Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon09162019

Last update

Report dell'IPCC sui Cambiamenti Climatici

Nel corso dell'ultimo mezzo secolo, il riscaldamento globale ha portato a cambiamenti climatici estremi che hanno portato con sè, ondate IPCCdi calore, moltissimi record legati alle temperature elevate registrate in certe zone e soprattutto fortissime precipitazioni. Questa è la conclusione che si può trarre dal nuovo rapporto del IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change). L'organizzazione, fondata dalle Nazioni Unite nel 1988, attraverso queto nuovo report avverte che le nazioni di tutto il mondo devono adottare misure stringenti per provare almeno a mitigare gli effetti di questi continui "disastri".

Il Rapporto prende in considerazione tutti gli eventi estremi occorsi nel 2011. Dai 1600 tornado che lo scorso hanno hanno "spazzolato" gli Stati Uniti, alla piovosità eccezionale che ha visto la Thailandia avere l'80% in più di pioggia rispetto alle medie stagionali. Tutti ricordano ancora perfettamente la capitale thailandese sommersa più di una volta dall'acqua... e questa tendenza non è limitata al 2011 infatti nel 2010 la Russia ha vissuta l'esta più calda degli ultimi 500 anni.

"E 'molto chiaro che le ondate di calore sono in aumento sia in termini di numero e durata", ha affermato Rajendra Pachauri, presidente dell'IPCC. "Un altro dato importante è il fatto che gli eventi estremi legati alle precipitazioni sono in aumento, ma la cosa che più preoccupa è che tando al nostro rapporto, tali eventi estremi sono destinati ad aumentare di numero nei prossimi anni. Per fare un esempio, attualmente la media temporale con cui si verificano le ondate di calore estreme per una data regione è di circa una ogni 20 anni, bene, entro la fine del secolo questa madia potrebbe scendere a un'ondata di calore ogni 2 anni".

Mentre NON ESISTONO PROVE che collegano il riscaldamento globale a specifici eventi meteorologici locali (se arriva una trompa d'aria a Caprino Veronese non è detto che sia colpa del GW), Secondo Pachauri, è possibile che le temperature più alte a causa dell'operato dell'uomo, innescheranno condizioni di siccità più intense, piogge più pensanti e temporali sempre più forti, ma non su scala locale ma soprattutto su scala globale.

"Fondamentalmente dobbiamo stabilizzare la concentrazione dei gas a effetto serra, che includono l'anidride carbonica come gas più dominante nell'atmosfera, in modo tale che, siamo in grado di stabilizzare il clima di questo pianeta e quindi ridurre al minimo o ritardare o evitare alcuni dei peggiori impatti che potremmo avere anche in un immediato futuro ", ha detto Pachauri.

I Disastri ambientali, dovuti ad eventi meto estremi sono costosi. mediamente ogni anno, vengono spesi a livello globale 80 miliardi di dollari per riparare i danni. Mentre lo studio IPCC rende chiaro che nessun paese è immune da questi eventi, Pachauri sottolinea che le nazioni più povere pagheranno un prezzo più alto - in dollari e decessi - perché non sono in grado di affrontarle. Egli aggiunge, che le opzioni sono chiare:

"Abbiamo bisogno di adattarci agli impatti dei cambiamenti climatici, in particolare, agli eventi estremi ed ai disastri legati ai cambiamenti climatici e, dovremmo ridurre gli impatti che la nostra quotidianeità ha, o sembra avere, sul clima, se non vogliamo che questo diventi sempre più estremo"

Le  594 pagine del rapporto dell'IPCC sono opera di 220 autori provenienti da 62 paesi. E cita migliaia di studi scientifici. Si sa abbastanza, dicono gli editori, per prendere le decisioni giuste su come gestire i rischi e le catastrofi legate al clima.

Questo ovviamente è un'altro report a "favore" del Global Warming che sembra la teoria più accreditata. Io rimango dell'Idea che nessuno potrà mai sapere se è davvero così o se il riscaldamento in atto è solo una questione "ciclica" che la nostra terra sta mettendo in atto. Io ritengo che siamo talmente "piccoli" rispetto alla Natura che se essa dicide che da domani farà più freddo, sarà così e basta, altro che gas serra o altro