Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Wed10182017

Last update

Bollettino di attenzione meteorologica della protezione civile per il 16 Gennaio 2013

Situazione Prevista

Bollettino di attenzione meteorologia emesso oggi 15 Gennaio dalla Protezione Civile, relativo alla giornata di Mercoledì 16 Gennaio 2013

Precipitazioni:

  • da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sui settori tirrenici di Campania, Basilicata e Calabria centro-settentrionale, con quantitativi cumulati generalmente moderati;
  • da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto della Campania e della Calabria e su Lazio orientale, settori occidentali di Abruzzo e Molise, Sicilia settentrionale ed occidentale, Sardegna occidentale e Toscana settentrionale, con quantitativi cumulati da deboli a moderati;
  • sparse sui restanti settori di Toscana, Lazio e Sicilia, sull’ Umbria e sui settori occidentali e settentrionali delle Marche, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati;
  • da isolate a sparse sul resto del Centro-Sud, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate:

  • A quote di pianura su Lombardia ed Emilia Romagna centro-occidentale, inizialmente al di sopra dei 200-400 m in calo fino a quote di pianura su Emilia Romagna orientale e Triveneto, con apporti al suolo da deboli a moderati;
  • al di sopra dei 200-400 m sui settori settentrionali della Toscana e sulla Liguria di Levante, con apporti al suolo da deboli a moderati, specie a ridosso del comparto appenninico;
  • al di sopra dei 500-700 m sul resto del Centro peninsulare, in calo fino ai 300-400 m in serata, con apporti al suolo da deboli a moderati, fino ad elevati sul comparto abruzzese e laziale, specie alle quote superiori;
  • al di sopra degli 800-1000 m sul meridione, in calo fino ai 500-700 m sulle regioni peninsulari, con apporti al suolo da deboli a moderati, fino ad elevati sui settori tirrenici, specie alle quote superiori;
  • al di sopra dei 300-500 m sulla Sardegna, in rialzo al di sopra dei 1000 m, con apporti al suolo da deboli a moderati.


Visibilità: ridotta nelle precipitazioni più intense.


Temperature: senza variazioni significative.


Venti: di burrasca nord-occidentali, con raffiche di burrasca forte, sulle isole maggiori, tendenti a ruotare da ovest/sud-ovest; forti dai quadranti occidentali sulle regioni meridionali della penisola, con raffiche di burrasca o burrasca forte sui settori tirrenici e ionici, sulla Puglia meridionale e sui rilievi appenninici; momentaneamente forti nord-occidentali sui settori tirrenici di Lazio e Toscana, con raffiche di burrasca lungo costa e sui relativi arcipelaghi; localmente forti settentrionali sulla Liguria e sull’alto versante adriatico.


Mari: da agitati a molto agitati il Mare ed il Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia, il Tirreno meridionale e lo Ionio; agitato il Tirreno centrale, specie al largo; molto mossi i restanti bacini occidentali e l’Adriatico centro-meridionale, quest’ultimo fino ad agitato nel Canale d’Otranto.