Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon09162019

Last update

Saturday, 25 August 2012 12:07

Siccità e Incendi: Piccolo rogo "infiamma" la Valdadige Veronese Featured

Rate this item
(0 votes)

Gli incendi purtroppo sono stati il filo conduttore che in queste ultime settimane ha "legato" tra loro tutte le regioni Italiane. Roghi, a volte devastanti, si sono infatti scatenati dalla Sicilia alla Liguria, dalla Sardegna al Veneto, e come spesso accade in questi eventi la colpa è dei piromani che non avendo nulla di meglio da fare decidono di appiccare incendi, senza pensare alle conseguenze che questo spregevole gesto può avere sulla natura e sull'uomo.

Sta di fatto che ieri è toccato anche alla Valdadige Veronese. Erano da poco passate le 17.30 quando un fumo acre si è levato in cielo a poche centinaia di metri dall'abitato di Peri, un piccolo paese del Veronese situato a pochi chilometri dalla provincia Autonoma di Trento. A dare l'allarme sono stati alcuni agricoltori che in quel momento si trovano in campagna impegnati nell'opera di irrigazione delle coltivazioni (soprattutto vigneti) che a causa della grave siccità che interessa la zona e le alte temperature delle ultime settimane hanno continua necessità di acqua soprattutto in vista dell'imminente vendemmia.

Sul posto sono accorsi immediatamente i Vigili del Fuoco che coadiuvati dalle Guardie Forestali e dai Volontari del corpo anti incendio del Comune di Dolcè (a cui Peri appartiene) si sono messi immediatamente all'opera per domare l'incendio che in pochi minuti aveva interessato un paio d'ettari di bosco. Fortunatamente grazie al pozzo utilizzato dai numerosi contadini e alle vasche di recupero dell'acqua piovana, i mezzi antincendio hanno potuto contare su un apporto (prezioso) d'acqua che ha consentito loro di domare in poco più di 4 ore l'incendio.

Fortunatamente i danni sono limitati e per lo più a "farne le spese" è stato il bosco in cui il rogo si è scatenato. L'origine? ovviamente non è possibile stabilirlo ma vista la zona in cui l'incendio è partito è molto probabile che "un buontempone" come lo hanno definito in paese (ovviamente volevano dire altro... :-) ) abbia appiccato il fuoco. Infatti l'incendio è partito ad un centinaio di metri dalla strada provinciale che collega Peri a Fosse (in Lessinia),  e questo esclude l'eventuale mozzicone di sigaretta gettato incautamente dal finestrino di un'auto, e lontano da sentieri "battuti"... quindi è molto probabile che qualcuno si sia recato sul posto solo con l'intento di fare una "cazzata"...

tutto è bene quel che finisce bene...ma ora la pioggia serve ancor di più, perché le vasche sono vuote e le colture vanno annaffiate... speriamo in domani!

 

 

Read 3203 times