Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon10212019

Last update

Friday, 10 August 2012 13:30

Veneto: Non ci sono i soldi per pagare i danni della Siccità Featured

Rate this item
(0 votes)

Non ci sono soldi, al momento, per rimborsare agli agricotori i danni della siccita'. Lo ha precisato il governatore del Veneto, Luca Zaia, terreseccherispondendo ai giornalisti, a margine della presentazione a Villorba di un libro di Roberto Ros su una 'tipica famiglia veneta', quella dei Zaia, presenti per altro dalla Croazia alla Sicilia, un migliaio addirittura in Sud America ed un gruppo perfino in Siria.

''Non stiamo discutendo di nessun rimborso - ha puntualizzato Zaia con i cronisti -, stiamo parlando di uno stato di crisi per il settore. Non ci sono soldi ma facciamo tutte le procedure che sono previste dalla legge.

L'agricoltore e' un imprenditore. Va rispettato perche' lavora sotto il sole, la pioggia e soffre le avversita' atmosferiche pero' e' altrettanto vero che ci sono tre categorie: chi ha l'acqua vicino a casa e l'utilizza per versarla sulle proprie colture, chi ha l'acqua vicino a casa e la guarda e non irriga e chi non ha l'acqua vicino a casa e muore sotto la siccita'. Quindi non tutti possono avere uguale trattamento''.

Come questa notizia oggi (ma anche nelle settimane scorse) ne abbiamo lette motissime. Il problema è grave da Nord a Sud. Probabilmente le zone più colpite sono il Nord - Est e la Toscana... ma anche il Nord Ovest vede alcuni comuni costretti a razionare l'acqua... il centro sud "brucia" letteralmente a causa delle elevate temperature e la mancanza di pioggia da troppo tempo ormai...

Per il Nord non sono certo i veloci temporali che colpiscono soprattutto le zone alpine e prealpine a risolvere la situazione. Serve una vera perturbazione, un vero break estivo che riporti la pioggia che serve all'agricoltura... e non solo.

Fonte: ASCA

Read 2857 times