Questo sito utilizza/non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mon12102018

Last update

Tuesday, 03 July 2012 21:40

SSTA - Il Tripolo Atlantico Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Molti di noi conoscono, magari non nel dettaglio, ma sicuramente per sentito dire, il Nino e sua "sorella" la Nina. Quest'ultima poi ci ha fatto compagnia nell'inverno appena trascorso e in quello precedente, ma, stando alle proiezioni attuali, il prossimo inverno (anzi potrebbe già essere iniziata) sarà caratterizzato molto probabilmente da una fase di Nino. Brevemente, con Nino si intende un cospicuo riscaldamento della superfice dell'Oceano Pacifico nei pressi delle Coste del Sud America mentre con la Nina si intende un Raffreddamento delle acque superficiali del Pacifico nella stessa zona (Maggiori informazioni le trovate qui).

sst anom

Se osserviamo la precedente immagine, possiamo notare come in effetti lungo le coste sud americane si possa vedere un'anomalia positiva della superfice del Pacifico in prossimità delle coste Peruviane, segno che in effetti si sta configurando quanto detto sopra. Ma non è del Nino o della Nina che voglio discutere in questo articolo, ma di un'altra anomalia sempre delle SST (Sea Surface Temperature) che in questo caso è molto più vicina a noi, ossia il cosiddetto Tripolo Atlantico.... una specia di "batteria" a tre poli... situata tra le coste dell'Europa e le Coste Americane.

tripolo1

In pratica si prende il braccio di Oceano Atlantico che separa l'Europa dagli Stati Uniti, la si divide in tre fasce (Vedi immagine precedente) ed ecco a voi servito il "tri"... per decidere il "polo" basta vedere l'anomalia del SST presente all'interno della fascia. Ovviamente non è necessario che le fasce siano perfettamente in direzione OVEST-EST ma possono essere anche inclinate ad esempio in direzione SO-NE. Ma dicevamo... le anomalie del SST... ovviamente si possono avere anomalie positive, o anomalie negative o anomalie neutre. Le configurazioni interessanti per capire se in Europa potrebbe fare un "caldo bisso col sol che spaca le piere"  (trad. Veronese-Italiano : Molto caldo e soleggiato) o un "fredo beco con temporai e aqua a buso" (Trad. Veronese-Italiano: temperatura normale e tempo perturbato) sono due:

  • Tripolo Negativo = Fascia 1 con Anomalia Positiva, Fascia 2 con Anomalia Negativa, Fascia 3 con Anomalia Positiva (+,-,+)
  • Tripolo Negativo = Fascia 1 con Anomalia Negativa, Fascia 2 con Anomalia Positiva, Fascia 3 con Anomalia Negativa (-,+,-)

Tripolo Negativo

Questo tripolo è caratterizzato dalla temperatura della superficie dell'Oceano alle "medie latitudini" più fredda rispetto al Normale mentre basse e alte latitudini le temperature superficiali sono più alte del normale. Soprattutto l'anomalia positiva alle alte latitudini determina solitamente la formazione al largo delle coste canadesi di una centro di Altapressione in grado di favorire la discesa del Jet Stream con conseguente "maggiore dinamicità" meteorologica anche sull'Italia (soprattutto il Centro Nord) a causa delle continue oscillazioni del flusso zonale. Questo ovviamente in inverno può determinare feroci discese di aria artica alle nostre latitudini...mentre in estate può per lo meno provare a "interrompere" l'egemonia africana o azzorriana sull'Italia.

Tripolo Positivo

Questo tripolo è l'esatto opposto del precedente quindi la fascia con anomalia positiva è quella centrale, mentre le altre due presentano un'anomalia negativa. Questo ovviamente non è un bene per chi vuole che il clima mediterraneo sia un po' movimentato, in quanto una configurazione a tripolo positivo solitamente determina la deviazione del Jet Stream alle alte latitudini e come conseguenza non vi è la presenza di "onde atlantiche" in grado di perturbare il tempo sull'Italia. In questi casi infatti, quando ci va di culo abbiamo le Azzorre a farci compagnia, quando invece ci va proprio male...beh arriva l'africano.

Detta così sembrerebbe che in questo momento si sia in presenza di un tripolo positivo, in realtà non è così (come possiamo vedere dalla prima immagine). Infatti, le fasce pur esendo inclinate rispetto alle "ideali" mostrano chiaramente una forte anomalia positiva al largo di Terranova e una fascia centrale dalla Francia alle Coste della Florida con anomalia decisamente negativa (infatti il nord Italia è raggiunta da "corde atlantiche" deboli che comunque riescono in qualche modo a perturbare il tempo.

Per dare uno sguarda a quello che potrà accadere da adesso in poi, il discorso è piuttosto semplice. Se la situazione rimane invariata, il sud sarà esposto a continua attacchi Africani mentre il Nord sarà raggiunto da temporali che spesso potrebbero risultare anche violenti (questo a causa di un mediterraneo che sembra brodo...). Se invece l'anomalia negativa dovesse consentire la formazione di una bassa pressione permanente in mezzo all'atlantico... beh per dirla in parole meteorologicamente corrette, sarebbero cazzi!. Africano a manetta e temperature bollenti!... SE invece da un negativo si passa ad un positivo... vadoa  vivere in Finlandia...:-DDD

Vedremo!

 

 

Read 45938 times

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.