Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tue09222020

Last update

Monday, 12 March 2012 14:55

Un week-end di passione per la Sicilia: ecco i fatti salienti Featured

Rate this item
(0 votes)

Athos, il ciclone mediterraneo formatosi nella serata di Venerdì tra la SIcilia e il Nord Africa è la causa di un fine settimana durissimo cisternaper la Sicilia: pioggie torrenziali e venti fortissimi (raffiche fino a 140Km/h) che hanno messo a soqquadro la regione, in particolare le coste orientali e le zone di Agrigento e Ragusa, e bloccato i collegamenti con le isole minori. Pioggia torrenziale sulle coste joniche, dove, nell'arco di 14 ore sono caduti 200mm di pioggia in provincia di siracusa, oltre 110mm ad Augusta, più di 80mm anche in provincia di Catania e di Ragusa. nel Catanese oltre alla pioggia le protagoniste indiscusse sono state alcune trombe d'aria che hanno ribaltato serre e scoperchiato casolari nelle campagne e sdradicato alberi e chioschi nel centro  del capoluogo Etneo. Il vento ha inoltre divelto cartelloni stradali catapultandoli sulle auto in varie zone della Sicilia orientale, mentre a Messina sono numerole le abitazioni che a causa del vento hanno subito gravi danni ai tetti e agli infissi.

Ovviamente però sono state le zone costiere a dover fare i conti con le condizioni più proibitive a causa del vento: mareggiate fortissime hanno portato detriti e acqua fino al livello delle strade, travolgendo barche. Ad Agrigento una voce incontrollata su una presunta tromba d'aria in arrivo ha generato il panico, costringendo la Protezione civile locale a smentire, e a parlare di mitomani e cattiva informazione. Probabilmente la situazione più grave è stata quella della nave cisterna "Gelso M." che era diretta al porto di Augusta, quando i 19 uomini a bordo hanno dovuto lanciare l'allarme per l'impossibilità di governare la nave, lunga 150 metri. Nonostante le manovre adottate, le raffiche di vento a 40 nodi hanno portato la nave a incagliarsi sugli scogli di Punta Santa Panagia, e costretto all'abbandono della nave l'equipaggioPer il recupero della nave è stato incaricato un team della "Smit Salvage" di Rotterdam, ma per la messa a punto del piano bisognerà attendere che la situazione meteo migliori.


Read 1889 times