Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed01172018

Last update

Venerdì una violenta grandinata si è abbattuta su Bracca (BG)

Erano le 18 di Venerdì 25 Maggio, quando una vera e propria tempesta di grandine si è abbattuta su Bracca un comune della provincia di braccaBergamo situato in Val Brembana. Al termine della violenta grandinata sul terreno si potevano misurare circa 10 centimetri di ghiaccio.

I Vigili del fuoco, chiamati sul posto dagli abitanti del suddetto comune, hanno dovuto attendere l'arrivo di uno spazzaneve prima di riuscire ad accedere al paese. Oltre alla grandine, il temporale è stato accompagnato da un fortissimo vento che ha provocato notevoli danni ai raccolti ma anche al centro sportivo del paese e ad alcune abitazioni alle quali il forte vento ha divelto le grondaie e danneggiato i tetti. Nel corso della notte sono rimaste a terra piante e ramaglie, mentre numerosi tombini si sono sollevati perchè non hanno retto alla pressione dell'acqua e alcune condotte sono scoppiate riversando acqua e terriccio sulla sede stradale e nei giardini delle abitazioni. A causa del maltempo è stata rinviata la festa delle associazioni locali: la tensostruttura allestita al campo sportivo è stata completamente forata dai grossi chicchi di grandine.

Il sindaco Giovanni Marco Muttoni ha fatto intervenire i tecnici comunali, che hanno lavorato fino a tarda notte: soltanto nella matinata di sabato sono stati ripristinati i tombini, sollevati per la pressione dell'acqua, e rimossi gli alberi abbattuti sulle strade, e solo attorno a mezzogiorno è stata anche ripristinata la viabilità.

«Ho 47 anni, vivo a Bracca da una vita e non ricordo una tempestata di intensità come quella di venerdì. I vigili del fuoco, per accedere in paese, hanno dovuto aspettare uno spazzaneve, impossibile muoversi». Ha affermato il sindaco Giovanni Marco Muttoni

«La tempesta oltre che scendere copiosa e violenta era formata da grossi chicchi di ghiaccio - spiega il sindaco Muttoni -, le auto che si trovavano in strada sono state rovinate pesantemente. Gli operai del Comune sono stati chiamati per emergenze sino a notte fonda, stamattina invece sono stati liberati e ripristinati tombini ed alberi dalle strade comunali».