolmente anche a Caprino Veronese e su parte del Veneto meridionale dove la neve (molto farinosa) tende ad attecchire parecchio. L'Italia comunque oggi è divisa in due non tanto per il fatto che al Nord c'è maltempo e al Centro sud no...anzi, ma si tratta di questione legate alle correnti in gioco. Infatti, mentre al Nord e sul centro fino alle Marche stanno fluendo (e lo faranno maggiormente da domani) correnti orientali molto fredde che hanno portato le temperature minime della notte a scendere parecchio sotto lo zero, dall'Abruzzo fino alle estreme regioni meridionali fluiscono invece correnti più miti di origine atlantica. Queste correnti stanno portando maltempo in quelle regioni, ma la neve (almeno per ora) è relegata a quote più elevate. Perchè almeno per ora? Perchè, come ho indicato nell'immagine ripresa dal satellite, è previsto un ingresso freddo da nord che punta diritto sul centro sud Italia ed è in questo ingresso che è legata la possibilità di vedere la neve a Roma nel prossimo week end. Oggi la situazione tenderà gradualmente a migliorare sul Nord-Est e sul Nord-Ovest ma rimarrà critica in Emilia e sulle regioni Adriatiche che potrebbero fare "il pieno" di neve. Le temperature tenderanno a scendere prima al Nord e poi sulle altre regioni.

Published in News dall'Italia

Dopo la "spruzzata" di ieri sera, anche oggi Caprino è stato toccato dalla neve ma questa volta in maniera più decisa. Infatti dalle 16 ha iniziato a nevicare radarin maniera moderata grazie all'arrivo di aria più umida da sud-est. Attualmente l'entità della nevicata si è ridotta ma dalle immagini del Radar Meteorologico del Arpa Veneto potrebbe riprende a minuti con maggiore intensità. Ieri nelle previsioni avevo azzardato un "almeno 5 cm di accumulo" vediamo se ci prendo oppure no! :-) Certo che non ha nulla a che vedere con le intense nevicate che da ieri stanno "ricoprendo" molte zone dell'Italia. Attualmente la regione più colpita risulta essere l'Emilia Romagna con Bologna che supera ormai i 40 cm di accumulo, Modena e Parma i 30cm... ma sono soprattutto le zone collinari ad essere "sommerse" dai 500 metri infatti il manto nevoso supera in alcune frazioni anche gli 80 centimetri di neve fresca e non sono previsti sostanziali miglioramenti per le prossime ore. Per Bologna questa nevicata potrebbe diventare quella da record... noi per ora accontentiamoci di quello che abbiamo visto perchè fino a due giorni fa nessuno dava come probabili  precipitazioni nevose in Veneto!

Intanto godetevi il video dell'evento!!

Published in News Locali

Buongiorno a tutti

Ieri e nella notte ha nevicato su gran parte del Centro nord con neve copiosa in Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna. Le nevicate ci sono state anche in modenaoggimolte altre zone come ad esempio in Lombardia, Toscana e Marche, ma anche in Veneto (ieri limitatamente ad alcune zone Occidentali...Caprino ad esempio). In queste ore la neve continua a scendere su gran parte del Centro Nord: Firenze, Arezzo, Pisa, tutta l'Emilia la Lombardia e a sorpresa anche in Piemonte. Sono segnalati fioccchi e precipiatazioni comunque anche attorno a Roma e a quote collinari al Sud. L'area depresisonaria sta in queste ore traslando verso Sud est e questo innescherà una risposta da parte dell'aria gelida di origine Siberiana situata sui Balcani e l'Europa dell'est...infatti quest'aria sara risucchiata verso le nostre regioni settentrionali facendo "crollare" le temperature come sta accadendo in queste ore sull'Europa Centrale con gravissimi problemi.

La giornata proseguirà più o meni come è iniziata, con il Nord e il Centro preda delle suddette correnti fredde (Bora, Grecale o Tramontana) mentre sulle regioni tirreniche e sulle due isole maggiori soffieranno correnti più miti (Maestrale in Sardegna e Libeccio al Sud e sulla Sicilia). Tali correnti contrapposte faranno si che al Nord e su parte del Centro, la neve si mantenga a quote pianeggianti, mentre al Sud scenderà solo in quota. E' tuttora confermata la possibilità che anche in Veneto la neve torni a scendere per tutta la giornata di oggi con accumuli più consistenti lungo le coste. Da domani poi inizierà il crollo termico che si accentuerà nel weekend.

Published in News dall'Italia

Come video-2012-01-31-13-41-51-0.00.58.35previsto da ieri, è iniziato a nevicare su gran parte dell'Emilia Romagna già dalla prima mattinata. La precipitazione, inizialmente molto debole, è cresciuta d'intensità ed in questi minuti la neve comincia ad imbiancare il terreno. Attualmente non vi sono problemi alla circolazione stradale in quanto sono già all'opera i mezzi spargisale. Le precipitazioni dovrebbero aumentare d'intensità nelle prossime ore e continuare  anche per la giornata di domani.



Ecco il video della nevicata (modesta) in corso a Modena

Published in News dall'Italia

Page 2 of 3